Compensazione dei tributi con crediti della Pubblica Amministrazione

analizziamo, dal punto di vista della Pubblica amministrazione, la possibilità che hanno i contribuenti di compensare i propri crediti con debiti tributari

 

Con Decreto del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 gennaio 2014, si dà attuazione al nuovo articolo 28-quinquies del D.P.R. n. 602/1973, introdotto dal D.L. n. 35/2013 convertito dalle Legge n. 64/2013 (cosiddetto Decreto Pagamenti PA), che consente ai contribuenti di compensare le somme dovute in base agli istituti deflativi della pretesa tributaria (accertamento con adesione, acquiescenza, mediazione tributaria, conciliazione giudiziale o definizione agevolata delle sanzioni) con i crediti commerciali eventualmente vantati dal soggetto nei confronti della Pubblica Amministrazione per somministrazioni, forniture, appalti o prestazioni professionali.

Il provvedimento fissa dei paletti assai rigidi che limitano e vincolano il ricorso a questo istituto entro limiti procedurali e applicativi ben definiti.

 

Si precisa innanzitutto che la compensazione, che può avvenire esclusivamente mediante F24 telematico, riguarda le sole fattispecie il cui relativo codice tributo è indicato nell’elenco all’Allegato 1 del D.M., che non comprende i principali tributi locali (Ici, Imu, Tarsu, Tares, imposta di pubblicità o Tosap) ad eccezione dell’addizionale comunale all’Irpef.

I crediti compensabili sono solo quelli risultanti dalla certificazione rilasciata attraverso la piattaforma elettronica del MEF, con il titolare del credito che dovrà necessariamente coincidere con il contribuente accertato. Gli estremi identificativi della certificazione dovranno altresì essere indicati nell’F24 per il buon esito della compensazione.

Le informazioni della delega di compensazione confluiscono nella piattaforma elettronica del MEF che registra l’utilizzo del credito in compensazione o le eventuali anomalie. Se la compensazione va a buon fine l’amministrazione locale (Comune, Provincia o Regione) presso cui il contribuente vantava il credito commerciale certificato è tenuta a riversare allo Stato l’importo del credito entro i 60 giorni successivi alla sua scadenza.

Si sottolinea che, esclusi i tributi locali da quelli che possono essere oggetto di compensazione, il meccanismo attuato dal DM del 14 gennaio 2014 interesserà Comuni e Province quasi esclusivamente nella sola veste di enti debitori dei soggetti che agiranno in compensazione per sanare pendenze nei confronti dell’Erario, tenuti al pagamento allo Stato dei debiti commerciali in scadenza considerati. In caso di ritardi delle amministrazioni locali nel pagamento delle somme, si prevede che lo Stato recupererà tali importi decurtando in egual misura i trasferimenti a qualsiasi titolo loro spettanti.

 

 

4 febbraio 2014

 

Fabio Federici

 

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it