Diario quotidiano del 6 febbraio 2014: arrivano le precisazioni dell’Inail riguardanti la proroga dei versamenti di febbraio

Pubblicato il 6 febbraio 2014



l'IRAP è dovuta anche dai titolari dell’impresa familiare; rilasciata una nuova versione della procedura di controllo degli “F24 telematici”; versamento dei contributi previdenziali sospesi per l’emergenza “sbarchi” nell’isola di Lampedusa; arrivano le importanti (quanto attese) precisazioni dell’Inail riguardanti la proroga dei pagamenti e degli adempimenti in scadenza nel mese; i dipendenti pubblici che hanno maturato il diritto alla pensione entro il 31/12/2011, soggiacciono obbligatoriamente al previgente regime pensionistico; Unico 2012: tante novità per contributi e agevolazioni; la sospensione delle cartelle “pazze” si può chiedere online

Indice:

  1. L’IRAP è dovuta anche dai titolari dell’impresa familiare

  2. Rilasciata una nuova versione della procedura di controllo degli “F24 telematici”;

  3. Versamento dei contributi previdenziali sospesi per l’emergenza “sbarchi” nell’isola di Lampedusa;

  4. Arrivano le importanti (quanto attese) precisazioni dell’Inail riguardanti la proroga dei pagamenti e degli adempimenti in scadenza nel mese;

  5. I dipendenti pubblici che hanno maturato il diritto alla pensione entro il 31/12/2011, soggiacciono obbligatoriamente al previgente regime pensionistico;

  6. Unico 2012: tante novità per contributi e agevolazioni;

  7. La sospensione delle cartelle “pazze” si può chiedere online



  1. L’IRAP è dovuta anche dai titolari dell’impresa familiare

La Corte di Cassazione, con sentenza n.1537 del 27 gennaio 2014, ha ribadito la propria posizione circa il principio impositivo IRAP.

A giudizio della Corte, l’imposta Regionale non afferisce al reddito od al patrimonio, ma allo svolgimento di una attività autonomamente organizzata per la produzione di beni e servizi. In tale ambito pertanto gli Ermellini fanno rientrare anche il titolare di impresa familiare (anche se non espressamente previsto nella elencazione di cui all’articolo 3 del D.Lgs. 446/1997) dovendosi di contro, per la medesima ragione, escludere dall’imposizione il reddito conseguito dai familiari collaboratori.



  1. Rilasciata una nuova versione della procedura di controllo degli “F24 telematici”

L’Agenzia delle Entrate comunica la disponibilità (nella sezione “software” delle utenze Fisco online ed Entratel) la nuova versione della procedura di controllo dei modelli F24 (versione 3.2.7 del 5 febbraio 2014), per la validazione dei files relativi alla trasmissione telematica dei modelli F24 (l’applicazione è necessaria per la verifica dei files predisposti da software gestionali differenti da quelli messi a disposizione dall’Agenzia delle Entrate).



  1. Versamento dei contributi previdenziali sospesi per l’emergenza “sbarchi” nell’isola di Lampedusa

L’Inps, con messaggio 2072 del 4 febbraio 2014, richiama i contribuenti dell’isola di Lampedusa, al versamento dei contributi “sospesi” in relazione alla stato di emergenza dichiarato nel Giugno 2011 in relazione all’eccezionale afflusso di immigrati sul territorio.

La sospensione dell’obbligo di versamento ha operato senza soluzione di continuità fino al 31 dicembre 2013 (per effetto di più proroghe, da ultimo quella sancita dalla L. 147/2013).

I contributi previdenziali ed assistenziali sospesi nel periodo dovranno essere versati in unica soluzione entro la prima scadenza utile con la maggiorazione degli interessi al tasso legale, od in alternativa presentando istanza di dilazione e facendosi carico di corrispondere gli ulteriori interessi dovuti in relazione alla eventuale rateazione.



