La pubblicazione dei bilanci

Trasparenza

Pubblicazione dei bilanci e dei documenti allegati

L’articolo 8 della Legge di conversione del Decreto interviene sul D.Lgs. n. 33/2013 (Decreto Trasparenza) e mediante la riformulazione del primo comma dell’articolo 29, amplia gli obblighi di trasparenza degli enti locali. Nella nuova versione della norma si dispone che le pubbliche amministrazioni sono tenute a pubblicare i documenti e gli allegati del bilancio preventivo e del conto consuntivo entro trenta giorni dalla loro adozione, nonché i dati relativi al bilancio di previsione e a quello consuntivo in forma sintetica aggregata e semplificata, anche con il ricorso a rappresentazioni grafiche, al fine di assicurare la piena accessibilità e comprensibilità.

Si fa innanzitutto presente che il nuovo primo comma dell’articolo 29 di fatto conferisce carattere generale a disposizioni similari nel contenuto già in precedenza adottate in specifici settori della pubblica amministrazione (come ad esempio quelle contenute nel TUEL per i documenti economico-finanziari degli enti locali).

Di fatto il Decreto amplia la mole dei documenti oggetto della pubblicazione (in precedenza infatti si faceva solo un generico riferimento ai “dati relativi al bilancio di previsione e a quello consuntivo”) ed imprime un deciso impulso ai tempi di adempimento dell’obbligo di pubblicazione, che, secondo quanto previsto nella nuova versione della disposizione, deve essere effettuato entro il breve termine di 30 giorni dalla pubblicazione dei documenti.

L’intervento del legislatore è volto ad assicurare la più ampia disponibilità delle informazioni di bilancio delle pubbliche amministrazioni, in quell’ottica di agevolazione delle forme di accesso civico da parte dei cittadini che ha ispirato diversi atti legislativi e regolamentari adottati dagli ultimi Governi in carica nel corso degli ultimi anni.

Nella medesima logica si inserisce il nuovo comma 1-bis introdotto nell’articolo 29 del citato Decreto Trasparenza, per effetto del quale le amministrazioni dovranno provvedere a pubblicare e rendere accessibili (in un portale unico) i dati relativi alle entrate e alle spese desumibili dai propri bilanci e consuntivi. L’attuazione della disposizione è tuttavia affidata ad un Decreto del Presidente del Consiglio dei ministri da adottare sentita la Conferenza unificata.

La lettera c) del comma 1 dell’articolo 8 introduce un’ulteriore modifica al comma 1 dell’articolo 33 del D.Lgs. 33/2013, che in precedenza disponeva l’obbligo di pubblicazione, con cadenza annuale, di un indicatore dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture, denominato “indicatore di tempestività dei pagamenti”.

La disposizione viene rafforzata dall’ulteriore previsione dell’obbligo di pubblicare anche un indicatore trimestrale di tempestività dei pagamenti, con cadenza appunto trimestrale, a decorrere dal 2015. Anche in questo caso, la norma rinvia, per l’adozione dello schema tipo e delle modalità con cui elaborare e pubblicare tali indicatori (annuali e trimestrali), ad un DPCM, da emanarsi, sentita la Conferenza Unificata, entro trenta giorni dall’entrata in vigore della Legge di conversione del Decreto, ossia entro il 24 luglio 2014.

Pubblicazione dei dati SIOPE

Il comma 3 dell’articolo 8 apre alla consultazione pubblica anche i dati degli incassi e dei pagamenti effettuati dai tesorieri di tutte le amministrazioni pubbliche raccolti tramite il sistema di rilevazione telematica SIOPE (Sistema informativo sulle operazioni degli enti pubblici). Si modifica infatti l’articolo 14 della Legge n. 196/2009 disponendo che i dati SIOPE delle amministrazioni pubbliche gestiti dalla Banca d’Italia devono essere di “tipo aperto” (come modificato dal Senato) e liberamente accessibili. La definizione delle modalità di accesso è comunque rinviata ad un apposito Decreto del Ministero dell’Economia e delle finanze, da adottare sempre entro il 24 luglio 2014.

8 luglio 2014

Marco…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it