Indagini finanziarie: è incostituzionale la norma sui prelevamenti dei lavoratori autonomi

La Suprema Corte Costituzionale, su istanza della CTR del Lazio, ha definitivamente affermato che i prelevamenti sui conti correnti non costituiscono presupposto presuntivo valido per fondare l’accertamento nei confronti dei lavoratori autonomi.
Con la SENTENZA N. 228 ANNO 2014 la Suprema Corte Costituzionale (DEPOSITA IL 6 OTTOBRE 2014) ha dichiarato l’illegittimità costituzionale dell’art. 32, c. 1, n. 2, per. 2, del d.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 (Disposizioni comuni in materia di accertamento delle imposte sui redditi), come modificato dall’art. 1, c. 402, lett. a, n. 1, della legge 30 dicembre 2004, n. 311 (Disposizioni per la formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato – legge finanziaria 2005), limitatamente alle parole «o compensi».
Come noto l’articolo 32 comma 1 numero 2 del DPR 600/73, nella versione …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it