Fattura elettronica: le istruzioni ministeriali

A decorrere dal prossimo 6 giugno 2014 la fatturazione elettronica sarà obbligatoria nei confronti di Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti di previdenza.

Il Ministro dell’economia e delle finanze di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, con la circolare 31 marzo 2014, n. 1, forniscono le istruzioni per l’avvio del nuovo regime per le fatture della Pubblica Amministrazione. A seguito dell’introduzione nell’ordinamento italiano dell’obbligo di fatturazione elettronica nei confronti della pubblica amministrazione (articolo 1, comma 209, Legge n. 244/2007 – “Al fine di semplificare il procedimento di fatturazione e registrazione delle operazioni imponibili, a decorrere dalla data di entrata in vigore del regolamento di cui al comma 213, l’emissione, la trasmissione, la conservazione e l’archiviazione delle fatture emesse nei rapporti con le amministrazioni dello Stato, anche ad ordinamento autonomo, e con gli enti pubblici nazionali, anche sotto forma di nota, conto, parcella e simili, deve essere effettuata esclusivamente in forma elettronica, con l’osservanza del decreto legislativo 20 febbraio 2004, n. 52, e del codice dell’amministrazione digitale, di cui al decreto legislativo 7 marzo 2005, n. 82”), è stato istituito il Sistema di interscambio (Sdi) quale punto di passaggio obbligato di tutte le fatture dirette alla Pubblica Amministrazione e demanda al Ministro dell’Economia e delle Finanze, di concerto col Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione, la regolamentazione attuativa.

In ossequio a tali previsioni, il DM 3 aprile 2013, n. 55, ha stabilito le modalità attuative del regime di fatturazione elettronica applicabile alle cessioni di beni e prestazioni di servizi effettuate dalle imprese nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni, definendo una serie di regole tecniche e individuando, per classi di pubbliche amministrazioni, le date di decorrenza dell’obbligo di fatturazione elettronica. A tal fine, il Dipartimento delle Finanze e il Dipartimento della Funzione Pubblica, nella suddetta circolare, hanno predisposto le indicazioni necessarie per il corretto adempimento dell’obbligo di fatturazione elettronica e chiarito i dubbi sorti sia dalle pubbliche amministrazioni, sia dai fornitori di queste ultime. In particolare, le indicazioni operative riguardano: il termine per il caricamento delle anagrafiche degli uffici adibiti alla ricezione delle fatture elettroniche nell’Indice delle Pubbliche Amministrazioni, l’emissione della fattura elettronica, il divieto di pagamento in assenza di fattura elettronica e il trattamento dei casi in cui risulti impossibile, per ragioni tecniche, il recapito della fattura elettronica all’amministrazione.

Si fa presente che, i termini entro cui le amministrazioni destinatarie devono aderire a tale obbligo di fatturazione sono i seguenti:

  • 6 giugno 2014, per Ministeri, Agenzie fiscali ed Enti di previdenza;

  • 6 giugno 2015, per tutte le altre amministrazioni centrali;

  • 6 giugno 2015, per le amministrazioni locali (data stabilita dall’emanando decreto del Ministro dell’economia e delle finanze, di concerto con il Ministro per la pubblica amministrazione e la semplificazione).

15 aprile 2014

Massimo Pipino

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it