Diario quotidiano del 9 settembre 2013: la crisi economica consente la disapplicazione degli studi di settore

 

 
Indice:
1) Redditometro: a seguito del questionario i documenti sono da produrre entro 15 giorni?
2) Startup innovative: aggiornata la documentazione per l’accesso alle agevolazioni
3) Giochi: MEF, mozione inapplicabile ma impegno contro ludopatia
4) Messaggio IM – nuovo layout del prospetto di svincolo: Piano Tecnico di Automazione 2013 – Digitalizzazione dogane
5) La crisi nel settore produttivo consente la disapplicazione degli studi di settore
6) Determinazione dell’aliquota di compartecipazione alle accise sulla benzina e sul gasolio per autotrazione
 

 
1) Redditometro: a seguito del questionario i documenti sono da produrre entro 15 giorni ?
Continuano a pervenire, da parte dell’Agenzia delle entrate, i questionari ai fini del redditometro per l’anno 2009.
Sono stati, selezionati coloro che presentano scostamenti significativi tra reddito dichiarato e capacità di spesa manifestata. Sono almeno 30.000 i soggetti interessati.
L’Amministrazione finanziaria, sulla base dei dati in proprio possesso, chiede ai contribuenti chiarimenti sulle spese certe da loro effettuate, sulle spese per quei beni sicuramente disponibili e per i quali siano state sostenute spese di mantenimento, gli investimenti e il risparmio.
Una volta ricevuto il questionario, il contribuente ha poi 15 giorni di tempo per rispondere al Fisco.
In un primo momento, viene notificato l’invito a comparire per giustificare le incongruenze tra spese sostenute e reddito dichiarato, poi, se la pratica non viene archiviata, si passa alla fase dell’accertamento con adesione, quindi alla notifica del relativo invito al contraddittorio.
Una volta che il contribuente riceve l’invito a comparire, si deve prontamente presentare producendo la documentazione richiesta, altrimenti rischia l’applicazione della sanzione di cui all’art. 11 del D.Lgs. n. 471/97 (la mancata collaborazione espone il destinatario del questionario all’irrogazione di una sanzione che va da € 258,00 a € 2.065,00, si potrebbe poi verificare l’impossibilità di utilizzare la documentazione a propria difesa non esibita al momento di risposta ai chiarimenti richiesti, oltre al possibile accertamento induttivo nei confronti del contribuente persona fisica se titolare di reddito d’impresa o di lavoro autonomo).
Peraltro, tale pena non si può applicare se si tratta di dati già in possesso dell’Ufficio o di altre amministrazioni, come nel caso dei certificati di proprietà delle autovetture.
Altresì, non è detto che il contribuente possa reperire immediatamente i documenti che giustificano, ad es., come si sia potuto procedere all’acquisto di un immobile nel 2009, dal momento che si tratta di documentazione risalente nel tempo.
Magari bisogna recarsi presso istituti bancari con cui non si hanno più rapporti e cosi via.
Pertanto, se il contribuente non é in grado di provvedere entro i termini previsti, può chiedere il differimento con formale e motivata richiesta.
Infine, secondo dottrina in caso di richiesta di documentazione generica (ad es. richiesta delle scritture contabili e non, invece, la singola fattura del periodo X,) il contribuente potrà produrre anche la documentazione a propria difesa anche nell’eventuale fase giudiziaria.
2) Startup innovative: aggiornata la documentazione per l’accesso alle agevolazioni
Le Camere di Commercio, con il coordinamento del Ministero dello sviluppo economico, hanno recepito le modifiche alla definizione di startup – contenute nel Decreto Lavoro – che semplificano e ampliano i requisiti per l’accesso alle agevolazioni.
Le guide sintetiche aggiornate e il nuovo modulo di autocertificazione e iscrizione delle startup presso l’apposita sezione speciale del Registro delle imprese sono disponibili nella …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:


Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it