La rilevanza dell’IVA nella riscossione dei tributi

di Marco Castellani

Pubblicato il 20 giugno 2014

le attività locali di riscossione dei tributi gestite tramite società in house sono soggette ad IVA?

Con la recente risoluzione n. 56/E del 30 maggio 2014, l’Agenzia delle Entrate torna a rimarcare l’assoluta irrilevanza dello schema in house providing ai fini IVA.

 

Il modello in house providing, come da consolidata giurisprudenza comunitaria ed italiana, sussiste tutte le volte in cui un ente pubblico affida direttamente e senza procedura ad evidenza pubblica un servizio pubblico locale o strumentale ad una società interamente partecipata che opera in misura esclusiva o prevalente con l’ente stesso e sulla quale viene esercitato un controllo analogo a quello esercitabile se i servizi affidati fossero gestiti direttamente dall’ente.

L’evoluzione normativa e giurisprudenziale ha di fatto reso equivalente lo schema in house sui servi pubblici locali e sui servizi strumentali. Le società posso avere anche più enti pubblici soci, in questo caso si dovrà verificare l’esercizio congiunto del controllo analogo.

 

Ma se la legittimazione giuridica dell’in house ha trovato anche la sua valenza costituzionale (Sentenza Corte Costituzionale 46/2013), il Fisco non ha mai riconosciuto questo istituto come rilevante ai fini dell’inquadramento dei rapporti economici tra Enti e Società, puntando l’attenzione sull’esistenza o meno del “sinallagma” tra ente affidante e società partecipata.

In particolare occorre distinguere tra contributi e corrispettivi di servizi.

  1. I contributi in c/esercizio (art. 85 c. 1 DPR 917/86) sono a fondo perduto e hanno la funzione di abbattimento dei costi di gestione. Per l’ente o società che li riceve costituiscono ricavo di esercizio per competenza economica (art. 109 c. 1 DPR 917/86) e quindi indipendentemente dall’effettiva percezione poiché rileva il momento in cui esiste al certezza giuridica del trasferimento (sono imputati alla voce A5 dello schema di conto economico civilistico). L’ente locale contabilizza il contributo nell’intervento 05 della spesa corrente. Sotto il profilo fiscale non sono