Fattura elettronica: i nuovi chiarimenti dell'Agenzia

Abbiamo a disposizione 2 soluzioni software per gestire la fatturazione elettronica verso la P.A., clicca qui per approfondire…
 
La direttiva 2010/45/UE, che ha modificato la direttiva 2006/112/CE del 28 novembre 2006, al fine di semplificare, modernizzare e armonizzare le norme in materia di fatturazione dell’IVA, ha anche equiparato la fattura elettronica a quella cartacea, favorendone la sua più ampia diffusione.  Il nostro legislatore ha provveduto all’adeguamento alle disposizioni comunitarie attraverso l’art. 1, commi dal 325 al 328, della legge 24 dicembre 2012, n. 228 (legge di stabilità 2013), che ha modificato il D.P.R. 26 ottobre 1972, n. 633, ed in particolare gli articoli 21 e 39. L’Agenzia delle Entrate è intervenuta dapprima con la circolare n. 12/E del 3 maggio 2013 ed ora con la circolare n. 18/E del 24 giugno 2014 per fornire le istruzioni necessarie all’applicazione della nuova normativa.

Fattura elettronica e fattura cartacea
Proprio l’art. 21 del D.P.R. in esame ha definito la fattura elettronicacome quella “fattura che è stata emessa e ricevuta in un qualunque formato elettronico” e ha precisato che “La fattura, cartacea o elettronica, si ha per emessa all’atto della sua consegna, spedizione, trasmissione o messa a disposizione del cessionario o committente”, ciò avviene, ad esempio, quando il documento è pubblicato sul sito o sul portale elettronico dell’emittente ovvero del terzo incaricato dell’emissione per suo conto. Da tale specificazione l’Agenzia delle Entrate ha ritenuto di poter individuare la discriminante tra fattura cartacea ed elettronica nella circostanza che la fattura sia in formato elettronico quando viene trasmessa o messa a disposizione, ricevuta ed accettata dal destinatario. Quindi possono essere considerate fatture elettroniche quelle create in formato cartaceo e successivamente trasformate in documenti informatici per essere inviate e ricevute tramite canali telematici, ad esempio la posta elettronica. Per contro non possono essere considerate elettroniche le fatture create in formato elettronico tramite un software di contabilità o un software di elaborazione di testi e successivamente inviate e ricevute in formato cartaceo.
L’unico limite segnalato nell’art. 21 è che “il ricorso alla fattura elettronica è subordinato all’accettazione da parte del destinatario”. A tal proposito, l’Agenzia delle Entrate ha precisato che l’accettazione non presuppone necessariamente un accordo formale, precedente o successivo, alla fatturazione fra le parti.

Requisiti della fattura elettronica
Il novellato art. 21 pone, in capo al soggetto passivo, l’obbligo di assicurare gli specifici requisiti di A. I. L. dal momento della sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione, infatti recita “Il soggetto passivo assicura l’autenticità dell’origine, l’integrità del contenuto e la leggibilità della fattura dal momento della sua emissione fino al termine del suo periodo di conservazione; autenticità dell’origine ed integrità del contenuto possono essere garantite mediante sistemi di controllo di gestione che assicurino un collegamento affidabile tra la fattura e la cessione di beni o la prestazione di servizi ad essa riferibile, ovvero mediante l’apposizione della firma elettronica qualificata o digitale dell’emittente o mediante sistemi EDI di trasmissione elettronica dei dati o altre tecnologie in grado di garantire l’autenticità dell’origine e l’integrità dei dati”. Analizziamo i singoli requisiti.

Autenticità dell’origine

Per autenticità dell’origine si intende che l’identità del fornitore/prestatore di beni/servizi…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it