Gestione separata INPS: le nuove aliquote 2014

Il contributo per la Gestione separata è il contributo dovuto all’Inps, previsto dalla legge di riforma del sistema pensionistico (legge 335 del 1995), dai lavoratori autonomi che esercitano un’attività professionale o di collaborazione, per la quale non era prevista una forma assicurativa pensionistica.
 
Sono soggetti alla Gestione separata tutti coloro che hanno redditi derivanti da collaborazione coordinata e continuativa o a contratto a progetto: amministratore, sindaco o revisore di società, associazioni ed altri enti, collaboratori di giornali riviste ed enciclopedie (sono esclusi i compensi corrisposti per diritto di autore), partecipanti a collegi e commissioni. Sono altresì tenuti all’iscrizione presso la gestione separata, a decorrere dal 1 gennaio 1998, gli spedizionieri doganali non vincolati da rapporto di impiego già iscritti al Fondo alla data di soppressione, nonché gli spedizionieri doganali iscritti nell’albo nazionale successivamente alla data di soppressione del Fondo.
Parimenti, sono altresì tenuti al versamento alla gestione separata coloro che, dal 1° gennaio 1999, ricevono borse di studio per la frequenza ai corsi di dottorato di ricerca, nonché i venditori a domicilio e lavoratori autonomi occasionali (ferma la franchigia di 5.000,00 euro di reddito annui non assoggettabili a contribuzione). In tale ultima fattispecie, l’obbligo in parola sussiste soltanto a decorrere dal momento in cui i compensi percepiti nell’anno (1.1 – 31.12), in relazione ad un unico rapporto o ad una pluralità di rapporti, superano il limite di € 5.000 (€ 6.410,26 per i venditori porta a porta). L’obbligo di iscrizione alla gestione separata sussiste, anche, in capo ai lavoratori autonomi professionali che esercitino attività di lavoro autonomo il cui esercizio non sia subordinato all’iscrizione ad appositi Albi professionali. Infine, anche gli associati in partecipazione che apportino solo lavoro sono tenuti all’obbligo di iscrizione alla gestione separata.
 
Diversamente, invece, l’iscrizione non è dovuta quando gli associati apportano esclusivamente capitale (beni o denaro) ovvero sia capitale che lavoro (c.d. apporto misto) il cui reddito è qualificabile come reddito di capitale, ovvero gli iscritti ad un Albo professionale che apportano esclusivamente lavoro, nonché gli imprenditori, per i quali il compenso concorre alla formazione del reddito d’impresa.
Ai fini degli oneri contributivi dovuti, i suddetti soggetti vengono distinti in due categorie. La prima categoria è costituita da soggetti che sono già titolari di una pensione, senza che vi sia più la distinzione tra pensione diretta o indiretta, o che già hanno una copertura previdenziale. Per detti contribuenti, la legge di stabilità 2014 ha previsto l’accelerazione del graduale innalzamento dell’aliquota contributiva della Gestione Separata INPS, in ragione dell’1% nel 2014 e dell’1,5% nel 2015. Nella sostanza, a seguito della modifica, le aliquote risulteranno pari al 22% per il 2014 (a fronte di un precedente 21%), al 23,5% per il 2015 (a fronte di un precedente 22%), al 24% per il 2016 (stessa aliquota prima delle modifiche).
 
La seconda categoria di contribuenti è costituita, invece, dai soggetti iscritti esclusivamente alla gestione separata INPS. Con riferimento a detti soggetti, la legge di stabilità per il 2014 ha introdotto una ulteriore distinzione tra soggetti iscritti esclusivamente alla gestione separata INPS titolari di Partita IVA e lavoratori autonomi privi di partita IVA iscritti alla sola gestione separata. La suddetta distinzione si è resa necessaria poiché la manovra ha esentato dall’aumento di un punto percentuale dell’aliquota contributiva per il 2014 i soli …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it