Entro il 15 novembre si può richiedere la riduzione del canone RAI

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 18 ottobre 2013

i pensionati che sono titolari di pensione inferiore a 18.000 euro possono chiedere la rateizzazione del Canone Rai dovuto per il 2014

L’art. 38 c. 8 del DL 78/2010 ha disposto che, a partire dall’anno 2011, i titolari di un trattamento pensionistico possono chiedere, al proprio istituto di previdenza, di rateizzare il canone radiotelevisivo (Canone RAI) in undici rate senza applicazione di interessi: la rateazione in parola decorre dal mese di gennaio (dell’anno a cui si riferisce l’abbonamento) e termina nel successivo mese di novembre, ed opera a mezzo applicazione di ritenute mensili sul trattamento pensionistico del richiedente. Con il provvedimento n. 2010/133729 del 29.09.2010, l’Agenzia delle entrate ha dato attuazione a quanto disposto dal citato articolo 38, comma 8, del Dl 78/2010 precisando, in primo luogo, che l’agevolazione in commento si rivolge ai titolari di trattamenti pensionistici di natura previdenziale od assistenziale (erogati con cadenza mensile) non superiore ad € 18.000. Possono altresì fruire della rateazione in commento anche i titolari di assegni vitalizi aventi natura assistenziale (come l'assegno sociale, l'assegno di invalidità). In entrambi i casi, è necessario che il trattamento su cui si chiede di applicare la rateizzazione sia comunque capiente per il recupero del canone dovuto.

Potranno presentare domanda tutti i soggetti che risultano titolari di trattamento pensionistico alla data di scadenza prevista per la presentazione della suddetta richiesta, ovvero alla data del 15 novembre dell’a