Diario fiscale del 5 dicembre 2013: tutte le novità in vista del saldo dell'IMU

saldo IMU 2013: al via i versamenti; pubblicazione delle aliquote ordinarie IMU 2013: nota Ifel; antiriciclaggio: circolare MEF; costo del lavoro per le imprese esercenti attività di lavanderia industriale; aiuti di Stato al settore cinematografico e audiovisivo; cartella viziata: Cassazione; imposta sulle transazioni finanziarie: ecco la bozza del modello di dichiarazione

 

 Indice:

 1) Saldo IMU 2013: al via i versamenti

 2) Pubblicazione delle aliquote ordinarie IMU 2013: nota Ifel

 3) Antiriciclaggio: circolare MEF

 4) Costo del lavoro per le imprese esercenti attività di lavanderia industriale

 5) Aiuti di Stato al settore cinematografico e audiovisivo

 6) Cartella viziata: Cassazione

 7) Imposta sulle transazioni finanziarie: ecco la bozza del modello di dichiarazione

 

1) Saldo IMU 2013: al via i versamenti

Ci siamo, entro il prossimo 16 dicembre devono essere effettuati i versamenti a saldo dell’IMU 2013.

Eppure ancora i comuni hanno tempo fino al 9 dicembre 2013 per modificare le aliquote fissate.

Mai come quest’anno si assiste ad un caos indescrivibile provocato da un “bizzarro” (è dire poco) Legislatore.

In tale incresciosa circostanza solo i rappresentanti dei Caf hanno manifestato sconcerto, proponendo poi delle soluzioni applicative (ad es. richiesta di proroga della scadenza del 16 dicembre 2013), mentre, invece, dai vertici dei Commercialisti tutto tace.

A parte ciò, in molti casi, in sede di versamento del saldo IMU 2013, sarà necessario pagare il conguaglio dell’imposta dovuta per l’anno 2013.Si ricorda, infatti, che l’art. 10 del D.L. n. 35/2013, modificato dalla Legge n. 64/2013, ha stabilito che:

– il versamento della prima rata dell’IMU dovuta per il 2013 doveva essere eseguito sulla base delle aliquote e delle detrazioni previste per l’anno 2012;- eventuali variazioni deliberate dai Comuni hanno rilevanza solo in sede di versamento del saldo, entro il 16 dicembre 2013, con eventuale conguaglio sulla prima rata.

Peraltro, il versamento distinto della quota statale e della quota destinata ai Comuni, originariamente previsto dall’art. 13, comma 11 del DL 201/2011 (conv. L. 214/2011) per la generalità degli immobili con alcune eccezioni, in sede di versamento del saldo IMU 2013, permane soltanto con riferimento agli immobili classificati nel gruppo catastale “D”.

L’art. 1, comma 380 della Legge n. 228/2012 (legge di stabilità per l’anno 2013) ha, infatti, stabilito che, per gli anni 2013 e 2014:

– è soppressa la quota di imposta riservata allo Stato;

– rimane riservato allo Stato il gettito dell’imposta derivante dagli immobili ad uso produttivo classificati nel gruppo catastale D, calcolato con l’aliquota dello 0,76%. Si tratta del gettito derivante, ad esempio, da capannoni e opifici;- i Comuni possono aumentare fino allo 0,3% l’aliquota base degli immobili ad uso produttivo del gruppo catastale “D” ed il maggiore gettito è destinato all’ente locale.

 

Abbiamo elaborato un ottimo software per il calcolo del saldo dell’IMU

 

2) Pubblicazione delle aliquote ordinarie IMU 2013: nota Ifel

Aliquote IMU 2013 deliberate dai Comuni: a breve disponibili anche sul sito dell’IFEL.

Con comunicato stampa del 3 dicembre 2013, l’IFEL, al fine di permettere al cittadino di calcolare l’eventuale differenza di imposta IMU da versare entro il 16 gennaio 2014, ha reso noto che è in corso l’acquisizione e l’elaborazione delle delibere IMU 2013.

In particolare, sul sito www.fondazioneifel.it saranno pubblicate:

– Le aliquote IMU 2013, reperibili alla voce “Delibere e Regolamenti aliquote IMU”;

– le informazioni sulle aliquote differenziate e sui regimi IMU relativi a particolari condizioni (agevolazioni sociali d altri “regimi speciali”) adottati da ciascun Comune nel 2012 e nel 2013.

IFEL ha acquisito ed elaborato le deliberazioni IMU di circa 4.100 Comuni che hanno deliberato entro il 27 novembre scorso, pubblicando sul sito www.fondazioneifel.it alla voce “Delibere e Regolamenti aliquote IMU” le rispettive aliquote ordinarie per l’anno 2013. Sul sito è possibile il raffronto per questi comuni con le aliquote ordinarie del 2012.

Le informazioni riportate sono per la gran parte riprese dalle deliberazioni inviate dai Comuni e pubblicate sul sito internet del Ministero dell´Economia.

Occorre consultare più volte il portale nei prossimi giorni…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it