La liquidazione di Aspi e mini-Aspi

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 18 luglio 2013

la liquidazione dei nuovi ammortizzatori sociali è possibile in un'unica soluzione per intraprendere una nuova attività autonoma o in forma cooperativa

La legge di riforma del mercato del lavoro (Legge n. 92/2012) ha modificato, come noto, la disciplina degli ammortizzatori sociali prevedendo l’introduzione di due nuove indennità (ASPI e mini-ASPI) destinate a sostituire, a regime, rispettivamente, l’indennità di disoccupazione e l’indennità di mobilità.

Nello specifico, l’ASPI è destinata a sostituire l’indennità di disoccupazione ordinaria non agricola a requisiti normali, ovvero l’indennità di disoccupazione speciale edile. Parimenti, la Mini ASPI sostituirà la disoccupazione ordinaria non agricola a requisiti ridotti, nonché l’indennità di mobilità.

Potranno usufruire dei novellati istituti di integrazione salariale del reddito, tutti i lavoratori dipendenti, i soci lavoratori di cooperativa che abbiano stabilito, con la propria adesione o successivamente all’instaurazione del rapporto associativo, un rapporto di lavoro in forma subordinata, nonché il personale artistico con rapporto di lavoro subordinato. Restano esclusi dalla disciplina in parola, i dipendenti a tempo indeterminato delle pubbliche ammin