Novità fiscali del 2 luglio 2013: aggiornato il controllo delle partite IVA comunitarie

rinviato ufficialmente l’aumento dell’Iva al prossimo 1 ottobre; modificata la disciplina per SRL semplificate e start up innovative; 24 Enti pubblici: istituiti i codici tributo per il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi; la Croazia è nella UE; prova delle cessioni intracomunitarie: circolare di Assonime; intermittenti, dal 3 luglio due canali di comunicazione (sito e PEC), SMS solo in alcuni casi, fax per emergenze; cinque per mille 2013: aggiornati elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio dopo i termini per l’iscrizione; pensionati: corresponsione della somma aggiuntiva per l’anno 2013 (14a); controllo delle partite Iva comunitarie: novità

 

 

Indice:

1) rinviato ufficialmente l’aumento dell’Iva al prossimo 1 ottobre

2) Modificata la disciplina per srl semplificate e start up innovative

3) F24 Enti pubblici: istituiti i codici tributo per il versamento del tributo comunale sui rifiuti e sui servizi

4) La Croazia è nella Ue

5) Prova delle cessioni intracomunitarie: circolare di Assonime

6) Intermitenti, dal 3 luglio due canali di comunicazione (sito e PEC), SMS solo in alcuni casi, fax per emergenze

7) Cinque per mille 2013: aggiornati elenchi dei soggetti che hanno chiesto di accedere al beneficio dopo i termini per l’iscrizione

8) Pensionati: corresponsione della somma aggiuntiva per l’anno 2013 (14a)

9) Controllo delle partite Iva comunitarie: novità

 

 

1) rinviato ufficialmente l’aumento dell’Iva al prossimo 1 ottobre

L’aumento dell’IVA dal 21 al 22% è slittato dal 1° luglio al 1° ottobre 2013.

Lo ha stabilito il D.L. n. 76 del 28 giugno 2013 (pubblicato sulla G.U. n. 150 del 28 giugno 2013), contenente primi interventi urgenti per la promozione dell’occupazione, in particolare giovanile, della coesione sociale, oltre che in materia di Iva e altre misure finanziarie.

In particolare, in base all’art. 11, comma 1 del D.L., viene differito di tre mesi il termine a partire dal quale viene applicato l’aumento dell’aliquota ordinaria dell’IVA dal 21 al 22%.

Aumento acconti Irpef e Ires

Il suddetto Decreto, per coprire il rinvio dell’aumento dell’IVA, dispone, inoltre, l’incremento della misura degli acconti Irpef e Ires rispettivamente al 100% e al 101%.

In occasione dei prossimi versamenti di luglio e agosto, comunque, per l’eventuale prima rata, si continuano ad applicare le ordinarie misure del 99% e del 100%.

Incentivi lavoro

Sul fronte lavoro, le misure messe in campo dal Governo prevedono una serie di incentivi per favorire l’occupazione, in particolare dei giovani. Sono previsti incentivi per le nuove assunzioni di giovani tra i 18 ed i 29 anni, nel limite massimo di 650 euro al mese, qualora sussistano determinate condizioni soggettive (siano privi di impiego regolarmente retribuito da almeno sei mesi; siano privi di un diploma di scuola media superiore o professionale; siano lavoratori che vivono da soli con una o più persone a carico).

Per ogni lavoratore assunto, è prevista la concessione di un sgravio contributivo pari a 1/3 della retribuzione mensile lorda (imponibile ai fini previdenziali), fino ad un massimo di 650 euro.

 

2) Modificata la disciplina per srl semplificate e start up innovative

Il D.L. n. 76 del 28 giugno 2013, pubblicato sulla G.U. n. 150 del 28 giugno 2013, ha modificato la disciplina delle c.d. “società a responsabilità limitata semplificata”, rivolta a persone fisiche “che non abbiano compiuto i trentacinque anni di età alla data della costituzione”.

Adesso tale limite di età è stato soppresso per effetto delle modifiche apportate all’art. 2463-bis c.c. dall’art. 9, comma 13 del suddetto D.L., insieme al divieto di cessione delle quote “a soci non aventi i requisiti di età”.

Viene, inoltre, introdotta la possibilità di affidare l’amministrazione anche a non soci.

Si viene, in tal modo, a mantenere un solo tipo di Srl con capitale a 1 euro.

Pertanto, l’accesso alla srl semplificata sarà ammesso anche a soggetti con età superiore ai 35 anni.

Diventa libera la cessione di quote tra persone fisiche.

Vengono, quindi, abrogate le società a responsabilità limitata a capitale ridotto (SRLCR).

Start up innovativa

Il medesimo Decreto prevede anche una serie di interventi significativi sul fronte dei requisiti per ottenere la qualifica di “start up innovativa”, volti ad ampliare l’accesso alla relativa disciplina di favore.

In particolare, l’art. 9, comma 16 del D.L. n. 76/2013 ha soppresso la condizione prevista dal comma 2, lett. a) dell’art. 25 del D.L. 179/2012, in base al quale la maggioranza delle quote o azioni rappresentative del capitale sociale e dei diritti di voto…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it