Diario quotidiano del 3 febbraio 2014: la compensazione dei crediti verso la P.A. coi debiti derivanti da accertamento

da Sabato 1 febbraio è possibile trasmettere le dichiarazioni IVA 2014 in forma autonoma; modello F24: compensazione dei crediti certificati verso la P.A. con i debiti derivanti da accertamento e/o istituti deflattivi del contenzioso; approvati i modelli di dichiarazione dei redditi definitivi Unico e IRAP; Zone Franche Urbane operative anche in Sicilia; accesso alla clausola di salvaguardia per gli esodati; il lavoro intermittente per le attività di autista di ambulanze o di addetto all’allestimento di palchi è possibile solo se eventualmente previsto nel CCNL

Indice:

1)   Da Sabato 1 febbraio è possibile trasmettere le dichiarazioni IVA 2014 in forma autonoma;

2)   Il modello F24 si arricchisce di una ulteriore versione per la compensazione dei crediti certificati verso la P.A. con i debiti derivanti da accertamento e/o istituti deflativi del contenzioso;

3)   Approvati i modelli di dichiarazione dei redditi definitivi Unico e IRAP;

4)   Zone franche urbane operative anche in Sicilia;

5)   Ulteriori istruzioni Inps per l’accesso alla clausola di salvaguardia per gli “esodati”;

6)   Il lavoro intermittente per le attività di autista di ambulanze o di addetto all’allestimento di palchi è possibile solo se eventualmente previsto nel CCNL.

 

***

 

 1)   Da Sabato 1 febbraio è possibile trasmettere le dichiarazioni IVA 2014 in forma autonoma

L’Agenzia delle Entrate comunica di aver reso disponibile nella sezione “Software” dei servizi Fisconline ed Entratel, la versione n. 1.0.0. del pacchetto “Moduli controllo IVA 2014” (nelle versioni per ambienti Windows e per ambienti MAC).

Il modulo di controllo gestisce la verifica dei files predisposti per la trasmissione telematica delle dichiarazioni IVA 2014 (relativa all’anno 2013) che possono essere trasmesse dal 1 febbraio scorso in forma autonoma.

 

2)   Il modello F24 si arricchisce di una ulteriore versione per la compensazione dei crediti certificati verso la P.A. con i debiti derivanti da accertamento e/o istituti deflativi del contenzioso

Con il Provvedimento prot. n. 2014/13917 del 31 gennaio 2014, l’Agenzia delle Entrate ha approvato il nuovo modello “F24 Crediti PP.AA” nonché le relative specifiche tecniche per la trasmissione telematica.

Il nuovo modello nasce per permettere la compensazione dei debiti derivanti da accertamento (per adesione, acquiescenza, definizione agevolata delle sanzioni, conciliazione giudiziale e mediazione) con eventuali crediti certificati verso la Pubblica Amministrazione secondo quanto previsto dal DL 35/2013 e dal recente decreto attuativo del Ministero dell’Economia e delle Finanze del 14 gennaio 2014.

La certificazione dei crediti, rammentiamo, deve essere prodotta tramite la piattaforma informatica predisposta dal Ministero dell’Economia e delle Finanze(http://certificazionecrediti.mef.gov.it/CertificazioneCredito/home.xhtml), dai soggetti che possano vantare crediti certi, liquidi ed esigibili nei confronti della Pubblica Amministrazione.

Conseguentemente, con il medesimo provvedimento, sono apportate modifiche alla quietanza dei versamenti eseguiti con modalità telematiche mediante modello F24(previsto dall’allegato 6 al provvedimento del Direttore dell’Agenzia delle entrate del 19 giugno 2013) per consentire l’inserimento del nuovo campo “numero certificazione credito” nella sezione“ERARIO”.

 

3)      Approvati i modelli di dichiarazione dei redditi definitivi Unico e IRAP

Con una ulteriore serie di provvedimenti, l’Agenzia delle Entrate ha approvato le versioni definitive dei dichiarativi 2014 e relative istruzioni dei modelli UNICO/PF, UNICO/SC, UNICO/SP, UNICO/ENC, IRAP e Consolidato Nazionale e Mondiale.

Il Modello Unico 2014-PF per la dichiarazione dei redditi delle persone fisiche (approvato con provvedimento prot.13940 del 31 gennaio 2014) recepisce le molteplici modifiche normative intervenute nell’arco dell’anno precedente e che hanno modificato la misura di determinate detrazioni (figli a carico, erogazioni liberali, nuovi tetti per la detrazioni dei primi assicurativi ecc…) o per prevedere l’introduzione delle novità (bonus per acquisto mobili, investimenti in start-up innovative, opzione della cedolare secca ecc.).

Il medesimo provvedimento approva altresì i modelli per la comunicazione dei dati rilevanti ai fini dell’applicazione dei parametri e dei dati rilevanti ai fini dell’individuazione degli indicatori di normalità economica.

Il Modello Unico-SC per le società di capitali è stato approvato con provvedimento prot.13942 del 31 gennaio 2014 unitamente…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it