Studi di settore: la compilazione rigo per rigo del quadro F

di Celeste Vivenzi

Pubblicato il 29 luglio 2014



in questo mese di luglio sono tanti i dubbi relativi alla compilazione degli studi di settore: ecco una guida pratica alla compilazione del quadro F

PREMESSA: LE REGOLE GENERALI DA APPLICARE

La corretta indicazione del codice Ateco 2007

Se il contribuente non ha comunicato il nuovo codice di attività può farlo col modello UNICO2014 e presentare all'Agenzia delle Entrate la comunicazione di variazione, ai sensi dell'art. 35 d.p.r. 633/72, prima del termine dell'invio della dichiarazione telematica senza essere soggetto a sanzioni. Nel caso invece di variazione dell'attività esercitata il Contribuente, se aveva già in precedenza comunicato i codici delle attività in oggetto, non deve provvedere ad alcuna comunicazione ai sensi dell'art. 35 ma deve solo modificare il codice Ateco nei modelli della dichiarazione (quadri RF, RG e Iva).



Compilazione dei dati contabili strutturali

In via generale l'indicazione di tali dati non segue il criterio fiscale ma il criterio del costo contabile. Al contrario nella parte contabile i dati devono essere indicati con le limitazioni previste dai criteri fiscali (esempio Carburanti al 20%, costi al 80%...).

 

Compilazione quadro A: personale addetto all'attività

Non devono essere indicati in questo quadro i Soci di capitale e gli Associati in partecipazione che apportano esclusivamente capitale; non possono essere considerati soci di capitale i soggetti per i quali si versano contributi previdenziali o contributi Inail e coloro che svolgono la funzione di Amministratore.

 

Compilazione del quadro B: unità locali

Vanno indicate le unità locali permanenti e quindi non vanno indicate eventuali postazioni situate in cantieri. La superficie deve essere quella effettiva (potrebbe quindi divergere da quella indicata sulla licenza commerciale) e devono essere indicate tutte le unità utilizzate nel periodo d'imposta anche se non sono in essere alla data del 31.12. Nelle note occorre indicare la data di apertura o di chiusura avvenuta nel periodo d'imposta delle eventuali unità locali.

 

LA COMPILAZIONE DEI QUADRI CONTABILI: ANALISI DEI PRINCIPALI CAMPI DEL MODELLO

F00 - CASELLA “CONTABILITA' ORDINARIA PER OPZIONE”: deve barrare la casella il contribuente che pur potendo adottare la contabilità semplificata ha optato per il regime ordinario.

 

F01 - RICAVI (ESCLUSI AGGI E RICAVI FISSI): occorre indicare i ricavi di cui all’art. 85, c. 1, lett. a – b, del TUIR, ovvero i corrispettivi relativi a cessioni/prestazioni di servizi alla cui produzione o scambio è diretta l’attività d’impresa, cessioni di materie prime e sussidiarie, di semilavorati ed altri beni mobili con esclusione di quelli strumentali, acquistati o prodotti per essere impiegati nella produzione (vanno compresi anche i ricavi derivanti da autoconsumo personale o familiare e da beni destinati ai soci). Non vanno indicati iricavi derivanti dall’affitto di un ramo d’azienda, i ricavi delle attività per le quali si percepiscono aggi o ricavi fissi, le indennità conseguite a titolo di risarcimento danni (anche in forma assicurativa), gli altri componenti positivi che concorrono a formare il reddito e i passaggi interni per esigenze amministrative.

 

F02 - ALTRI PROVENTI CONSIDERATI RICAVI CAMPO 1: ammontare degli altri proventi considerati ricavi, ossia i ricavi diversi da quelli indicati all’art. 85, comma 1, lettere a), b), c), d), e) del TUIR.

 

F02 - ALTRI PROVENTI CONSIDERATI RICAVI CAMPO 2: le indennità conseguite a titolo di risarcimentoper la perdita o il danneggiamento di beni da cui derivano ricavi (art. 85, c. 1, lett. f, TUIR).

