Il DURC e certificazione dei crediti verso la Pubblica Amministrazione

di Massimo Pipino

Pubblicato il 24 febbraio 2014



il DURC può essere rilasciato dagli Enti previdenziali ed assicurativi preposti (INPS, INAIL e Casse Edili) in presenza della certificazione di crediti certi, liquidi ed esigibili, vantati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni

Come noto, il documento unico di regolarità contributiva (DURC) può essere rilasciato dagli Enti previdenziali ed assicurativi preposti (INPS, INAIL e Casse Edili) in presenza della certificazione di crediti certi, liquidi ed esigibili, vantati nei confronti delle Pubbliche Amministrazioni. La certificazione dei crediti deve essere emessa tramite la “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti” e consente di ottenere la compensazione tra debiti e crediti pendenti nei confronti di diversi soggetti facenti parte della Pubblica Amministrazione. Dopo l’intervento del Ministero dell’Economia con il Decreto 13 marzo 2013 che tratta il rilascio del DURC in presenza di una Certificazione dei Crediti, l’INPS è intervenuta a sua volta con una lunga ed esaustiva circolare in materia, la n. 16 del 30 gennaio 2014. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze, di concerto con il Ministro del Lavoro a suo tempo ha emesso il Decreto 13 marzo 2013 con il quale ha provveduto a dare attuazione a quanto veniva disposto in materia dall’articolo 13 bis, comma 5 del Decreto Legge n. 52 del 2012 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 94 del 2012, come modificato dall’articolo 31, comma 1, del decreto legge 21 giugno 2013, n. 69 convertito, con modificazioni, dalla legge 9 agosto 2013, n. 98. Le norme in parola disponevano che “Il documento unico di regolarità contributiva (DURC) è rilasciato anche in presenza di una certificazione, rilasciata ai sensi dell’articolo 9, comma 3-bis, del decreto legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, come da ultimo modificato dal presente articolo, che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto”. Il dettato normativo rinviava poi ad un successivo Decreto le modalità di modalità di attuazione del comma.

 

Il DURC positivo è un documento fondamentale per ottenere i pagamenti da parte degli enti pubblici: il Documento viene rilasciato “ai sensi dell’art. 13 bis, comma 5, Decreto Legge n. 52/2012” e costituisce una tipologia specifica attraverso la quale il legislatore ha inteso far sì che le imprese creditrici nei confronti delle pubbliche amministrazioni, nell’ambito dei limiti delineati dalla norma, ottengano un DURC per poter continuare ad operare sul mercato, in particolare in quello della contrattualistica pubblica, pur in presenza di debiti previdenziali e/o assicurativi ed ottenere la compensazione tra quanto dovuto e quanto reclamato nei confronti della Pubblica Amministrazione stessa. Con la circolare n. 40 del 21 ottobre 2013, il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali ha provveduto a precisare le disposizioni sulla materia. L’INPS, a sua volta, con la circolare n. 16 del 30 gennaio 2014 è intervenuta per diramare le proprie precisazioni riguardanti soprattutto la Piattaforma per la Certificazione dei Crediti (PCC), della funzione di “Gestione Richieste DURC”, riservata ai soggetti titolari dei crediti, e di quella di “Verifica la capienza per l’emissione del DURC”, rivolta agli Enti tenuti al rilascio del DURC. Passiamo quindi all'esame del testo della circolare INPS.

