Esenzioni dal bollo per gli enti locali sulle comunicazioni di deposito titoli e modalità di recupero dell’imposta di bollo già versata

di Marco Castellani

Pubblicato il 2 agosto 2014

gli enti locali che detengono titoli in deposito presso intermediari finanziari sono esentati dal pagamento dell'imposta di bollo! (tratto dal nostro servizio dedicato agli ENTI LOCALI: http://pa.commercialistatelematico.com/ )

L’interpello del Comune di Ravenna e la risposta dell’Agenzia delle Entrate

Buone notizie per gli enti locali in tema di Imposta di bollo. L’Agenzia delle Entrate in risposta all’interpello 954-160/2014 proposto dal Comune di Ravenna accoglie le argomentazioni avanzate dall’ente istante in favore dell’esenzione dall’Imposta proporzionale di bollo delle comunicazioni periodiche dei tesorieri relative ai prodotti finanziari (titoli, in particolare) degli enti locali.

L’istanza fa in particolare riferimento al disposto dell’articolo 13, comma 2-ter della Tariffa allegata al D.P.R. n. 642/1972 (Disciplina dell’Imposta di bollo), che per effetto delle modifiche apportate dall’articolo 19 del D.L. n. 201/2011 (Decreto Monti “Salva-Italia”) a partire dal 2012 ha previsto l’applicazione in misura proporzionale dell’imposta sulle »Comunicazioni periodiche alla clientela relative a prodotti finanziari». Le aliquote di tassazione nel corso degli anni sono via via passate dall’1 per mille del 2012 all’1,5 per mille del 2013 e al 2 per mille del 2014; parallelamente, sono aumentati i massimali di tassazione: dai 1.200 euro del 2012 ai 4.500 euro del 2