 

F03 - ADEGUAMENTO DA STUDI DI SETTORE: nel rigo F03 va indicato l’ammontare dei maggiori ricavi dichiarati ai fini dell’adeguamento da studi (la maggiorazione del 3%, calcolata sulla differenza tra i ricavi derivanti dall’applicazione degli studi e quelli annotati nelle scritture contabili non va indicata nel rigo F03 ma va versata con il codice tributo “4726”, per le persone fisiche e il codice tributo “2118”, per i soggetti diversi dalle persone fisiche).

F04 - INCREMENTI IMMOBILIZZAZIONI PER LAVORI INTERNI: si indicano gli incrementi delle immobilizzazioni per lavori interni (costi che l’impresa ha sostenuto per la realizzazione di immobilizzazioni materiali e immateriali).

F05 - ALTRI PROVENTI E COMPONENTI POSITIVI: vanno indicati gli altri proventi, compresi quelli derivanti dalle gestioni accessorie (i.e. si indicano i redditi degli immobilidell’impresa che non costituiscono beni strumentali ovvero beni alla cui produzione/scambio è diretta l’attività dell'impresa, i redditi degli immobili situati nel territorio dello Stato e degli immobili situati all’estero, le provvigioni atipiche, la quota tassata delle plusvalenze - art. 86 e 58, TUIR - e delle sopravvenienze attive - art. 88 TUIR -, gli utili che sono stati oggetto di agevolazione per le imprese che hanno sottoscritto o aderito a un contratto di rete - art. 42 DL 78/2010 -, gli altri proventi non classificabili altrove nonché gli altri componenti positivi, non aventi natura finanziaria o straordinaria, che hanno contribuito alla determinazione del reddito. I soggetti che nel 2014 si sono avvalsi del regime dei “nuovi minimi” e che nel 2013 avevano adottato un regime ordinario, devono indicare in questo rigo la somma algebrica dei componenti positivi e negativi di reddito, se di segno positivo, relativi ad esercizi precedenti a quello da cui ha effetto il regime di vantaggio per la parte eccedente euro 5.000, la cui tassazione/deduzione è stata rinviata in conformità alle disposizioni del TUIR in caso di eccedenza negativa si deve compilare il rigo F23).

 

F08 – F11 COSTI E RICAVI DA ATTIVITA' AD AGGIO E RICAVO FISSO: la compilazione varia a secondo della modalità di contabilizzazione ovvero: se è stato contabilizzato il solo aggio percepito ovvero i ricavi al netto del prezzo corrisposto al fornitore si deve compilare esclusivamente il rigo F08 indicando l’importo netto; al contrario se sono stati contabilizzati i ricavi lordi e i costi d’acquisto/le rimanenze si dovranno compilare i righi da F08 a F11. A titolo indicativo si citano le attività interessate: rivendita di carburante, rivendita di lubrificanti effettuata dagli esercenti impianti di distribuzione stradale di carburanti, rivendita con contratto estimatorio di giornali, di libri e di periodici ,valori bollati e postali, generi di monopolio, lotterie, gratta e vinci, superenalotto, lotto, totocalcio, totogol, vendita ricariche telefoniche, ricariche prepagate per la visione di programmi, abbonamenti, biglietti e tessere per i mezzi pubblici, viacard, tessere e biglietti per parcheggi, bollo auto, canone Rai .

 

F12 e F13 - ESISTENZE INIZIALI E RIMANENZE FINALI: nel rigo F12 sono da indicare le esistenze iniziali relative a materie prime e sussidiarie,prodotti in corso di lavorazione, semilavorati, servizi non di durata ultra annuale,merci e prodotti finiti. Nel rigo F13 va indicato il valore delle rimanenze finali relative a materie prime e sussidiarie, semilavorati, prodotti finiti e merci, prodotti in corso di lavorazione e servizi non di durata ultra annuale.

 

F14 - COSTI PER ACQUISTO MATERI PRIME,SEMILAVORATI E MERCI: va indicato l’ammontare dei costi sostenuti per l’acquisto di materie prime e sussidiarie , semilavorati e merci compresi gli oneri accessori di diretta imputazione e le spese per le lavorazioni conto terzi.

