Diario quotidiano del 20 marzo 2014: più flessibile la rateazione delle cartelle di pagamento

Gestione ex Enpals: presentazione telematica delle domande di rinnovo dell’assegno ordinario d’invalidità; modifiche al T.U. Immigrazione apportate dalla Legge n. 9/2014; Cassazione: scelta dei lavoratori da mobilità; revisione del sistema fiscale; rateazione più flessibile per le cartelle di pagamento; protezione dati personali: adozione in Parlamento

  

 Indice:

 1) Gestione ex Enpals: presentazione telematica delle domande di rinnovo dell’assegno ordinario d’invalidità

 2) Modifiche al T.U. Immigrazione apportate dalla Legge n. 9/2014

 3) Cassazione: scelta dei lavoratori da mobilità

 4) Revisione del sistema fiscale

 5) Rateazione più flessibile per le cartelle di pagamento

 6) Protezione dati personali: adozione in Parlamento

 

1) Gestione ex Enpals: presentazione telematica delle domande di rinnovo dell’assegno ordinario d’invalidità

A seguito dell’entrata in vigore del D.L. n. 201/2011 che ha previsto, all’art. 21, comma 1, la soppressione, a decorrere dal 1° gennaio 2012, dell’Ente Nazionale di Previdenza ed Assistenza per i Lavoratori dello Spettacolo (Enpals) e l’attribuzione delle relative funzioni all’INPS, il Presidente dell’Istituto ha adottato la determinazione n. 95 del 30 maggio 2012 recante “Istanze e servizi INPS Gestione ex Inpdap ed ex Enpals – Presentazione e consultazione telematica in via esclusiva – Decorrenza -”, pubblicata in Gazzetta Ufficiale n. 213 del 12 settembre 2012.

Nelle more del completamento del processo d’integrazione, con circolare n. 156 dell’8 novembre 2013 è stata estesa alla gestione ex Enpals la presentazione telematica in via esclusiva delle domande di pensione, ricostituzioni e certificazione del diritto a pensione.

Al fine d’implementare ulteriormente il processo di telematizzazione, l’Inps rappresenta che, a partire dal 1 aprile 2014, anche la presentazione delle domande di conferma di assegno ordinario d’invalidità dovrà avvenire in via esclusivamente telematica.

In particolare, la presentazione telematica delle istanze suddette potrà essere effettuata attraverso uno dei seguenti canali, secondo le modalità già illustrate con la circolare citata n. 156 del 2013, cui si rimanda per maggiori informazioni:

–       WEB – servizi telematici accessibili direttamente dal cittadino tramite PIN attraverso il portale dell’Istituto – servizio di “Invio OnLine”;

–       Patronati – attraverso i servizi telematici offerti dagli stessi;

–       Contact Center – chiamando da rete fissa il numero verde 803164 oppure da telefono cellulare il numero 06164164 a pagamento secondo il piano tariffario del proprio gestore telefonico. Il Contact Center fornirà al cittadino tutte le informazioni in materia, nonché l’assistenza in merito al servizio web per orientarlo al corretto utilizzo dello stesso, supportandolo in tutte le fasi.

Istruzioni per gli operatori del Polo specialistico “Previdenza Pals”

A seguito dell’avvio del processo di telematizzazione si precisa che tutte le domande pervenute in modalità telematica dovranno essere lavorate senza attendere il cartaceo.

L’Inps specifica inoltre che:

–      le domande acquisite telematicamente sono caricate in automatico sul sistema informatico, al pari delle altre tipologie di domande.

–      Le domande entrano con il tipo domanda “AOC” (Conferma Assegno Ordinario). Per tale tipologia, oltre alle fasi di lavorazione già codificate, è stata introdotta l’ulteriore fase di definizione “ANC” (Assegno non confermato).

–      Per quanto riguarda la visita medica, la gestione delle domande di conferma AOI (Assegno Ordinario di invalidità) segue lo stesso iter già attivato per la altre tipologie di domande per le quali è stato inviato telematicamente il modello SS3. Tale procedura prevede la possibilità per l’operatore della sede/polo “Previdenza PALS” di trasferire la domanda ad altra sede per consentire l’espletamento dell’iter

(Inps, circolare n. 3384 del 18 marzo 2014)

 

2) Modifiche al T.U. Immigrazione apportate dalla Legge n. 9/2014

Il Ministero del Lavoro ed il Ministero dell’Interno, con la circolare congiunta del 17 marzo 2014, forniscono alcuni chiarimenti in merito alle modifiche apportate dal Decreto Legge n. 145/2013 (convertito dalla Legge n. 9/2014) in materia di ingresso a lavoro di cittadini extraUE.

In particolare, la circolare definisce…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it