Il giudizio di ottemperanza: possibilità di compensazione

Il giudizio di ottemperanza in materia tributaria, regolamentato dall’art. 70 del D.Lgs. 31 dicembre 1992, n. 546, ha trovato attuazione in ragione delle direttive contenute nella legge delega n. 413 del 30 dicembre 1991, che prevedeva l’introduzione della disciplina dell’esecuzione coattiva delle sentenze pronunciate dal giudice tributario, anche a carico dell’Amministrazione finanziaria soccombente.
Tale azione è spesso esercitata dal contribuente nei casi in cui vi sia stata una,- non osservata, sentenza definitiva di condanna dell’Amministrazione finanziaria all’erogazione di un rimborso. Al fine di poter promuovere il relativo giudizio è, quindi, necessaria una sentenza passata in giudicato e, in tal senso, giova sin d’ora sottolineare, che la Corte costituzionale, con la sent. 30 luglio 2008, n. 316, ha sancito che non è fondata …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it