 

F15 - COSTI PRODUZIONE SERVIZI: in questo campo vanno indicate le spese per i carburanti e i lubrificanti sostenute dalle imprese di autotrasporto di cose per conto di terzi, dagli agenti e rappresentanti di commercio e dai titolari di licenza per l’esercizio taxi; le spese per l’appalto di trasporti commissionati a terzi dalle imprese di autotrasporto; le spese per l’acquisto dei prodotti utilizzati dai barbieri e dai parrucchieri per lo svolgimento della loro attività (i.e. per il lavaggio e la cura dei capelli); i costi sostenuti per l’acquisto di materiale elettrico dagli installatori di impianti elettrici; i diritti pagati alla SIAE dai gestori delle sale da ballo; i costi sostenuti per l’acquisto dei diritti d’autore.

 

F16- SPESE PER ACQUISTI DI SERVIZI: nel campo vanno indicate le spese pe l’acquisto di servizi inerenti all’amministrazione; la tenuta della contabilità; il trasporto dei beni connesso all’acquisto o alla vendita; i premi di assicurazione relativi all’attività; i servizi telefonici, compresi quelli accessori; i consumi di energia; i carburanti, lubrificanti e simili destinati all’autotrazione, le provvigioni attribuite dalle case mandanti agli agenti e rappresentanti di commercio e quelle attribuite dagli agenti di assicurazione ai propri sub-agenti; i compensi corrisposti agli amministratori non soci delle società di persone e agli amministratori delle società ed enti soggetti all’Ires unitamente ai contributi previdenziali e assistenziali, nonché dei rimborsi spese; la quota di costo eccedente gli oneri retributivi e contributivi che l’impresa ha sostenuto per l’impiego di personale utilizzato in base a contratto di somministrazione di lavoro; le spese di tenuta della contabilità includono quelle per la tenuta dei libri paga e per la compilazione delle dichiarazioni fiscali; le spese per il trasporto dei beni se non sono state comprese nel costo degli stessi beni quali oneri accessori; tra i consumi di energia vanno comprese le spese sostenute nel periodo d’imposta per qualsiasi tipo di fonte energetica (energia elettrica, metano, gasolio..) utilizzata per consentire lo svolgimento del processo produttivo, con esclusione delle spese per il riscaldamento dei locali; i costi relativi a carburanti e simili includono tutto ciò che serve per la trazione degli automezzi (benzina, gasolio, metano, gas liquido...).

NOTA BENE

Non si tiene conto dei premi riguardanti le assicurazioni obbligatorie per legge, ancorché l’obbligatorietà sia correlata all’esercizio dell’attività d’impresa (i.e. fini di semplificazione, oltre alla RCA, anche quelli per furto e incendio, e i premi Inail relativi all’imprenditore, e ai collaboratori familiari); non rientrano tra le spese in oggetto quelle di rappresentanza, di custodia, di manutenzione e riparazione e per viaggi e trasferte.

 

F16 colonna 2:vanno indicati i “compensi”corrisposti ai soci per l’attività di amministratore da parte di società ed enti soggetti all’Ires, comprensivi dei contributi previdenziali e assistenziali, nonché dei rimborsi spese.

F17 ALTRI COSTI PER SERVIZI: si inseriscono i costi sostenuti per l’acquisto di servizi che non sono stati inclusi nei righi F15 e F16 ovvero: costi per compensi a sindaci e revisori, le spese per il riscaldamento dei locali, per pubblicità, servizi esterni di vigilanza, servizi esterni di pulizia, i premi per assicurazioni obbligatorie, per rappresentanza, per manutenzione ordinaria di cui all’art. 102, c. 6, T.U.I.R., per viaggi, soggiorno e trasferte (ad esclusione di quelle relative al personale da indicare nel rigo F19), costi per i servizi eseguiti da banche ed imprese finanziarie, per spese postali, spese per corsi di aggiornamento professionale dei dipendenti.

