Sabatini-bis: le istruzioni pratiche per accedere ai contributi

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 17 marzo 2014

è tutto pronto per accedere ai benefici della cd. “Sabatini bis”, cioè ai contributi per l'acquisto di impianti, macchinari e investimenti tecnologici

L’art. 2 del DL n. 69/2013 ha previsto l’introduzione di un’agevolazione - attuata con il decreto ministeriale del 27 novembre 2013 - a favore delle piccole e medie imprese che investono nell’incremento della propria produzione, mediante l’acquisto di macchinari, impianti, beni strumentali di impresa e attrezzature, hardware, software e tecnologie digitali destinati a strutture produttive già esistenti o da impiantare, ovunque localizzate nel territorio nazionale: sono esclusi dall’incentivo in commento, invece, le commesse interne, l’acquisto di beni usati, nonché le spese di funzionamento. Ad ogni modo, non rientra tra le spese ammissibili, l’acquisto di un terreno o di un fabbricato da destinare ad uso produttivo, poiché le spese relative a "terreni e fabbricati" (incluse le opere murarie) non sono classificabili nell'attivo dello stato patrimoniale alle voci B.II.2, B.II.3 e B.II.4 dell'articolo 2424 del codice