Le nuove detrazioni IRPEF 2014

la Legge di stabilità ha cambiato le modalità con cui si calcolano le detrazioni standard per i redditi di lavoro dipendente ed assimilati

La legge di stabilità 2014, al comma 127, modifica la misura delle detrazioni fiscali spettanti ai fini dell’imposta sul reddito riconducibile alla categoria reddituale di lavoro dipendente e assimilato, prevista dall’articolo 13 del TUIR.

I sostituti di imposta devono prestare particolare attenzione al momento di entrata in vigore delle nuove disposizioni, per applicare correttamente le disposizioni che disciplinano la tassazione mediante sostituto di imposta. Tale necessità sarà avvertita in modo ancora più sensibile per le società che erogano compensi agli amministratori una volta tanto nell’arco dell’annualità fiscale.

La nuova misura della detrazione fiscale, riconducibile alla categoria reddituale di lavoro dipendente e dei rapporti assimilati, ai sensi dell’ultimo comma della legge di stabilità, è efficace a decorrere dal 1° gennaio 2014.

Come noto , i redditi di lavoro dipendente e assimilato sono assoggettati a tassazione diretta in ragione del criterio di cassa allargato di cui l’articolo 51 del TUIR. In particolare, il primo co. dell’articolo 51 del TUIR stabilisce che, ai fini della tassazione del reddito di lavoro dipendente, lo stesso è costituito da tutte le somme e i valori in genere, a qualunque titolo percepiti nel periodo di imposta, anche sotto forma di erogazioni liberali, in relazione al rapporto di lavoro. Si considerano percepiti nel periodo di imposta anche le somme e i valori in genere corrisposti , dai datori di lavoro , entro il giorno 12 del mese di gennaio del periodo di imposta successivo a quello cui si riferiscono.

Ciò implica che: le nuove detrazioni troveranno applicazione a decorrere dai redditi corrisposti dal 13 gennaio 2014 ed in ogni caso, con riferimento ai redditi maturati a decorrere dal 2014, ancorchè corrisposti prima di tale data.

L’attenta lettura del secondo periodo del primo co. dell’articolo 51 del TUIR non lascia dubbi; la deroga al criterio di cassa, per i pagamenti effettuati nel periodo compreso tra il 1° gennaio e il 12 gennaio, interessa esclusivamente le somme e i valori in genere del periodo di imposta precedente cui si riferiscono.

Per meglio comprendere si propongono alcuni esempi:

  • Pagamento entro il 12 gennaio 2014 di redditi di lavoro dipendente maturati nel 2013:

    • Si applicano le vecchie detrazioni;

  • Pagamento entro il 12 gennaio 2013 di redditi di lavoro dipendente maturati prima del 2013 (con esclusione dell’ipotesi di tassazione separata ex art. 17 co. 1 lett. b del TUIR):

    • Si applicano le vecchie detrazioni;

  • Pagamento a decorrere dal 13 gennaio 2014 di redditi di lavoro dipendente maturati nel 2013:

    • Si applicano le nuove detrazioni;

  • Pagamento a decorrere dal 13 gennaio 2014 di redditi di lavoro dipendente maturati prima del 2013 (con esclusione dell’ipotesi di tassazione separata ex art. 17 co. 1 lett. b del TUIR):

    • Si applicano le nuove detrazioni;

  • Pagamento entro il 12 gennaio 2014 di redditi di lavoro dipendente maturati a decorrere dal 2014 (ad esempio un acconto del mese di gennaio 2014):

    • Si applicano le nuove detrazioni.

La corretta applicazione delle detrazioni è e deve essere, assicurata dalla corretta applicazione delle disposizioni di cui all’articolo 23 del DPR 600/73 (richiamato dal successivo art. 24 per quanto alle ritenute sui redditi assimilati a quelli di lavoro dipendente) che, al comma 2, detta le linee guida da seguire nella determinazione delle ritenute periodiche e delle detrazioni spettanti.

 

REGOLE DELLA DETERMINAZIONE DELLE RITENUTE E DETRAZIONI – ART. 23 DPR 600/73

a) sulla parte imponibile delle somme e dei valori, di cui all’articolo 48 del testo unico delle imposte sui redditi, approvato con decreto del Presidente della Repubblica 22 dicembre 1986, n. 917, esclusi quelli indicati alle successive lettere b) e c), corrisposti in ciascun periodo di paga, con le…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it