Diario quotidiano del 24 settembre 2014: sono nulle le cartelle esattoriali e gli accertamenti notificati tramite PEC!?

 

 Indice:

 1) Sono nulle le cartelle esattoriali e gli accertamenti inviati tramite PEC

 2) Iscrizione immediata di atti pubblici nel Registro delle imprese: prime indicazioni dal Ministero dello Sviluppo Economico

 3) Revisione legale: attivata area riservata ai tirocinanti

 4) Autotrasporto merci: incentivi per l’acquisto di mezzi, domande entro il 30 novembre 2014

 5) Rilevanza penale dell’omesso versamento di ritenute

 6) INPS: trasformazione delle domande di indennità mini-ASpI in domande di indennità ASpI

 7) Pronta la relazione annuale sull’attività di prevenzione del riciclaggio

 8) Brevi osservazioni del CNDCEC sul Disegno di Legge recante “Misure volte a rafforzare il contrasto alla criminalità organizzata e ai patrimoni illeciti”

 

 

1) Sono nulle le cartelle esattoriali e gli accertamenti inviati tramite PEC

Accertamenti e cartelle esattoriali inviati tramite PEC sono nulli secondo una recente sentenza della CTP di Milano.

Tutti gli atti dell’Amministrazione Fiscale inviati tramite posta elettronica certificata (PEC), sono affetti da nullità insanabile della notifica dato che la legge non prevede questa forma di comunicazione e/o notificazione per agli accertamenti fiscali.

Lo ha stabilito la Commissione Tributaria Provinciale di Milano, con la sentenza n. 6087/2014.

Nessuna norma prevede ancora che la notifica degli accertamenti fiscali possa avvenire tramite PEC, e quindi questa modalità di notifica, uscendo dallo schema tradizionale, è nulla o meglio inesistente.

Secondo i giudici milanesi, le Amministrazioni Finanziarie (Agenzia delle Entrate, Agenzia delle Dogane e dei Monopoli, Agenzia del Demanio, ecc.) non possono notificare gli accertamenti fiscali e quelli di rettifica, tramite PEC, ma si dovranno avvalere dei sistemi tradizionali e cioè tramite il servizio postale o tramite gli “ufficiali della riscossione o da altri soggetti abilitati dal concessionario nelle forme previste dalla legge” (art. 26, D.P.R. n. 602/1973).

 

2) Iscrizione immediata di atti pubblici nel Registro delle imprese: prime indicazioni dal Ministero dello Sviluppo Economico

Secondo quanto disposto dall’art. 20, comma 7-bis della L. n. 116/2014, di conversione del D.L. n. 91/2014, a decorrere dal 1° settembre 2014, quando l’iscrizione è richiesta sulla base di un atto pubblico o di una scrittura privata autenticata, il Conservatore del Registro delle imprese procede all’iscrizione immediata dell’atto.

L’accertamento delle condizioni richieste dalla legge per l’iscrizione rientra nella esclusiva responsabilità del pubblico ufficiale che ha ricevuto o autenticato l’atto.

Resta ferma la cancellazione d’ufficio ai sensi dell’articolo 2191 del Codice civile.

Tale disposizione è entrata in vigore a decorrere dal 1° settembre 2014 e non si applicherà alle società per azioni.

Sull’argomento, il Ministero dello Sviluppo Economico ha emanato la circolare n. 3673/C del 19 settembre 2014, con la quale ha fornito chiarimenti e indicazioni in merito all’attuazione delle procedure di iscrizione degli atti in questione al Registro delle imprese.

Il Ministero affronta anche il problema dell’applicazione della nuova norma al caso in cui l’istante che presenta la domanda di iscrizione al Registro delle imprese non abbia comunicato il proprio indirizzo di PEC, pronunciandosi per la derogabilità della norma contenuta nel comma 7-bis dell’art. 20, della L. n. 116/2014, a favore della normativa che regola la comunicazione obbligatoria della PEC, per la quale il legislatore ha previsto una sanzione che va ad incidere direttamente nelle vicende dell’impresa impedendo l’iscrizione, e quindi la pubblicità, degli atti.

 

3) Revisione legale: attivata area riservata ai tirocinanti

La Ragioneria Generale dello Stato ha reso noto che, dal 16 settembre 2014, è disponibile un’apposita Area riservata accessibile, su base volontaria e previo accreditamento, da ciascun tirocinante iscritto, sospeso o che ha concluso…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it