Novità fiscali del 28 giugno 2013: la dilazione per i versamenti vale anche per i contributi dovuti alla Gestione Separata

Pubblicato il 28 giugno 2013

fisco sulla casa: annuario del contribuente aggiornato; colf: rilascio del servizio online per la comunicazione da parte dei datori di lavoro domestico; anche se parenti va pagato l’affitto d’azienda; salvaguardati: presentazione istanze; sgravi contributivi: il professionista è datore di lavoro non imprenditore; dal 1° luglio chiudono alcuni sportelli di Equitalia Nord; ecobonus anche per elettrodomestici; cinque per mille 2013: entro l’1 luglio l’invio della dichiarazione sostitutiva; rapporto 2013 sull’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili; gestioni artigiani e commercianti e gestione separata - liberi professionisti: proroga scadenza versamenti anche per l’Inps; contribuzione dovuta sulle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato intervenute dal 1° gennaio 2013

 

 

Indice:

1) Fisco sulla casa: annuario del contribuente aggiornato

2) Colf: rilascio del servizio online per la comunicazione da parte dei datori di lavoro domestico

3) Anche se parenti va pagato l’affitto d’azienda

4) Salvaguardati: presentazione istanze

5) Sgravi contributivi : il professionista è datore di lavoro non imprenditore

6) Dal 1° luglio chiudono alcuni sportelli di Equitalia Nord

7) Ecobonus anche per elettrodomestici

8) Cinque per mille 2013: entro l’1 luglio l’invio della dichiarazione sostitutiva

9) Rapporto 2013 sull’Albo dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili

10) Gestioni artigiani e commercianti e gestione separata - liberi professionisti: proroga scadenza versamenti anche per l’Inps

11) Contribuzione dovuta sulle interruzioni di rapporti di lavoro a tempo indeterminato intervenute dal 1° gennaio 2013: chiarimenti

12) Approfondimenti da Assonime

 

 

1) Fisco sulla casa: annuario del contribuente aggiornato

Lo scorso 26 giugno l’Agenzia delle entrate ha aggiornato l’annuario del contribuente 2013, in particolare i paragrafi relativi alle agevolazioni per i lavori di ristrutturazione edilizia e risparmio energetico a seguito delle importanti novità introdotte dal D.L. n. 63/2013, quali:

- Proroga al 31 dicembre 2013 per usufruire dell’agevolazione per le ristrutturazioni edilizie nella misura del 50%. Inoltre, si possono detrarre, sempre al 50%, le spese sostenute per i mobili finalizzati all’arredo dell’immobile oggetto di ristrutturazione;

- proroga al 31 dicembre 2013 per beneficiare dell’agevolazione per i lavori di risparmio energetico. Inoltre, lo stesso decreto ha aumentato la misura della detrazione dal 55% al 65% per le spese sostenute dal 6 giugno 2013 al 31 dicembre 2013.

 

2) Colf: rilascio del servizio online per la comunicazione da parte dei datori di lavoro domestico

Lavoro domestico: rilascio del servizio online per la comunicazione da parte dei datori di lavoro domestico della volontà di non ricevere i MAV cartacei al proprio domicilio.

Verte su tale assunto il messaggio dell’Inps n. 10289 del 26 giugno 2013.

Tale Istituto (con la circolare n. 49/2011) ha stabilito le nuove modalità di pagamento che i datori di lavoro domestico possono utilizzare per versare i contributi, individuando le seguenti opzioni:

- pagamento presso i soggetti aderenti al circuito “Reti Amiche”;

- online sul sito Internet www.inps.it >Servizi on line>Portale dei pagamenti> Lavoratori domestici, utilizzando la carta di credito per perfezionare il pagamento;

- telefonando al Contact Center numero gratuito 803.164 (solo da rete fissa) o il numero 06 164164 (solo da telefono cellulare, con tariffazione stabilita dal proprio gestore), utilizzando la carta di credito.

