Contribuenti minimi e ritenute: le istruzioni pratiche per compilare Unico

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 2 settembre 2013

i contribuenti minimi che hanno subito ritenute nel 2012 devono compilare il modello Unico con particolare attenzione, in quanto non esiste un rigo specifico per lo scomputo delle ritenute subite: ecco le istruzioni pratiche

L’art. 1 cc. da 96 a 117 della legge n. 244/2007, così come modificata delle disposizioni contenute nell’articolo 27 del DL n. 98/2011, prevede, per determinate tipologie di contribuenti (cosiddetti “ nuovi minimi”), la determinazione dei redditi dell’esercizio mediante l’applicazione del principio di cassa; sul reddito così determinato deve applicarsi, poi, un’imposta pari al 5% (prima del 2012 era del 20%) sostitutiva dell’IRPEF, delle addizionali regionali, comunali e dell’IRAP. Peraltro, stante l’esiguità dell’imposta prevista per tale regime, i contribuenti che applicano il regime dei nuovi minimi non sono soggetti alla ritenuta a titolo di acconto: “i ricavi e i compensi relativi al reddito oggetto del regime, non sono assoggettati a ritenuta d’acconto da parte del sostituto d’imposta. A tal fine i contribuenti rilasciano un’apposita dichiarazione, dalla quale risulti che il reddito cui le somme afferiscono è soggetto ad imposta sostitutiva” (provvedimento prot. n. 185820 del 22.12.2011).