Nel caso in cui si verifichi la presenza di una certificazione riferita ad uno o più crediti esistenti, resa dalle amministrazioni statali, dagli enti pubblici nazionali, dalle Regioni, dagli enti locali e dagli enti del Servizio Sanitario Nazionale e attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili il cui ammontare sia almeno pari a quello degli oneri contributivi accertati e non ancora versati, gli Istituti previdenziali e le Casse edili sono tenuti ad attestare la regolarità contributiva. Le certificazioni dei crediti devono essere rilasciate con le modalità stabilite dai decreti di attuazione del Ministro dell’Economia e delle Finanze attraverso la “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti”. L’articolo 13 bis, comma 5, del decreto legge 7 maggio 2012, n. 52(“Il documento unico di regolarità contributiva di cui all'articolo 1, comma 1175, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, è rilasciato anche in presenza di una certificazione, rilasciata ai sensi dell'articolo 9, comma 3-bis, del decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, come da ultimo modificato dal presente articolo, che attesti la sussistenza e l'importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto. Con decreto del Ministro dell'economia e delle finanze, di concerto con il Ministro del lavoro e delle politiche sociali, da adottare entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge di conversione del presente decreto, sono stabilite le modalità di attuazione del presente comma, assicurando l'assenza di riflessi negativi sui saldi di finanza pubblica”)ha espressamente previsto che la presentazione della richiesta provenga dal soggetto titolare del credito, inserendo in tal modo il Documento reso “ai sensi del comma 5 dell’art. 13 bis del decreto legge 7 maggio 2012, n. 52” nell’ambito dell’intero sistema di disciplina della materia del DURC. Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha, infatti, inteso rendere il soggetto creditore parte attiva nel procedimento che porterà al rilascio del Documento. La funzione da utilizzare è quella denominata “Gestione Richieste DURC” attraverso la quale il titolare del credito, o un suo delegato appositamente registrato sul sistema PCC, può provvedere a generare sulla medesima Piattaforma, secondo le specifiche indicazioni ivi fornite nella “Guida al Rilascio del DURC in presenza di Certificazione del Credito”, la “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012”. Dopo che la Piattaforma abbia prodotto il documento in parola, che il richiedente potrà salvare su un dispositivo elettronico ovvero stampare, potrà essere attivato il procedimento di richiesta del DURC per il tramite dello Sportello Unico Previdenziale.

 

Nel caso in cui il DURC venga richiesto direttamente dall’interessato (si tratta delle richieste di DURC che vengono effettuate nei seguenti casi: verifica dell’idoneità tecnico-professionale delle imprese affidatarie, verifica delle imprese esecutrici e dei lavoratori autonomi in relazione alle funzioni o ai lavori da affidare e verifica per la dichiarazione dell’organico medio annuo, circostanza questa limitata ai casi in cui il DURC debba essere prodotto nell’ambito dei rapporti tra soggetti privati) il predetto Documento emesso dalla Piattaforma dovrà essere trasmesso con Posta Elettronica Certificata (PEC) o consegnato in maniera cartacea alle strutture territoriali degli enti competenti al rilascio del DURC (INPS, INAIL, Casse Edili). In ogni caso, nella formulazione della domanda, l’interessato dovrà indicare che il DURC deve essere rilasciato ai sensi dell’articolo 13 bis, comma 5, d.l. n. 52/2012.

Nelle restanti ipotesi in cui il DURC, in base alla vigente normativa, viene acquisito d’ufficio direttamente dalla pubblica amministrazione appaltante, quest’ultima, nel caso in cui abbia ricevuto dall’interessato la “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC) ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012” emessa dalla PCC, sarà tenuta a provvedere alla trasmissione della relativa documentazione con PEC, agli Enti competenti al rilascio della specifica richiesta di DURC. Conseguentemente, la stazione appaltante/amministrazione procedente effettuerà la richiesta del DURC tramite lo Sportello Unico Previdenziale, provvedendo a specificare che l’acquisizione deve avvenire ex art. 13 bis, comma 5, del decreto legge n. 52/2012. Gli indirizzi di Posta Elettronica Certificata delle strutture territoriali dell’Inps sono reperibili sul sito istituzionale dell’INPS, nella sezione “Le sedi INPS”, “Ricerca per Elenchi”, “Posta Certificata”. In assenza dell’adeguamento dello Sportello Unico Previdenziale, la specifica indicazione che il DURC deve essere rilasciato ai sensi dell’articolo 13 bis, comma 5, d.l. n. 52/2012, potrà essere inserita eccezionalmente per l’ipotesi di “appalto pubblico” nel campo “oggetto dell’appalto”. Per il caso di richiesta “per altra tipologia”, invece, dovrà essere riportata nel campo “Specifica uso”. Il DURC verrà rilasciato dall'ente preposto ai sensi del comma 5 dell’articolo 13 bis del decreto legge 7 maggio 2012, n. 52, anche nel caso in cui l’interessato fosse tenuto ad esibire la predetta documentazione nell’ambito del procedimento di cui all’articolo 7, comma 3, del DM 24 ottobre 2007 (“In mancanza dei requisiti di cui all'art. 5 gli Istituti, le Casse edili e gli Enti bilaterali, prima dell'emissione del DURC o dell'annullamento del documento già rilasciato ai sensi dell'art. 3, invitano l'interessato a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a quindici giorni”), che prevede l’esistenza dell'obbligo in capo agli Enti preposti al rilascio del DURC di invitare l’interessato a regolarizzare la propria posizione, entro un termine non superiore a quindici giorni, prima di emettere un certificato attestante l’irregolarità medesima. L’articolo 31, comma 8, del decreto legge n. 69/2013 convertito, con modificazioni, dalla legge n. 98/2013 (“Ai fini della verifica per il rilascio del documento unico di regolarità contributiva (DURC), in caso di mancanza dei requisiti per il rilascio di tale documento gli Enti preposti al rilascio, prima dell'emissione del DURC o dell'annullamento del documento già rilasciato, invitano l'interessato, mediante posta elettronica certificata o con lo stesso mezzo per il tramite del consulente del lavoro ovvero degli altri soggetti di cui all'articolo 1 della legge 11 gennaio 1979, n. 12, a regolarizzare la propria posizione entro un termine non superiore a quindici giorni, indicando analiticamente le cause della irregolarità”), nel ribadire tale previsione, ha disposto che l’invito a regolarizzare deve essere inoltrato all’interessato con PEC ovvero, sempre attraverso il medesimo mezzo, per il tramite del consulente del lavoro ovvero degli altri soggetti di cui all’articolo 1 della legge 11 gennaio 1979, n. 12 (“iscritti negli albi degli avvocati e procuratori legali, dei dottori commercialisti, dei ragionieri e periti commerciali”).