- utilizzando il bollettino MAV - Pagamento mediante avviso - ricevuto oppure generato attraverso il sito Internet www.inps.it >Servizi on line>Portale dei pagamenti>Lavoratori domestici.

Con particolare riferimento all’utilizzo del bollettino MAV l’Istituto provvede ad inviare al datore di lavoro domestico due tipologie di comunicazioni cartacee che allegano tali bollettini:

- la comunicazione di accoglimento della richiesta di iscrizione del rapporto di lavoro che costituisce la conferma dell’avvenuta attivazione dello stesso. Tale comunicazione contiene in allegato i MAV per il pagamento dei contributi relativi ai primi trimestri successivi all’iscrizione del rapporto di lavoro.

- la comunicazione di rinnovo che viene inviata a tutti i datori con rapporti di lavoro attivi ed ha tradizionalmente lo scopo di ricordare le scadenze di pagamento quantificando i contributi da versare. Il calcolo dei contributi dovuti è basato sulle caratteristiche del rapporto di lavoro comunicate all’Istituto attraverso gli appositi servizi di iscrizione e variazione. Tale comunicazione viene inviata tipicamente due volte l’anno e allega, per ogni invio, i bollettini MAV relativi al trimestre in scadenza e al trimestre successivo.

I bollettini MAV cartacei in parola, inviati al domicilio, possono essere utilizzati per il pagamento dei contributi qualora il rapporto di lavoro non abbia subito variazioni nei parametri che determinano il calcolo dei contributi da versare (quali ad esempio le ore lavorate nel trimestre, la retribuzione o la configurazione delle settimane retribuite), ovvero qualora il datore di lavoro non si avvalga di qualche forma di assistenza contrattuale; ciò in quanto i MAV prodotti dall’Istituto non possono tenere conto della quota di assistenza contrattuale eventualmente dovuta dal datore di lavoro.

Ciò premesso, l’Istituto ha messo a disposizione dei datori di lavoro domestico e dei soggetti abilitati in possesso di PIN una nuova funzionalità che consente di esprimere la volontà di ricevere o meno i MAV cartacei al domicilio del datore di lavoro.

Tale volontà può essere espressa in fase di iscrizione di un nuovo rapporto di lavoro o in fase di variazione di un rapporto di lavoro attivo utilizzando i consueti servizi dedicati al lavoro domestico disponibili sul sito internet dell’Istituto www.inps.it nella sezione SERVIZI ONLINE e in particolare:

- in fase di iscrizione di un nuovo rapporto di lavoro, sarà possibile indicare la volontà di ricevere il MAV cartaceo al recapito indicato selezionando l’opzione di risposta “si” all’apposita domanda; analogamente selezionando l’opzione di risposta “no” si esprimerà la volontà di non ricevere il MAV cartaceo.

- in fase di variazione, con riferimento a uno specifico rapporto di lavoro, sarà possibile modificare tale scelta selezionando la voce “Invio MAV” dalla sezione “Variazione Rapporto Lavoro”. Nel transitorio per i rapporti di lavoro per i quali non sia stata ancora espressa una preferenza sarà visualizzato un avviso che richiede di indicare se si desidera ricevere il MAV cartaceo.

I datori di lavoro che avranno selezionato l’opzione di risposta “si” continueranno a ricevere al recapito indicato i bollettini MAV secondo le consuete modalità.

I datori di lavoro che avranno selezionato l’opzione di risposta “no” non riceveranno al recapito indicato ulteriori comunicazioni né bollettini MAV. Se l’opzione “no” sarà effettuata successivamente all’invio del rinnovo dei bollettini MAV, la scelta “no” sarà acquisita ma avrà efficacia dal primo rinnovo utile successivo all’acquisizione.

E’ possibile, in ogni momento, ripristinare la scelta precedente e, conseguentemente, riattivare il servizio di invio di comunicazione e di bollettini MA