Diario quotidiano del 29 gennaio 2014: Governo e Comuni: pace fatta sulla IUC?

Pubblicato il 29 gennaio 2014



entra in vigore il 28 marzo l’obbligo per i professionisti di accettare i pagamenti dai propri clienti anche mediante le carte di debito (circuito Pos/bancomat); pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli indici Istat relativi al mese di Dicembre 2013; l’OIC (Organismo Italiano di Contabilità) rende disponibili per la consultazione i nuovi principi OIC 10 e OIC 15; ZFU operative anche in Calabria; inabilità ai fini del diritto e della misura degli ANF dei pensionati pubblici; Governo e Comuni: pace fatta sulla IUC?

 

Indice:

  1. Entra in vigore il 28 marzo l’obbligo per i professionisti di accettare i pagamenti dai propri clienti anche mediante le carte di debito (circuito Pos/bancomat);

  2. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli indici Istat relativi al mese di Dicembre 2013;

  3. L’OIC (Organismo Italiano di Contabilità) rende disponibili per la consultazione i nuovi principi OIC 10 e OIC 15;

  4. ZFU operative anche in Calabria;

  5. Inabilità ai fini del diritto e della misura degli ANF dei pensionati pubblici;

  6.  

    Governo e Comuni: pace fatta sulla IUC?



  1. Entra in vigore il 28 marzo l’obbligo per i professionisti di accettare i pagamenti dai propri clienti anche mediante le carte di debito (circuito Pos/bancomat);

La (contestatissima) disposizione normativa introdotta dall’art. 15 del D.L. 179/2012 (convertito con L.221/2012) concernente ulteriori nuove modalità di pagamento anche dei servizi professionali, trova la sua prima decorrenza ufficiale nella data del 28 marzo 2014.

E’ stato difatti pubblicato sulla G.U. n.21 del 27 gennaio 2014 il Decreto interministeriale (Ministero sviluppo Economico – Min. Economia e Finanze) del 24/01/2014 in attuazione del comma 5 dell’art. 15 DL 179/2012, che fissa l’obbligo per qualsiasi esercente o professionista, di accettare i pagamenti per importi superiori ad Euro 30,00 a mezzo di carte di debito (e quindi indirettamente dell’onere di dotarsi della necessaria apparecchiatura).

In prima applicazione i soggetti obbligati saranno quelli con fatturato relativo all’anno precedente superiore ad Euro 200.000,00, mentre per tutti gli altri l’obbligo scatterà dal prossimo 30 giugno 2014.



  1. Pubblicati in Gazzetta Ufficiale gli indici Istat relativi al mese di Dicembre 2013;

Si comunica che con la pubblicazione in G.U. (Serie Generale - n.21 del 27/1/2014) del comunicato Istat, acquisiscono efficacia giuridica gli indici relativi al mese di Dicembre 2013 utili (fra l’altro) alla determinazione delle rivalutazioni del trattamento di fine rapporto, sulle quali effettuare il calcolo del saldo dell’imposta sostitutiva scadente il prossimo 17 Febbraio.



  1. L’OIC (Organismo Italiano di Contabilità) rende disponibili per la consultazione i nuovi principi OIC 10 e OIC 15;

L’Organismo Italiano di Contabilità (OIC) ha reso disponibili, sul proprio sito web istituzionale, le bozze di due nuovi principi contabili per l’avvio della procedura di consultazione pubblica.

Si tratta del nuovo principio contabile “OIC 10” relativo la redazione del rendiconto finanziario (le cui indicazioni sono oggi contenute nel principio OIC 12 relativo alla composizione e schemi del bilancio) e di un documento integrativo del principio OIC 15 (Crediti).

Tra le novità contenute nel nuovo documento “OIC 10” si rileva la raccomandazione di redazione del rendiconto finanziario per tutte le tipologie societarie, nonché la semplificazione delle indicazioni di compilazione ispirate ad una migliore comparabilità dei bilanci.