 

In ragione degli elementi contenuti nella “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012” emessa dalla PCC che, in particolare, riporta gli estremi identificativi relativi ai crediti certificati che il soggetto creditore ha inteso utilizzare al fine di ottenere il DURC richiesto ai sensi della normativa in trattazione, si deve ritenere che sia venuto meno l’obbligo previsto dalla circolare n. 40 del 21 ottobre 2013 del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali di fornire le predette informazioni agli enti tenuti al rilascio del DURC da parte del soggetto titolare dei crediti certificati. Il medesimo Documento contiene, inoltre, il codice di verifica che consente agli Enti tenuti al rilascio del DURC l’accesso alla “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti” per lo svolgimento delle verifiche dirette all’accertamento della sussistenza e dell’importo dei crediti oggetto di certificazione.

Così come è stato evidenziato in premessa, il Ministero dell’Economia e delle Finanze, all’interno della “Piattaforma per la Certificazione dei Crediti” ha predisposto una funzione dedicata alla “Verifica la capienza per l’emissione del DURC” attraverso la quale l’operatore che deve procedere al rilascio del DURC, ha la possibilità di effettuare la verifica della sussistenza e dell’importo dei crediti che sono stati indicati nella “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012”. Il sistema, in caso di esito positivo dell'operazione di riscontro, fornisce un apposito messaggio e consente di scaricare una certificazione, in formato pdf, comprovante l’esito positivo della medesima. Si ritiene opportuno evidenziare che l’esito positivo si determina qualora l’importo degli oneri contributivi che non sono stati ancora versati, che è stato accertato dall’operatore di ciascuno degli Enti tenuti al rilascio del DURC nei confronti del soggetto titolare dei crediti certificati, risulta pari o inferiore a quello evidenziato dal sistema della Piattaforma come saldo disponibile alla data della verifica.

Tale verifica verrà effettuata facendo riferimento alle certificazioni utilizzate dal contribuente ai fini del rilascio del DURC ai sensi dell’articolo 13 bis, comma 5, D. L. n. 52/2012 e riportate nella “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012” rilasciata dalla Piattaforma.

Come è stato più sopra specificato, il DURC emesso ai sensi dell’articolo 13 bis, comma 5, presuppone che l’importo dei crediti certificati nei confronti della Pubblica Amministrazione sia almeno pari all’ammontare complessivo dei debiti contributivi accertati dagli Istituti previdenziali e dalle Casse Edili, nel caso in cui la verifica riguardi un’impresa edile, nei confronti del soggetto creditore. In ragione di ciò, ed in attesa di ulteriori implementazioni delle funzionalità descritte che consentiranno di memorizzare gli importi delle esposizioni debitorie nei confronti di ciascuno degli Enti tenuti al rilascio del DURC, prima della conclusione dell’istruttoria, le strutture territoriali di INAIL, INPS e Casse Edili dovranno acquisire vicendevolmente la notizia relativa all’importo dell’eventuale esposizione debitoria accertata. Tale verifica ha lo scopo di controllare se la sommatoria dei debiti della Pubblica Amministrazione risulti almeno pari al saldo disponibile alla data della verifica, evidenziato dal sistema della Piattaforma, avuto riguardo alle certificazioni utilizzate ai fini della “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), ex art. 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012”. Lo scambio delle notizie tra le strutture territoriali di ciascuno degli Enti coinvolti in ordine all’importo del debito accertato dovrà avvenire con PEC.

