Novità fiscali del 29 luglio 2013: IRAP, beni strumentali e autonoma organizzazione

 

 

Indice:

1) Assoggettamento ad Irap: non conta il valore intrinseco dei beni strumentali

2) INPS: trasmissione telematica delle certificazioni di malattia

3) Fruizione del congedo parentale su base oraria

4) Organismi di certificazione costituiti presso le Università ovvero presso le Fondazioni universitarie

5) CIGS e concordato preventivo con o senza cessione di beni

6) Camera: approvato Decreto del fare

7) Disponibile il software Intrastat Anno 2013

8) Disposizioni in materia di prestazioni familiari e di prestazioni di malattia e maternità

9) Congedo obbligatorio e facoltativo del padre lavoratore: prime indicazioni per la gestione della domanda nei casi di pagamento diretto della prestazione da parte dell’INPS

10) Dilazioni INPS: nuove regole

 

 

1) Assoggettamento ad Irap: non conta il valore intrinseco dei beni strumentali

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 18108 del 25 luglio 2013, ha stabilito che beni strumentali di valore superiore a € 15.000,00 non comportano necessariamente l’assoggettamento ad IRAP.

Delineato l’iter interpretativo seguito dai massimi giudici, che ribaltano completamente la decisione adottata dalla Commissione Tributaria Regionale, invece, favorevole all’Amministrazione finanziaria.

Nel caso di specie, in relazione all’attività di un medico, la Cassazione ha osservato che, ai fini dell’applicazione dell’imposta regionale, la circolare dell’Agenzia delle entrate n. 48/2008, secondo la quale sono “sufficienti per il prelievo fiscale beni strumentali di valore superiore ai 15.000 euro” non è rilevante.

Infatti, secondo la Corte Suprema, l’applicazione dell’IRAP necessita “un analitico esame delle spese affrontate dal contribuente con specifica considerazione delle esigenze di chi esercita l’attività medica, per cui sono indispensabili strumenti di una certa consistenza e caratteristiche”.

 

2) INPS: trasmissione telematica delle certificazioni di malattia

L’INPS, con circolare n. 113 del 25 luglio 2013, rende attuativo il Decreto ministeriale 18 aprile 2012 (modificativo del decreto 26 febbraio 2010), recante “Definizione delle modalità tecniche per la predisposizione e l’invio telematico dei dati delle certificazioni di malattia al SAC”.

L’INPS, in tale documento, ricorda che dal 4 giugno 2013 è operativa la nuova procedura per gli invii telematici dei certificati di malattia al SAC (sistema di accoglienza centrale) che prevede l’invio dei certificati medici anche da parte delle strutture ospedaliere, al fine di:

– comunicare l’inizio del ricovero ospedaliero;

– inviare i dati di chiusura del certificato di ricovero per dimissioni del lavoratore.

L’Istituto comunica, che al fine di tenere conto di tali novità, sono state adeguate le applicazioni per la consultazione dei certificati e attestati di malattia da parte di cittadini, datori di lavoro e intermediari, in modo da rendere disponibili le ulteriori informazioni contenute nei flussi informativi che perverranno all’Istituto.

Le regioni sono tenute ad adeguarsi entro 9 mesi, nelle more, le strutture sanitarie continueranno a compilare certificati di ricovero e di dimissioni in modalità cartacea. In tali casi, i lavoratori assicurati all’INPS, aventi diritto alla prestazione previdenziale dell’indennità di malattia, continuano a essere tenuti a trasmettere o recapitare il certificato cartaceo all’Istituto e al proprio datore di lavoro.

 

3) Fruizione del congedo parentale su base oraria

Il Ministero del Lavoro, con l’interpello n. 25 del 22 luglio 2013, ha risposto ad un quesito, in merito alla possibilità che la contrattazione collettiva di settore di secondo livello intervenga nel disciplinare le modalità di fruizione del congedo parentale su base oraria ai sensi dell’art. 1, comma 339, della L. n. 228/2012.

Questa la risposta:

Considerata l’assenza di un esplicito riferimento al livello “nazionale” della contrattazione, non vi sono motivi ostativi ad una interpretazione in virtù…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it