F18 COSTO PER IL GODIMENTO DI BENI DI TERZI:vanno indicatii canoni di locazione, finanziaria e non, i canoni di noleggio, i canoni d’affitto d’azienda. Per i canoni di locazione finanziaria relativi ad autovetture, autocaravan, motocicli e ciclomotori va tenuto conto delle disposizioni di cui all’art. 164 TUIR. In caso di affitto d'azienda l'Agenzia delle Entrate con la recente circolare n. 20/2014 ha stabilito quanto segue: al campo F18, 1 devono essere indicati i relativi canoni e non vanno compilati gli altri campi di dettaglio .

 

F18 CAMPO 2: indicare i canoni di locazione finanziaria e non finanziaria per i beni immobili; in caso di affitto di azienda non va indicato il canone riferito ai beni immobili compresi nel contratto di affitto.

F18 CAMPO 3:indicare i canoni di locazione non finanziaria e di noleggio per i beni mobili strumentali. In caso di Affitto di azienda non va indicato il canone riferito ai beni mobili strumentali compresi nel contratto.

 

F18 CAMPO 4: vanno indicati i canoni di locazione finanziaria per beni mobili strumentali fiscalmente deducibili, ad esclusione delle quote dei canoni che risulteranno deducibili oltre il periodo di durata del contratto.

 

F18 CAMPO 5: vanno indicati i canoni di leasing per beni mobili strumentali deducibili oltre il periodo di durata del contratto.

F19 - SPESE PER LAVORO DIPENDENTE: vanno indicate l’ammontare delle spese per prestazioni di lavoro al lordo dei contributi,prestazioni di lavoro rese da lavoratori dipendenti a tempo pieno e a tempo parziale, dagli apprendisti e dai collaboratori coordinati e continuativi, delle quote di indennità di quiescenza e previdenza maturate nel periodo d’imposta. Tra le spese in questione rientrano anche quelle sostenute per l’impiego di personale di terzi, distaccato presso l’impresa, ad eccezione della parte eccedente gli oneri retributivi e contributivi (quest’ultima va computata nella determinazione del valore da indicare al rigo F16 “spese per acquisti di servizi”). le spese per altre prestazioni di lavoro, diverse da quelle di lavoro dipendente e assimilato (i.e. quelle sostenute per i lavoratori autonomi) direttamente afferenti l’attività esercitata dal contribuente; i premi pagati alle compagnie di assicurazione che sostituiscono in tutto o in parte le suddette quote di indennità di quiescenza e previdenza maturate nel periodo d’imposta; l’ammontare delle spese per “compensi” corrisposti ai soci per l’attività di amministratore da parte di società di persone, comprensivi dei contributi previdenziali e assistenziali, nonché dei rimborsi spese; i costi sostenuti per le trasferte effettuate fuori dal territorio comunale dai lavoratori dipendenti e dai titolari di rapporti di collaborazione coordinata e continuativa . Con riferimento a detta tipologia di costi, le imprese autorizzate all’autotrasporto di merci che provvedono alla deduzione degli importi forfetari di cui all’art. 95, c. 4, T.U.I.R., devono indicare, in questo rigo, le sole spese effettivamente sostenute. Le eventuali quote dei suddetti importi forfetari, eccedenti le spese effettivamente sostenute in relazione alle trasferte effettuate dal proprio dipendente fuori dal territorio comunale, devono essere indicate nel rigo F23 “Altri componenti negativi”.

F20 - AMMORTAMENTI: in tale rigo vanno indicati al Campo 1 l’ammontare delle quote di ammortamento del costo dei beni materiali ed immateriali, strumentali per l’esercizio dell’impresa comprese le spese per l’acquisto di beni strumentali di costo unitario inferiore ad € 516,46 tenendo conto delle disposizioni dell'art. 164 del TUIR per i beni a deducibilità limitata. Al campo 2 vanno indicate le quote di ammortamento relative a beni immobili strumentali, comprese le spese per l’acquisto di beni strumentali di costo unitario inferiore ad € 516,46 già incluse nel campo 1.

F22 - ONERI DIVERSI DI GESTIONE: in questo rigo sono compresi i contributi ad associazioni di categoria, l’abbonamento a riviste e giornali, l’acquisto di libri, le spese per cancelleria, le spese per omaggi a clienti e articoli promozionali, le minusvalenze a carattere ordinario, i costi di gestione e manutenzione di immobili civili, i costi di manutenzione e riparazione di macchinari, impianti, locati a terzi, le perdite su crediti, le spese generali.

