L’avviso di accertamento catastale non è sufficientemente motivato con la sola indicazione dei dati tecnici

in base al principio generale di motivazione degli atti amministrativi, l’avviso di aumento della rendita catastale deve presentare alcuni requisiti minimi di motivazione per essere valido

Premessa

L’avviso di accertamento catastale, emesso dall’Agenzia del Territorio, deve essere opportunamente motivato in relazione sia all’art. 7 della Legge n. 212 del 2000, recante disposizioni in materia di Statuto dei diritti del contribuente che ai sensi dell’art. 3 della Legge n. 241 del 1990, recante le “Nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto di accesso ai documenti amministrativi”.

Oltre alle motivazioni di diritto vi devono essere anche quelle di fatto, o per meglio dire quelle di natura tecnica.

Pertanto, l’avviso di accertamento nelle sue motivazioni deve rispondere ai requisiti normativi di cui al combinato disposto delle norme di natura amministrativa e tecnica nello stesso momento.

Il rispetto di una sola categoria di norme (solo quelle di natura amministrativa o tecnica) non può rendere ammissibile la validità dell’avviso di accertamento.

Tale orientamento è stato stabilito dalla…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it