Diario quotidiano dell’1 agosto 2014: tante novità sulla TASI e sul registro imprese

Pubblicato il 1 agosto 2014

dichiarazione esenzione IMU enti non commerciali da differire; novità in materia di Registro delle Imprese; il Fisco scrive ai contribuenti: rimborsi più veloci; TASI: chiarimenti in materia di applicazione della maggiorazione dello 0,8 per mille; trattamento fiscale del gas naturale; controversie in materia di trattamenti pensionistici e di adempimento delle prestazioni riconosciute solo in parte; elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille dopo i termini per l’iscrizione; indicazioni operative per il contratto a termine e l’apprendistato dopo il Jobs Act; nullità dell’avviso di accertamento anticipato; credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura - “ART-BONUS”

 Indice:

 1) Dichiarazione esenzione IMU enti non commerciali da differire

 2) Novità in materia di Registro delle Imprese

 3) Il fisco scrive ai contribuenti: rimborsi più veloci con l’accredito diretto sul conto corrente

 4) TASI: chiarimenti in materia di applicazione della maggiorazione dello 0,8 per mille

 5) Trattamento fiscale del gas naturale impiegato presso le aziende ospedaliere

 6) Decadenza dall’azione giudiziaria per le controversie in materia di trattamenti pensionistici e di adempimento delle prestazioni riconosciute solo in parte

 7) Pubblicati gli elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio del 5 per mille dopo i termini per l’iscrizione

 8) Indicazioni operative per il contratto a termine e l’apprendistato dopo il Jobs Act

 9) Nullità dell’avviso di accertamento anticipato

 10) Credito di imposta per favorire le erogazioni liberali a sostegno della cultura - “ART-BONUS”

 

 

1) Dichiarazione esenzione IMU enti non commerciali da differire

Assosoftware, con il comunicato del 30 luglio 2014, ha evidenziato che la dichiarazione IMU degli enti non commerciali, la cui scadenza per l’invio telematico è prevista per il 30 settembre 2014, difficilmente potrà essere gestita in modo informatizzato dai propri associati. Tale modello dichiarativo istituito con decreto dell’Economia il 26 giugno 2014, non ha ancora visto la pubblicazione delle specifiche tecniche telematiche, inoltre in atto permangono numerosi dubbi e richieste di chiarimento anche in merito alla individuazione dei soggetti obbligati e della determinazione dell’imposta.

Con la chiusura estiva del mese di agosto oramai alle porte per molte software house e il groviglio di scadenze ed adempimenti che già si intersecano nei mesi di settembre e ottobre (invio telematico di UNICO, 770, versamento TASI, ecc.) è evidente che questo ulteriore impegno mette in grave difficoltà tutti gli addetti ai lavori e rende praticamente impossibile rispettare il termine del 30 settembre 2014.

 

2) Novità in materia di Registro delle Imprese

Iscrizione immediata dell’atto per agevolare le procedure per l’avvio delle attività economiche, nonché le procedure per l’iscrizione nel Registro delle imprese.

L’Assemblea del Senato, lo scorso 25 luglio scorso, ha approvato il maxiemendamento interamente sostitutivo del Disegno di Legge n. 1541 di conversione in legge del D.L. n. 91/2014 in materia di competitività, sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia.

Il provvedimento è poi passato alla Camera che dovrà pronunciarsi su un testo denso di novità riguardo le norme in materia di quotazione delle imprese e in materia di diritto societario (artt. 20 e 21).

Tra le novità emerge la norma introdotta dal nuovo comma 7-bis, dell’art. 20, con cui si prevede che, al fine di facilitare e accelerare le procedure per l’avvio delle attività economiche, nonché le procedure per l’iscrizione nel Registro delle imprese, quando l’iscrizione è richiesta sulla base di un atto pubblico, o di una scrittura privata autenticata, il Conservatore del Registro procederà all’iscr