Il calcolo dei compensi dei sindaci

In vista dell’avvio ormai prossimo della stagione delle assemblee societarie, ci si pone il problema di quale comportamento debba essere adottato nel caso in cui si renda necessario procedere alla nomina del Collegio Sindacale (non incaricato del controllo legale dei conti) ed alla conseguente determinazione del compenso.
Come noto il primo comma dell’articolo 9 del Decreto Liberalizzazioni (D.L. 1 del 24.01.2012, convertito, con modificazioni, dalla legge 24 marzo 2012 n. 27) ha abrogato le tariffe professionali: come conseguenza, in riferimento, alla questione dei compensi da corrispondere ai componenti il Collegio Sindacale si sono creati almeno tre diversi ordini di problemi.
In primo luogo si pone la questione relativa a come ci si deve regolare nei confronti dei Collegi i cui componenti erano già stati nominati in un momento precedente l’abrogazione della…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it