Novità fiscali del 18 luglio 2013: assicurazione obbligatoria dei professionisti, in arrivo una proroga?

 

 
Indice:
1) Rilascio del DURC anche in presenza di crediti vantati nei confronti della PA
2) Accessi ripetuti della Guardia di Finanzia: basta una sola autorizzazione
3) Dogane: aggiornate le FAQ relative al progetto CARGO
4) Scadenza polizza RCT: in arrivo la proroga?
5) E’ inesistente la notifica diretta delle Entrate al domicilio del contribuente
6) Nuova procedura “Regolarità contributiva online”
7) Immobili abitativi: l’opzione per l’imponibilità IVA si formalizza con atto integrativo del contratto di locazione
 

 
1) Rilascio del DURC anche in presenza di crediti vantati nei confronti della PA
Il Ministero dell’Economia e delle Finanze ha pubblicato, sulla Gazzetta Ufficiale n. 165 del 16 luglio 2013, il Decreto 13 marzo 2013 relativo al rilascio del DURC (documento unico di regolarità contributiva) anche in presenza di una certificazione che attesti la sussistenza e l’importo di crediti certi, liquidi ed esigibili vantati nei confronti delle pubbliche amministrazioni di importo almeno pari agli oneri contributivi accertati e non ancora versati da parte di un medesimo soggetto.
La certificazione esibita per il rilascio del DURC può essere utilizzata per la compensazione di somme iscritte a ruolo, ovvero per la cessione o anticipazione del credito presso banche o intermediari finanziari.
Il credito indicato nella certificazione esibita per il rilascio del DURC può essere ceduto ovvero costituire oggetto di anticipazione solo previa estinzione del debito contributivo indicato sul DURC, a condizione che il creditore sottoscriva, contestualmente alla cessione o all’anticipazione, apposita delegazione di pagamento alla banca o all’intermediario finanziario, ai sensi dell’art. 1269 c.c., per provvedere al pagamento del predetto debito contributivo.
2) Accessi ripetuti della Guardia di Finanzia: basta una sola autorizzazione
L’autorizzazione alla verifica della GdF può essere rilasciata in via preventiva per una pluralità di accesi ispettivi.
Lo ha stabilito la Corte di Cassazione con la sentenza 17357 del 16 luglio 2013 che ha respinto il ricorso presentato dal contribuente, il quale si era difeso sostenendo che poiché gli accessi della Guardia di Finanza presso la sede della società erano stati due, a distanza di tempo l’uno dall’altro, l’ordine dei servizio utilizzato per il primo accesso non era valido anche per il secondo, non potendo tale atto avere durata illimitata.
Niente di tutto questo è vero afferma la Suprema Corte, sostenendo peraltro che il  motivo è palesemente infondato.
In particolare, sostiene la Cassazione, l’art. 52 DPR n. 633/72 prevede per l’accesso dei verbalizzanti nella sede dell’impresa la necessità di una autorizzazione rilasciata dal capo dell’Ufficio da cui dipendono, ma non richiede che l’atto sia reiterato per ogni singolo accesso ispettivo, ben potendo essere la autorizzazione rilasciata in via preventiva per una pluralità di accesi ispettivi, quando, come nel caso di specie, l’effettuazione della verifica per la sua complessità richieda più di un atto di questo tipo, non venendo per questo meno la unitarietà complessiva della operazione, né potendosi ravvisare una lesione dei diritti di difesa del contribuente.
 
3) Dogane: aggiornate le FAQ relative al progetto CARGO
L’Agenzia delle Dogane ha aggiornato sul proprio sito internet al 16 luglio 2013 le FAQ relative al progetto CARGO.
Il progetto CARGO ha l’obiettivo di informatizzare il trattamento dei manifesti merci in arrivo e in partenza e il colloquio con gli altri soggetti coinvolti nel processo.
Sono già operative le funzionalità per il trattamento dei Manifesti delle Merci Arrivate (MMA), dei Manifesti delle Merci in …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it