BUSSOLA LEGISLATIVA: uno sguardo ai lavori delle Camere (convertiti gli ultimi Decreti Legge, ed ora tutti in vacanza!) ed uno sguardo all’ultimo Consiglio dei Ministri…

l’articolo completa l’insieme degli interventi di aggiornamento sui diversi Decreti-Legge in conversione prima della pausa estiva e riporta i principali provvedimenti approvati dal Consiglio dei Ministri nell’ultima riunione di giovedì 8 agosto

1. Uno sguardo in Parlamento.

Il Parlamento ha completato, prima della pausa estiva, l’approvazione dei diversi decreti-legge che, ancora, rimanevano all’esame nelle due Camere, in particolare:

  • il D.L. 1°/07/2013, n. 78, il c.d. “svuota carceri”, Disposizioni urgenti in materia di esecuzione della pena, pubblicato nella G.U. n. 153 del 2/7/2013;
  • il D.L. 28/6/2013, n. 76, Primi interventi per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale nonché in materia di imposta sul valore aggiunto (IVA) e altre misure finanziarie urgenti, pubblicato nella G.U. n. 150 del 28/6/2013 (vedi aspetti principali…)
  • il D.L. 21/6/2013, n. 69, il c.d. decreto “del fare” [1], in seconda lettura alla Camera, con riferimento al testo C1248B, consultabile (ancor prima della pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale) nel sito della Camera dei Deputati nella sezione dedicata ai lavori parlamentari.

Nello stesso provvedimento, all’articolo 3 bis, è confluito il contenuto delle disposizioni previste nel D.L. 24/6/2013, n. 72, Misure urgenti per i pagamenti dei debiti degli enti del Servizio sanitario nazionale, pubblicato nella G.U. n. 147 del 25/6/2013, che sarà quindi destinato alla decadenza.

Il Senato tornerà a riunirsi mercoledì 4 settembre 2013, con il seguente o.d.g.: discussione di mozioni sui rischi da dissesto idrogeologico; discussione di mozioni contro la diffusione del gioco d’azzardo; discussione di mozioni sulla combustione di rifiuti nei cementifici.

La Camera dei Deputati, invece, si riunirà venerdì 6 settembre 2013, con il seguente o.d.g.: seguito della discussione del disegno di legge costituzionale – Istituzione del Comitato parlamentare per le riforme costituzionali ed elettorali.

 

2. Uno sguardo in Consiglio dei Ministri.

Dal Comunicato stampa n. 19[2] di giovedì 8 agosto della Presidenza si apprende che il Consiglio dei Ministri ha approvato:

  • un decreto-legge concernente un “pacchetto” di misure urgenti che mirano ad affrontare una serie di problematiche riguardanti la pubblica sicurezza in una chiave di difesa dei soggetti più deboli ed esposti (prevenzione e contrasto della violenza di genere; interventi riguardanti il delitto di stalking; norme riguardanti i maltrattamenti in famiglia; piano straordinario di protezione delle vittime di violenza sessuale e di genere; norme in materia di sicurezza per lo sviluppo; tutela dell’ordine e della sicurezza pubblica; misure urgenti volte ad innalzare il livello di sicurezza; pene più severe anche per quanto riguarda le manifestazioni delittuose come, il furto di componenti metalliche e di altri materiali pregiati – ad esempio in rame; norme in tema di Protezione Civile; norme in tema di gestioni commissariali delle Province);
  • all’esame preliminare [3] lo schema di decreto legislativo recante “Disposizioni in materia di personale militare e civile del ministero della difesa, nonché misure per la funzionalità della medesima amministrazione”, in continuità con le disposizioni della c.d. Spending Review;
  • all’esame preliminare lo schema di decreto legislativo recante “Disposizioni in materia di revisione in senso riduttivo dell’assetto strutturale e organizzativo delle Forze Armate”;
  • all’esame preliminare il regolamento (d.P.R.) riguardante una riorganizzazione del Ministero dello Sviluppo Economico;
  • all’esame definitivo, a seguito del parere espresso dalle Commissioni parlamentari e dal Consiglio di Stato, un regolamento che proroga il blocco della contrattazione e degli automatismi stipendiali per i pubblici dipendenti.

 

Fabrizio Stella



[1] Con riferimento al D.L. in esame, si rinvia alla apposita sezione, in questa rivista, Approfondimenti in materia di Decreto del Fare.

[2] Consultabile nel sito istituzionale del Governo, http://www.governo.it.

[3] I decreti legislativi, dopo l’approvazione all’esame preliminare, sono trasmessi al Parlamento, come Atti del Governo, per il prescritto parere dalle Commissioni incaricate, a seguire dovranno quindi essere nuovamente approvati, all’esame definitivo, dal Consiglio dei Ministri.

Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it