Nel caso in cui tale condizione venga effettivamente verificata, il DURC dovrà essere emesso con l’attestazione di regolarità pur in presenza dell’indicazione dell’esposizione debitoria consolidatasi alla data dell’emissione nei confronti di INAIL, INPS e Casse edili, nel caso in cui la verifica interessi un’impresa del settore edile. Nel campo note dell’istruttoria INPS devono essere inoltre riportati:

  • la specifica che l’emissione del DURC avviene ai sensi dell’articolo 13 bis, comma 5, del D. L. n. 52/2012;

  • la quantificazione del debito e la data in cui lo stesso è stato accertato;

  • gli estremi del N°. Richiesta, la data e l’ora apposta dal sistema generati in automatico dalla PCC attraverso la funzione “Gestione Richieste DURC”;

  • il “Totale saldo disponibile al GG/MM/AAAA” riportato nel certificato all’esito delle operazioni di verifica effettuate attraverso la funzione di “Verifica la capienza per l’emissione del DURC”.

 

La disciplina contenuta all’articolo 13 bis, comma 5, del d.l. n. 52/2012, pur rivestendo un carattere di specialità rispetto alla normativa che più generalmente regola il rilascio del DURC, non rappresenta una deroga alle vigenti disposizioni introdotte dall’articolo 31, comma 5, del d.l. n. 69/2013 che prevede che il Documento sia considerato valido per la durata di 120 giorni dalla data del rilascio.

Il DURC che è stato emesso “ai sensi del comma 5 dell’art. 13 bis del decreto legge 7 maggio 2012, n. 52”, così come viene disposto dall’articolo 3, comma 1 del decreto ministeriale Economia e Finanze 13 marzo 2013, può essere utilizzato per le finalità previste dalle vigenti disposizioni di legge. Il medesimo decreto, all’articolo 3, comma 2, dispone l’obbligo di attivazione dell’intervento sostitutivo, in capo alla stazione appaltante nell’ipotesi in cui il DURC venga utilizzato per ottenere il pagamento da parte di Pubbliche Amministrazioni degli stati di avanzamento lavori o delle prestazioni relative a servizi e forniture (“Nell'ipotesi di utilizzo del DURC per ottenere il pagamento da parte di pubbliche amministrazioni degli stati di avanzamento lavori o delle prestazioni relative a servizi e forniture, si applica il comma 2 dell'art. 4 del decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n. 207, che prevede l'intervento sostitutivo della stazione appaltante in caso di inadempienza contributiva dell'esecutore”). La norma, peraltro, al successivo comma 3 del medesimo articolo 3 (“Al fine di assicurare l'assenza di effetti negativi sui saldi di finanza pubblica, l'intervento sostitutivo si applica alle erogazioni, a carico di pubbliche amministrazioni, a qualsiasi titolo spettanti al soggetto di cui al comma 1 dell'art. 1”), ha ampliato le ipotesi di intervento sostitutivo disciplinato dal predetto articolo 4, estendendo il potere sostitutivo della stazione appaltante oltre alle fattispecie contrattuali anche alle ipotesi delle erogazioni a carico delle Pubbliche Amministrazioni a qualsiasi titolo spettanti ai soggetti titolari dei crediti certificati. Ciò “al fine di assicurare l’assenza di effetti negativi sui saldi di finanza pubblica”. Con tale ultima disposizione il legislatore ha inteso fissare, in modo positivo, il principio per il quale la Pubblica Amministrazione, nel caso in cui tenuta ad effettuare un pagamento a favore di un terzo, è comunque obbligata a garantire in primo luogo la copertura del debito evidenziato nel DURC. In tal modo, dunque, l’operatività dell’istituto dell’intervento sostitutivo cessa di essere limitato alle somme dovute come corrispettivo di lavori e prestazioni nell’ambito dei rapporti contrattuali pubblici. La previsione cui si è appena fatto cenno ha trovato una conferma definitiva nell’articolo 31 della legge n. 98 del 9 agosto 2013 di conversione del d.l. n. 69 del 21 giugno 2013 che, al comma 8-bis (“Alle erogazioni di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari e vantaggi economici di qualunque genere, compresi quelli di cui all'articolo 1, comma 553, della legge 23 dicembre 2005, n. 266, da parte di amministrazioni pubbliche per le quali è prevista l'acquisizione del documento unico di regolarità contributiva (DURC), si applica, in quanto compatibile, il comma 3 del presente articolo, ha appunto stabilito l’applicazione dell’istituto dell’intervento sostitutivo in caso di irregolarità accertata con il DURC acquisito al fine dell’effettuazione di erogazioni a titolo di sovvenzioni, contributi, sussidi, ausili finanziari e vantaggi economici di qualunque genere, compresi quelli di cui all’articolo 1, comma 553 della legge 23 dicembre 2005, n. 266”).

