Diario quotidiano del 16 aprile 2014: le novità sul Durc interno INPS

Pubblicato il 16 aprile 2014

gestione “DURC interno”; debito societario riversabile sugli amministratori solo con avviso di accertamento; niente sequestro preventivo sui beni dell’amministratore; società tra professionisti: intervento del Notariato a un anno dall’entrata in vigore; TFR: indice di rivalutazione di marzo 2014; lavoro accessorio: i dati 2013; imposta transazioni finanziarie: “Ftt”, il modello per comunicare i dati sui trasferimenti di proprietà di azioni e altri strumenti; lotta all’evasione fiscale: rinnovata convenzione Gdf/Equitalia

 

Indice:

1) Gestione “DURC interno”

2) Debito societario riversabile sugli amministratori solo con avviso di accertamento

3) Niente sequestro preventivo sui beni dell’amministratore

4) Società tra professionisti: intervento del Notariato a un anno dall’entrata in vigore

5) TFR: indice di rivalutazione di marzo 2014

6) Lavoro Accessorio: i dati 2013

7) Imposta transazioni finanziarie: “Ftt”, il modello per comunicare i dati sui trasferimenti di proprietà di azioni e altri strumenti

8) Lotta all’evasione fiscale: rinnovata convenzione Gdf/Equitalia

 

1) Gestione “DURC interno”

Sarà inviato il prossimo 15 maggio il primo “preavviso di DURC interno negativo”, in considerazione delle difficoltà riscontrate in fase di avvio del sistema di gestione. Tale primo preavviso sarà inviato esclusivamente alle aziende per le quali risultino delle irregolarità incidenti sul diritto al riconoscimento dei benefici.

L’Inps, con il messaggio n. 4069 del 14 aprile 2014, ha riepilogato le regole di attribuzione della regolarità in presenza di inadempienze in fase amministrativa sugli archivi del recupero crediti.

Con il messaggio 2889/2014 è stato annunciato il riavvio della gestione del DURC interno, cui sono subordinati i benefici normativi e contributivi, previsti dalla normativa in materia di lavoro e legislazione sociale.

In considerazione delle difficoltà in fase di avvio del sistema delineato dal citato messaggio 2889/2014, il primo “preavviso di DURC interno negativo” verrà inviato il 15 maggio 2014.

Tale primo preavviso sarà inviato esclusivamente alle aziende per le quali risultino delle irregolarità incidenti sul diritto al riconoscimento dei benefici, ovvero per le quali sono state emesse note di rettifica con causale “addebito art. 1, comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296”.

Pertanto le Sedi Inps devono procedere prioritariamente alla sistemazione delle anomalie delle aziende che risultano destinatarie del preavviso di accertamento negativo.

L’istituto previdenziale coglie l’occasione per riepilogare le regole di attribuzione della regolarità in presenza di inadempienze in fase amministrativa sugli archivi del Recupero Crediti (EAP e NRC).

Di norma la presenza di inadempienze con carico contabile non definite o non definibili determina l’attribuzione dell’irregolarità (semaforo rosso) all’azienda interessata indipendentemente dal saldo contabile dell’inadempienza.

Principali eccezioni a tale regola sono:

Inadempienza con CSL che indica la presenza di un contenzioso amministrativo in corso;

Inadempienze in attesa di abbandono totale;

Inadempienza con CSL 8314, 8315 e 91