Le novità che riguardano l’OIC 15 (principio contabile relativo ai crediti) consistono nell’aggiunta di un capitolo specifico relativo alla trattazione delle ipotesi di cancellazione dei crediti dal bilancio.

Vengono individuati gli “elementi cardine” che indurrano il redattore alla valutazione circa la possibilità di cancellazione del credito che sono definiti nella persistenza o meno del diritto al soddisfo, e (nel caso di trasferimento del titolo di credito) della permanenza o meno del rischio in capo al cedente (le cessioni di tipologia “pro-solvendo”).

La precedente impostazione rendeva infatti opzionale la condotta del redattore del bilancio, creando una situazione di difficile comparabilità tra i bilanci che invece costituisce il proponimento prioritario dei principi contabili.



  1. ZFU operative anche in Calabria;

In seguito alla pubblicazione sulla G.U. del 27/1/2014 del decreto del Ministero dello Sviluppo Economico del 13 gennaio 2014, arriva al traguardo l’iter legislativo che consentirà l’accesso alle agevolazioni relative alle “Zone Franche Urbane” localizzate nella Regione Calabria (trattasi di zone individuate nei comuni di Corigliano Calabro, Cosenza, Crotone, Lamezia Terme, Reggio Calabria, Rossano e Vibo Valentia).

L’inoltro delle domande è previsto esclusivamente in modalità telematica (necessaria quindi la dotazione di PEC e firma digitale) tramite la procedura che sarà accessibile dalle ore 12 del 7 febbraio alle ore 12.00 del 28 aprile 2014) nella sezione dedicata del sito del Ministero dello Sviluppo Economico (www.mise.gov.it).

Si rammenta che le agevolazioni in questione (nei limiti delle risorse disponibili e nei limiti comunitari quantitativi c.d. “de minimis”) si concretizzano nella esenzione/riduzione da imposizione fiscale (Imposte dirette-Imu) e riduzioni contributive per il personale dipendente.



  1. Inabilità ai fini del diritto e della misura degli ANF dei pensionati pubblici;

L’Inps con la circolare 11 del 27/1/2014, torna ad affrontare il tema del “requisito” di inabilità “a proficuo lavoro” ai fini della fruizione degli Assegni per il Nucleo Familiare.

Il chiarimento in questione è volto ad estendere il concetto e le procedure per la corresponsione diretta, ai soggetti ultrasessantacinquenni titolari di pensione pubblica (a seguito della unificazione delle gestioni previdenziali avvenuta ad opera della D.L. 201/2011).

Nella fattispecie l’Istituto conferma che lo stato di inabilità (inteso come assoluta e permanente impossibilità di dedicarsi ad un proficuo lavoro) va accertato specificatamente dalla struttura sanitaria pubblica, non essendo estendibile, a tali fini, la certificazione rilasciata ai sensi del D.Lgs 509/88 (che attesta la eventuale invalidità ai soli fini dell’assistenza sociosanitaria e dell’indennità di accompagnamento).



6) Governo e Comuni: pace fatta sulla IUC?

Trovato l’accordo tra governo e Comuni per la mancanza di risorse derivanti dal passaggio da Imu a Tasi: nel corso di un incontro oggi al Mef è stato riconosciuto un ammanco di 700 milioni nelle casse dei sindaci, di cui 500 sono già stati identificati.

Si tratta della cifra stanziata nella legge di stabilità per le detrazioni. 

Nei prossimi giorni Governo e Anci si attiveranno per ricercare i 200 milioni mancanti previsti dall’accordo sottoscritto oggi al ministero dell’Economia. Per quanto riguarda il capitolo detrazioni - ha spiegato il presidente dell’Anci Piero Fassino al termine dell’incontro al Mef, queste verranno completamente erogate dall’aumento delle detrazioni della Tasi, che potranno crescere sulla prima e seconda casa dello 0,8 per mille.