 

Il decreto ministeriale 13 marzo 2013, nell’ambito degli interventi diretti a favorire la ripresa dell’attività economica, all’articolo 4, ha disciplinato ulteriori modalità di utilizzo della certificazione esibita per il rilascio del DURC ai sensi del comma 5 dell’articolo 13 bis del decreto legge 7 maggio 2012, n. 52 (“1. La certificazione esibita per il rilascio del DURC ai sensi del comma 5 dell'art. 13-bis del decreto-legge 7 maggio 2012, n.52, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 luglio 2012, n. 94, può essere utilizzata per la compensazione di somme iscritte a ruolo, ai sensi dell'art. 28-quater del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602, secondo le modalità previste dal decreto del 25 giugno 2012 e successive modificazioni, ovvero per la cessione o anticipazione del credito presso banche o intermediari finanziari secondo le modalità di cui al comma 2. 2. Il credito indicato nella certificazione esibita per il rilascio del DURC può validamente essere ceduto ovvero costituire oggetto di anticipazione”). La certificazione “Richiesta del Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC), ex articolo 13 bis, comma 5, D.L. n. 52/2012 conv. L. 94/2012” emessa dalla Piattaforma, può quindi essere utilizzata per la compensazione di somme iscritte a ruolo, ai sensi dell’articolo 28-quater del decreto del Presidente della Repubblica 29 settembre 1973, n. 602 e per la cessione o anticipazione del credito alle banche o agli intermediari finanziari. Il decreto ministeriale 13 marzo 2013 in trattazione, al comma 2, dell’articolo 4, nel dettare la disciplina delle modalità con cui la medesima certificazione può venire utilizzata, ha previsto che l’interessato provveda alla preventiva estinzione del debito contributivo indicato sul DURC affinché il credito certificato possa essere oggetto di cessione o anticipazione ovvero, in caso di persistente irregolarità contributiva, lo possa utilizzare solo a condizione che il creditore sottoscriva, contestualmente alla cessione o all'anticipazione, apposita delegazione di pagamento alla banca o all'intermediario finanziario, ai sensi dell'articolo 1269 del codice civile, per provvedere al pagamento del predetto debito contributivo. L’avvenuta regolarizzazione dovrà essere comprovata dall’esibizione alla banca o all’intermediario finanziario, da parte del titolare del credito, di un DURC aggiornato che attesti la situazione contributiva alla stessa data di conclusione dell’istruttoria per il rilascio del medesimo DURC. Nel caso in cui la banca o l’intermediario finanziario riconoscano al creditore un importo inferiore al debito contributivo rilevato con il DURC, la delegazione di pagamento opererà a copertura parziale del medesimo importo. Il pagamento dovrà essere effettuato da parte della banca o dall’intermediario finanziario utilizzando le stesse modalità e le stesse specifiche previste per l’adempimento contributivo nei confronti dell’INPS, dell'INAIL o delle Casse Edili da parte del titolare del credito. Tenuto conto tuttavia che in tal caso il pagamento è effettuato da un soggetto terzo – banca o intermediario finanziario –, la compilazione del modello F24 dovrà seguire le indicazioni che sono state fornite dall’Istituto con la circolare n. 54 del 13 aprile 2012 (“la compilazione della predetta sezione "Contribuente" dovrà riportare i dati del contribuente beneficiario del pagamento mentre nel campo "codice fiscale del coobbligato, erede, genitore, tutore o curatore" dovrà essere indicato il codice fiscale della stazione appaltante versante specificato dal predetto codice identificativo”).

In considerazione della novità rappresentata dalla modalità di utilizzo della certificazione appena descritta, che definisce un procedimento che interessa soggetti privati – banche o intermediari finanziari -, è necessario che le fattispecie vengano trattate con particolare attenzione e sotto il coordinamento delle Direzioni Regionali affinché sia assicurata la definizione, nei termini fissati dalla norma, delle esposizioni debitorie accertate con il DURC.



24 febbraio 2104

Massimo Pipino