 

F23 – ALTRI COMPONENTI NEGATIVI: in tale rigo devono essere indicati ad esempio: la deduzione forfetaria delle spese non documentate prevista dall’art. 66, c. 5, T.U.I.R., a favore delle imprese autorizzate all’autotrasporto di cose per conto terzi; l’importo deducibile delle quote di accantonamento annuale al TFR destinate a forme pensionistiche complementari (art. 105 c. 3 T.U.I.R.), nonché le somme erogate agli iscritti ai fondi di previdenza del personale dipendente, nella misura percentuale corrispondente al rapporto tra la parte del fondo pensione interno assoggettata a tassazione e la consistenza complessiva del medesimo fondo risultante alla fine dell’esercizio precedente all’erogazione delle prestazioni; la somma pari al 50% della rendita catastale degli immobili utilizzati promiscuamente per l’esercizio dell’impresa e per uso personale o familiare dell’imprenditore, a condizione che il contribuente non disponga di altro immobile adibito esclusivamente all’esercizio dell’impresa; l’ammontare dei ristorni erogati ai soci, da parte delle società cooperative e loro consorzi, quali somme ulteriori ed eventuali ad essi attribuiti, al fine di riconoscere ai predetti soci il vantaggio derivante dallo scopo mutualistico; l’importo pari al 10% dell’IRAP versata nel periodo d’imposta oggetto della presente dichiarazione sia a titolo di saldo (di periodi d’imposta precedenti) che di acconto, deducibile dal reddito d’impresa, l'ammontare IRAP versata sulle spese del personale dipendente e assimilato al netto delle deduzioni, gli importi esclusi dal reddito per i bonus capitalizzazione e per le reti d'impresa, l'importo del'IMU deducibile relativa ai beni strumentali. L’Agenzia delle Entrate , con la circolare n. 20/2014, ha segnalato un possibile malfunzionamento dell’indicatore di normalità economica “Incidenza dei costi residuali di gestione sui ricavi” qualora si indichi nel rigo F23 “Altri componenti negativi” l’importo dell’IMU deducibile sui fabbricati strumentali per il 2013.

F24 - RISULTATO DELLA GESTIONE FINANZIARIA: in tale rigo vanno indicati il risultato della gestione finanziaria che deriva dalla partecipazione in società di capitali, gli altri proventi aventi natura finanziaria, i dividendi eil risultato derivante dalla cessione di partecipazioni, gli altri proventi da partecipazione e gli altri proventi finanziari derivanti da crediti iscritti nelle immobilizzazioni, da titoli iscritti nelle immobilizzazioni e nell’attivo circolante e altri proventi di natura finanziaria quali interessi su c/c bancari, su crediti commerciali, su crediti verso dipendenti...

 

F26 - PROVENTI STRAORDINARI: vanno indicate le plusvalenze derivanti da operazioni straordinarie (ristrutturazione e cessione azienda) e le sopravvenienze attive derivanti da fatti eccezionali estranee all'attività d'impresa (i.e. rimborsi per furti)

 

F27 - ONERI STRAORDINARI: vanno indicate le minusvalenze straordinarie e le sopravvenienze passive eccezionali (furti...).

 

