Diario fiscale del 18 febbraio 2014: il processo tributario telematico in Gazzetta Ufficiale

 

 Indice:
 1) Processo tributario telematico: in G.U. il regolamento
 2) Spese di garanzia deducibili secondo il principio di competenza
 3) Fisco e FIP rilanciano l’intesa sulla partita dei controlli
 4) Eventi alluvionali: sospensione contributiva
 5) MISE: finanziamenti per l’acquisto di nuovi macchinari, impianti e attrezzature da parte di piccole e medie imprese
 6) INAIL: Durc in presenza di certificazione dei crediti
 7) Unico, Irap, Cnm e 770: approvate le specifiche tecniche di trasmissione

 
 
1) Processo tributario telematico: in G.U. il regolamento
Il processo tributario telematico diventa operativo. Sulla Gazzetta Ufficiale n. 37 del 14 febbraio 2014, è stato pubblicato il Decreto del Ministero dell’Economia n. 163 del 23 dicembre 2013, riguardante le modalità di utilizzo degli strumenti informatici e telematici nel processo tributario.
Basterà una Pec quando, entro la fine dell’anno, partirà il Processo tributario telematico (Ptt). Anche per quanto riguarda reclamo e mediazione. Scelta questa modalità, però, non sarà più possibile cambiare idea. Il rito online dovrà proseguire fino al verdetto della CTR, salvo rare eccezioni. La sperimentazione partirà in Lazio e Umbria, per essere poi gradualmente estesa su tutto il territorio.
Il regolamento, messo a punto dalla Direzione giustizia tributaria delle Finanze disciplina l’utilizzo degli strumenti informatici e telematici nel processo tributario, in attuazione di quanto previsto dall’art. 39, comma 8 del DL n. 98/2011. Due gli obiettivi principali: la semplificazione delle procedure tecnico-amministrative e la forte spinta alla dematerializzazione. Sul primo fronte gli strumenti messi in campo sono la Pec e il Sigit (sistema informatico della giustizia tributaria). Sul secondo versante, spazio alla tenuta e conservazione del fascicolo informatico, che, previa attestazione di conformità, sostituirà integralmente il cartaceo.
Il Ptt rappresenterà una facoltà e non un obbligo, in conformità con il principio generale della libertà delle forme di cui all’art. 121 del c.p.c. Per i contribuenti resta quindi in piedi un doppio binario. Ma una volta deciso quale strada percorrere, non si potrà successivamente optare per l’altra. Il divieto del processo “misto” trova solo due deroghe (espressamente disciplinate): la prima è legata al cambio di difensore a contenzioso in corso, la seconda si verifica in presenza di particolari difficoltà di ordine tecnico, che obblighino a tornare alla tradizionale modalità cartacea.
Notifiche
Il Ptt ridurrà significativamente il rischio di errori nelle notifiche. L’indicazione nel ricorso della posta elettronica certificata, infatti, costituirà il “domicilio digitale” del contribuente. Tutto partirà e arriverà da lì. La Pec consentirà poi di eliminare lo sfasamento temporale che si registra oggi, con le possibili conseguenze nell’errato computo dei termini. A differenza che con le raccomandate a/r, l’invio e la ricezione della Pec saranno di fatto contestuali (per il recapito delle due ricevute potranno bastare alcuni decimi di secondo). E i contribuenti avranno maggiore libertà per i depositi di memorie e documenti, non essendo più vincolati agli orari di apertura delle segreterie.
Fascicolo elettronico
Tutti i documenti validamente inviati e acquisiti dal Sigit andranno a costituire il fascicolo processuale informatico. Questo sarà integralmente consultabile online e sostituirà il faldone ordinario cartaceo. Il “cervellone” della giustizia tributaria farà tutto questo da sé: alla scadenza dei diversi termini processuali, la documentazione sar&…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it