  1. Arrivano le importanti (quanto attese) precisazioni dell’Inail riguardanti la proroga dei pagamenti e degli adempimenti in scadenza nel mese;

L’Inail, con nota del 3 febbraio 2014, fornisce delle importanti precisazioni con riguardo allo slittamento del termine di versamento dei premi assicurativi dal 17 febbraio al 16 maggio p.v..

Permanevano difatti alcuni dubbi circa la omnicomprensività del differimento disposto dal D.L. 4/2014, degli adempimenti “correlati” alla liquidazione in scadenza nel mese di Febbraio.

L’Istituto pertanto, rettificando la precedente posizione assunta con la nota prot.495 del 23 gennaio 2014, ha inteso ricomprendere nel differimento anche l’invio della comunicazione motivata per la riduzione del premio anticipato (la c.d. “riduzione del presunto” ovvero l’istanza da avanzare per evitare il calcolo in automatico del premio anticipato sulla base delle retribuzioni erogate nell’anno precedente, laddove ci sia motivata previsione di erogare nell’anno in corso un monte retributivo inferiore). Resta ovviamente confermato il differimento per la presentazione telematica delle dichiarazioni delle retribuzioni dell’anno 2013.

Con la medesima nota viene esteso la proroga anche per la trasmissione (da effettuare a mezzo Pec alla sede territorialmente competente) dell’autocertificazione per la riduzione del premio Inail nel settore edile (riduzione dell’11,50% per i lavoratori operai). Si rammenta che l’agevolazione in questione opera fino al 31 dicembre 2013 e pertanto non, è allo stato, applicabile sulla rata relativa al 2014 (salvo ulteriore D.M. che confermi la validità dell’agevolazione anche per l’anno in corso).



  1. I dipendenti pubblici che hanno maturato il diritto alla pensione entro il 31/12/2011, soggiacciono obbligatoriamente al previgente regime pensionistico.

Il Dipartimento della Funzione Pubblica della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con nota prot. 6295 del 31 gennaio 2014, chiarisce quale sia il regime pensionistico da adottare per i lavoratori pubblici che hanno maturato i requisiti entro il 31 dicembre 2011.

A giudizio del Dipartimento, il lavoratore che matura il diritto alla pensione (quota 96 per gli uomini e 61 anni di anzianità anagrafica con minimo venti anni di contribuzione per le donne) entro il 31 dicembre 2011 rientra obbligatoriamente nel regime pensionistico previgente l’entrata in vigore dell’art. 24 del DL. 201/2011 (che introduce il sistema contributivo), indipendentemente dalla condizione che il lavoratore in questione opti per la prosecuzione dell’attività lavorativa entro i limiti di permanenza in servizio di cui al D.P.R. 1092/73 (collocazione a riposo obbligatoria al compimento del 65° anno di età).



6) Unico 2012: tante novità per contributi e agevolazioni

Il quadro RS del modello Unico Sc 2014 (approvato con provvedimento del 31 gennaio) ospita alcune novità in tema di agevolazioni.

Il Dl 63/2013 ha introdotto una detrazione del 65% per le spese relative a interventi su edifici destinati ad attività produttive ricadenti in determinate zone sismiche, fino a un ammontare complessivo delle stesse non superiore a 96mila euro per unità immobiliare.

Sono agevolabili gli interventi volti all'adozione di misure antisismiche, le cui procedure autorizzatorie sono attivate dopo la data di entrata in vigore della legge di conversione del Dl 63 (quindi, dal 4 agosto 2013), su edifici ricadenti nelle zone sismiche ad alta pericolosità (zone 1 e 2) di cui alla Opcm n. 3274 del 20 marzo 2003, riferite a costruzioni adibite ad attività produttive.



7) La sospensione delle cartelle “pazze” si può chiedere online

Per avvicinarsi ai contribuenti, Equitalia sta implementando le modalità di richiedere la sospensione delle cartelle considerate non dovute direttamente online dal sito www.gruppoequitalia.it.



Vincenzo D'Andò