Ristretta base sociale ed imputazione utili in nero a seguito accertamento tributario

Nel caso di ristretta compagine sociale, il giudice tributario, ai fini della decisione sulla fondatezza dell’accertamento nei confronti del socio, deve attendere la definizione del contenzioso tra l’Ufficio e l’impresa, in quanto si tratta di giudizi legati da un rapporto di pregiudizialità tale che la definizione dell’uno costituisce indispensabile presupposto logico-giuridico dell’altro.
Se invece l’accertamento a carico della società è divenuto definitivo per mancanza d’impugnazione, risulta pregiudicato l’esito del giudizio pendente nei confronti del socio unico (cui siano stati imputati gli “extra utili” accertati dall’Amministrazione Finanziaria alla società), in quanto la persona fisica non può contestare il merito della pretesa relativa alla persona giuridica. Tantomeno il socio di una società di capitali può lamentare che, all’avviso di accertamento a lui notificato, non è stato allegato l’atto impositivo redatto a carico della società e notificato soltanto a quest’ultima…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it