F29 - CAMPO 1 VALORE BENI STRUMENTALI: occorre indicare il valore ottenuto sommando:il costo storico, comprensivo degli oneri accessori di diretta imputazione e degli eventuali contributi di terzi, dei beni materiali e immateriali, escluso l’avviamento, ammortizzabili ai sensi degli artt. 64, 102, 102 bis e 103 T.U.I.R., da indicare nel registro dei beni ammortizzabili o nel libro degli inventari ovvero nel registro degli acquisti tenuto ai fini IVA, al lordo degli ammortamenti, considerando le eventuali rivalutazioni a norma di legge effettuate prima dell’entrata in vigore delle disposizioni di cui agli artt. da 10 a 16 della legge 21 novembre 2000, n. 342;il costo di acquisto sostenuto dal concedente per i beni acquisiti in dipendenza di contratti di locazione finanziaria, al netto dell’imposta sul valore aggiunto. A tal fine non assume alcun rilievo il prezzo di riscatto, anche successivamente all’esercizio dell’opzione di acquisto; il valore normale al momento dell’immissione nell’attività dei beni acquisiti in comodato ovvero in dipendenza di contratti di locazione non finanziaria. In caso di affitto o usufrutto d’azienda, va considerato il valore attribuito ai beni strumentali nell’atto di affitto o di costituzione in usufrutto. Nel caso in cui il periodo d’imposta coincida con l’anno solare, quest’ultimo è da considerarsi convenzionalmente pari a 365 giorni. Pertanto, in tale ipotesi, un bene che sia stato acquistato il 1° dicembre e che risulti ancora presente tra i beni strumentali alla data della chiusura dell’esercizio andrà valutato indicando i 31/365 del relativo valore, mentre un bene presente tra i beni strumentali alla data di inizio dell’esercizio e che sia stato venduto il 30 settembre andrà valutato indicando i 273/365 del relativo valore. Nella determinazione del “Valore dei beni strumentali” inoltre non si tiene conto degli immobili, incluse le costruzioni leggere aventi il requisito della stabilità; è possibile non tener conto del valore dei beni strumentali inutilizzati nel corso del periodo d’imposta a condizione che non siano state dedotte le relative quote di ammortamento. In caso di affitto d'azienda l'Agenzia delle Entrate con la recente circolare n.20-2014 ha stabilito quanto segue: F29, campo 1 deve essere indicato il valore dei beni mobili strumentali compresi nel contratto di affitto e non vanno compilati gli altri campi di dettaglio.

 

F36 - MATERIE PRIME, SUSSIDIARIE, SEMILAVORATI, MERCI E PRODOTTI FINITI: va indicato il valore dei beni del magazzino che, nel corso del 2013, sono andati distrutti in dipendenza di un fatto eccezionale o perduti a causa di eventi fortuiti o accidentali (furto o smaltimento) al lordo del risarcimento assicurativo se trattasi di beni indicati tra le esistenze iniziali ovvero del relativo costo di acquisto se trattasi di beni acquistati nel corso dell’esercizio.

 

F37: va indicatoil valore dei beni soggetti ad aggio o ricavo fisso che, nel corso del 2013, sono stati distrutti dall’imprenditore in dipendenza di un fatto eccezionale o perduti a causa di eventi fortuiti o accidentali al lordo dell’eventuale risarcimento assicurativo già incluso nel rigo F09 e/o F11.

F38: occorre indicare il valore delle esistenze iniziali relative ad opere di durata ultra annuale che nel 2013 sono state distrutte dall’imprenditore in dipendenza di un fatto eccezionale o perduti a causa di eventi fortuiti o accidentali al lordo dell’eventuale risarcimento assicurativo (già incluso nel campo 2 di F06).

F39: va indicato l’ammontare delle spese (già incluse nel rigo F20) sostenute e integralmente dedotte nel 2013 per l’acquisto di beni strumentali di costo unitario ai 516,46 euro .

F40: barrando la casella il contribuente indica senel periodo d'imposta 2011 e/o in quelli precedenti si è avvalso del regime dei minimi (serve ad evitare la segnalazione della divergenza tra il reddito indicato in Unico ed il reddito indicato a rigo F28 del modello studi). La circolare n. 20-2014 dell'Agenzia delle Entrate precisa che le imprese ex minimi per le quali il 2013 è il primo anno di applicazione del regime “ordinario” non devono effettuare la rielaborazione dei dati contabili relativi al 2013 ma devono barrare la casella di rigo V03 “Applicazione del regime dei minimi nell’anno precedente” (nel regime d'impresa si ricorda che tali contribuenti non sono accertabili sulla base degli studi di settore).



Abbiamo elaborato un'utilissima applicazione per la gestione dei dati contabili degli studi di settore, clicca qui per maggiori informazioni



29 luglio 2014

Celeste Vivenzi