F24 telematici e rateazioni da Unico 2014: attenzione alle nuove regole in vigore da ottobre

Siamo in fase di consegna delle deleghe F24 per il saldo di Unico2014. E’ probabile che i contribuenti che scelgono di rateizzare gli importi dovuti utilizzino le rateizzazioni nei termini massimi concessi dalla legge.

In questa fase di elaborazione dei pagamenti bisogna ricordarsi che dal prossimo 1 ottobre gli F24 cartacei diventeranno una rarità, in quanto, l’articolo 11 del Decreto Legge n.66 (pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 95 del 24 aprile 2014) prevede nuove regole per i versamenti eseguiti a mezzo F24 da parte di contribuenti privati (cioè non titolari di partita Iva). In particolare:

  1. se il saldo finale del mod.f24, per effetto di compensazioni, è di importo pari a zero: si dovrà utilizzare esclusivamente i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline);

  2. se si effettua una compensazione e il saldo finale è di importo positivo oppure se l’importo da pagare è superiore a 1.000 Euro senza compensazioni: si dovrà utilizzare esclusivamente i servizi telematici dell’Agenzia delle Entrate o i servizi telematici messi a disposizione dagli intermediari della riscossione convenzionati con l’Agenzia delle Entrate cioè Banche, Poste italiane o agenti della riscossione (servizi di home banking o Cbi).

In pratica nel caso si utilizzi un codice tributo a compensazione (anche parziale in F24) non si potrà più pagare allo sportello e non si potranno più pagare allo sportello F24 di importo superiore a 1.000 euro.

Quindi in fase di predisposizione delle deleghe F24 per i versamenti dovuti in base ad Unico 2014 da parte dei contribuenti privati bisognerà tenere conto delle deleghe da versare in data successiva all’1 ottobre 2014 dovranno seguire i canali telematici e non potranno essere pagate allo sportello dal contribuente.

Se i professionisti decidono di consegnare le deleghe ai propri clienti per far effettuare in proprio i pagamenti dovranno ricordare ai clienti che eventuali versamenti di importo superiore a 1.000 euro dovranno essere fatti obbligatoriamente in via telematica dopo l’1 ottobre.

Ricordiamo che queste novità impattano su tutti pagamenti da effettuare a mezzo F24 dal prossimo mese di ottobre e che quindi bisognerà monitorare il corretto pagamento delle scadenze; per i contribuenti non dotati di partita Iva normalmente si riducono a poche tipologie di versamenti: contributi INPS e pagamenti dovuti a titolo di IMU e TASI.

14 agosto 2014

Luca Bianchi

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it