Detrazione spese sanitarie: corretto comportamento da tenere

Quale è il corretto comportamento da tenere ai fini della detrazione delle spese sanitarie, in particolare delle spese dei prodotti acquistati in farmacia dopo le recenti novità?
Con il presente intervento si evidenziano le modalità da seguire, ciò ai fini della compilazione del prossimo Modello Unico.
 Le spese sanitarie relative all’acquisto di medicinali sono deducibili se la spesa risulta certificata da fattura o da scontrino fiscale (cd. “scontrino parlante”) in cui risultino specificati la natura, la qualità e la quantità dei prodotti acquistati nonché il codice fiscale del destinatario.
In merito alle relative indicazioni richieste nei documenti di certificazione è stato precisato che:
– per quanto riguarda la natura del prodotto si ritiene sufficiente l’indicazione generica di “farmaco” o “medicinale”; vengono accettate anche le terminologie OTC, SOP, omeopatico ed abbreviazioni come med., e f.co; anche la dicitura TICKET soddisfa l’indicazione della natura del prodotto ed il contribuente non è più tenuto a conservare copia della ricetta rilasciata dal medico di base;
– per quanto riguarda la qualità è sufficiente l’indicazione del numero di autorizzazione all’immissione in commercio (AIC).
L’acquisto di medicinali preparati in farmacia (preparazioni galeniche) è detraibile se nel documento rilasciato è indicata la natura (farmaco), la qualità (preparazione galenica), la quantità ed il codice fiscale del destinatario.
Spesso in questi casi viene rilasciata la fattura per ovvie difficoltà nell’emissione dello scontrino parlante.
Per i prodotti fitoterapici, l’Agenzia delle entrate, con risoluzione del n. 396/E del 2008, ha precisato che gli stessi possono beneficiare della detrazione se approvati dall’AIFA (Agenzia Italiana del Farmaco) che ne autorizza l’immissione in commercio.
La stessa Agenzia, con la circolare n. 20/E del 2011, ha precisato, con riferimento alle spese per l’acquisto/affitto di attrezzature sanitarie, che la generica dicitura “dispositivo medico” riportata sul documento fiscale (scontrino o fattura) non è sufficiente per beneficiare della detrazione del 19%, ma occorre che:
A) le attrezzature sanitarie (prodotti, apparecchiature e strumentazioni):
– Rientrino nella definizione di dispositivo medico contenuta negli artt. 1, comma 2, dei tre Decreti Legislativi di settore (Decreti Legislativi n. 507/1992 – n. 46/1997 – n. 332/2000), a tal fine si veda l’elenco posto nella parte finale relativo agli esempi dei dispositivi medici di uso più comune);
– siano dichiarate conformi, con dichiarazione/certificazione di conformità, in base a dette normative ed ai loro allegati e, perciò, siano marcate “CE” dal fabbricante in base alle direttive europee di settore (93/42/CEE, 90/385/CEE e 98/79/CE).
B) dallo scontrino parlante o dalla fattura risulti:
– il soggetto che sostiene la spesa;
– la descrizione del dispositivo medico e l’indicazione “dispositivo medico”.
Il Ministero della salute nell’intento di agevolare il contribuente nelle suddette verifiche ha fornito un elenco, sebbene non esaustivo, dei Dispositivi Medici (MD) e dei Dispositivi Medico Diagnostici in Vitro (IVD), rappresentativo delle categorie di uso più comune. Per questi dispositivi pertanto il contribuente non deve verificare se rientrano nella definizione di dispositivi medici detraibili, ma deve solo conservare (per ciascuna tipologia di prodotto) la documentazione dalla quale risulti che il prodotto acquistato è marcato CE (confezione del dispositivo acquistato, oppure la scheda del prodotto o un’attestazione del produttore).
Infine, l’Agenzia delle entrate, con la circolare n. 19/E…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it