Le linee guida 2014 dell'Agenzia delle Entrate per contrastare l’evasione fiscale

La circolare n. 25/E, diramata il 6 agosto 2014 contiene il piano annuale dei controlli per il 2014.
Riservandoci ulteriori approfondimenti specifici, indichiamo, in sintesi, le linee di intervento previste per il corrente anno, fermo restando che, anche per quest’anno, il modus operandi si muoverà secondo tracce già consolidate, che prevedono:

mappatura delle diversemacro-tipologie di contribuenti (grandi contribuenti e medie imprese, piccole imprese e lavoro autonomo, persone fisiche, enti non commerciali) e analisi del rischio mirate;

utilizzo di metodologie di interventodifferenziate per ciascuna macrotipologia e coerenti con altrettanti distinti sistemi di analisi e valutazione del rischio di evasione;

contrasto dei fenomeni di evasione e/o elusione piùpericolosi e diffusi;

selezione delle posizioni soggettive consituazioni di rischio elevate;

miglioramento qualitativo dei controlli (aumento della mediana degli accertamenti e delle definizioni) finalizzato alla chiusura della pretesa tributaria attraverso l’accertamento con adesione, l’adesione ai contenuti del p.v.c. e dell’invito al contraddittorio, nonché l’acquiescenza;

spostamento delle lavorazioni su annualità più recenti, al fine di ottimizzare l’attività di riscossione ed evitare l’effetto urgenza che scaturisce dalla trattazione sistematica di pratiche per annualità in scadenza.

Afferma la C.M.n.25/2014 che “è necessario non solo recuperare risorse immediate dalla lotta all’evasione, ma anche dare risposte alla sempre più diffusa e pressante esigenza di legalità ed equità. D’altra parte, la condivisione, da parte dei cittadini, della strategia fiscale, unica strada percorribile per un recupero stabile del tax gap, richiede un costante impegno dell’Agenzia volto a generare nei contribuenti la percezione della correttezza e proporzionalità dell’azione di controllo”.
In particolare, la strategia del controllo dovrà abbandonare i “ rilievi di carattere meramente formale, in coerenza con il principio della proficuità comparata e avvalendosi di specifiche analisi di rischio che consentano la individuazione dei comportamenti di maggiore pericolosità”.

Grandi contribuenti
Nei confronti dei “Grandi contribuenti” viene confermata l’attività di tutoraggio, da parte delle Direzioni Regionali, con la predisposizione delle schede di rischio.
L’attività dovrà essere improntata al monitoraggio delle fattispecie già riscontrante, con particolare riferimento agli schemi di pianificazione fiscale aggressiva attuata anche su scala internazionale, attribuendo priorità ai fenomeni di erosione/spostamento di base imponibile su scala internazionale.
In considerazione del sempre delicato stato dell’economia, “è necessario accordare priorità alla lavorazione degli elementi che riguardano pretese che possono comportare significative ricadute sulle aziende interessate dai controlli, instaurando, ove possibile e qualora tale modalità non sia incompatibile con la decadenza dell’azione accertatrice, un proficuo contraddittorio, preventivo rispetto all’emissione degli avvisi di accertamento, che consenta agli uffici di porre in essere una completa ed esaustiva istruttoria prima dell’eventuale emanazione dei provvedimenti”.

Imprese di medie dimensioni
Al fine di potenziare le attività di controllo nel comparto delle imprese di medie dimensioni e migliorarne la proficuità viene raccomandata l’adozione delle seguenti iniziative:

coordinamento da parte della Direzione Regionale dell’attività di controllo con riguardo alle imprese di medie dimensioni appartenenti a gruppi di imprese, prevedendo, …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it