Novità fiscali del 20 giugno 2013: le regole per la tassazione delle società tra professionisti

 

 
Indice:
1) Rete d’impresa quale soggetto autonomo passivo d’imposta
2) Modalità di comunicazione della chiamata di lavoro intermittente
3) Regole di tassazione degli utili prodotti dalle STP
4) Accertamento da studi di settore: niente applicazione automatica per le doppie attività
5) Incontri formativi per Consulenti Tecnici d’Ufficio (CTU)
6) 190 euro al mese per assunzioni di lavoratori licenziati
7) Cartelle di pagamento in chiaro
8) Rapporti tra processo penale e processo tributario
 

 
1) Rete d’impresa quale soggetto autonomo passivo d’imposta
Le reti di impresa dotate di un fondo patrimoniale comune possono acquisire un’autonoma soggettività giuridica, distinta rispetto a quella delle singole imprese partecipanti. Così facendo la rete diventa un autonomo soggetto passivo di imposta a cui fanno capo i conseguenti obblighi tributari.
E’ uno dei chiarimenti contenuti nella circolare n. 20/E del 18 giugno 2013, con la quale l’Agenzia delle entrate ha fatto il punto sull’impatto fiscale dei “decreti crescita” avuto riguardo alla disciplina civilistica del contratto di rete di imprese.
Tale documento affronta poi alcuni aspetti della disciplina agevolativa introdotta dall’articolo 42, commi da 2-quater a 2-septies del Decreto Legge 31 maggio 2010, n. 78, a favore delle imprese aderenti ad un contratto di rete.
Due chiavi per fare rete: indipendenti per scelta, o viceversa
Le reti di impresa dotate di un fondo patrimoniale comune possono decidere di iscriversi al registro delle Camere di Commercio e divenire così “reti-soggetto”, dotate di autonoma soggettività giuridica, e quindi anche tributaria, oppure, aderire ad un modello contrattuale “puro” di rete di imprese, cioè la “rete-contratto”, in cui la titolarità di beni, atti, diritti e obblighi restano riferibili per quota ai singoli soggetti partecipanti, anche dal punto di vista fiscale.
La circolare chiarisce che, diversamente dalla rete-soggetto, che è titolare delle situazioni giuridiche soggettive derivanti dall’attuazione del programma di rete, nella rete-contratto gli atti posti in essere in esecuzione del programma di rete producono i loro effetti direttamente nelle sfere giuridico-soggettive dei partecipanti.
Conseguentemente, qualora il contratto preveda la nomina di un organo comune, incaricato dell’esecuzione del contratto o di una o più parti di esso, gli atti posti in essere da quest’ultimo – che agisce in veste di mandatario con rappresentanza dei contraenti – producono effetti giuridici direttamente nelle sfere individuali dei singoli rappresentati.
La circolare interviene a proposito con un importante chiarimento. L’imputazione fiscale dei costi e dei ricavi generati dalle operazioni poste in essere dall’organo comune richiede la fatturazione diretta da parte dei singoli partecipanti nel caso di operazioni attive, e ai singoli partecipanti in caso di operazioni passive.
Per i beni acquistati e i servizi ricevuti nell’esecuzione del programma di rete, il fornitore dovrà, pertanto, emettere tante fatture quanti sono i partecipanti rappresentati dall’organo comune, intestate a ciascuno di essi e con l’indicazione della parte di prezzo a essi imputabile.
Allo stesso tempo per le vendite e le prestazioni di servizi effettuate dall’organo comune, ciascun partecipante dovrà emettere fattura al cliente per la quota parte del prezzo a sé imputabile.
Viene altresì chiarito che gli atti posti in essere in esecuzione di singole parti o fasi del contratto di rete dalle singole imprese partecipanti o anche dall’eventuale “impresa capofila” – che agiscono in veste di mandatari senza rappresentanza – non comportano, invece, alcun …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it