Novità fiscali del 7 marzo 2013: fissato il nuovo tasso degli interessi di mora validi dal 2013

 

 

Indice:

1) Le ultime sentenze tributarie dalla Cassazione

2) Studi di settore 2013: nuove voci di coerenza per il 2012

3) Bancarotta fraudolenta: sequestrati beni per 16 milioni di euro

4) Fissati dal fisco il tasso degli interessi di mora validi dal 2013

5) Regole monitoraggio appalti pubblici in Gazzetta Ufficiale

6) Responsabilità solidale negli appalti di opere e servizi

7) Cambiali finanziarie e obbligazioni: chiarimenti dell’Agenzia sul nuovo regime fiscale

8) Redditi da altro Stato

 

 

1) Le ultime sentenze tributarie dalla Cassazione

Ecco di seguito le sentenze più interessanti della Cassazione fiscale depositate il 5 marzo 2013:

Sentenza 5385/13 Ipoteca. Nel caso il coniuge abbia costituito un fondo patrimoniale conferendovi un suo bene e agisca contro un suo creditore, per l’illegittimità dell’ipoteca deve allegare e provare che il debito sia stato contratto per uno scopo estraneo ai bisogni della famiglia e che il creditore era a conoscenza di tale circostanza.

Sentenza 5473/13Accertamento all’amministratore di condominio. L’ufficio del fisco, ai fini accertativi, può considerare il compenso medio per ciascun incarico di amministrazione del condominio, ponendo così il contribuente nella possibilità di contestare i risultati, vista la mancata applicazione di una forma induttiva pura. Dunque, il reddito imponibile dell’amministratore di condominio può essere calcolato dal fisco sulla base del numero dei condomini.

Sentenza 5476/13 Crediti Iva. Niente compensazione con debiti pregressi se la società ha omesso di presentare la dichiarazione e quindi l’esposizione del credito per l’anno successivo.

Sentenza 5477/13 Notifiche. Legittima la notifica presso il luogo dove vive e lavora il contribuente, non incombendo sul notificatore l’onere di andare alla ricerca di un luogo alternativo quando non ci siano i presupposti per pensare a un luogo differente.

Sentenza 5478/13Contenzioso. Illegittimo il ricorso contro la cartella di pagamento quando è stato respinto il provvedimento di diniego di condono.

Sentenza 10227/13Notifiche. In caso di notifica di atto di citazione in giudizio, se l’imputato è stato sfrattato la procedura si considera legittima se effettuata nelle mani del difensore

 

2) Studi di settore 2013: nuove voci di coerenza per il 2012

Studi di settore: la commissione esperti ha approvato le voci di coerenza per il periodo d’imposta 2012. Via libera ai nuovi indici di coerenza economica per gli studi di settore evoluti nel 2012. La novità è dovuta anche ai fini dell’estensione del regime premiale introdotto dal D.L. n. 201/2011 per i soggetti congrui e coerenti, in atto previsto per circa 1/4 degli studi complessivi (55 su 206).

La commissione degli esperti costituita presso Sose ha approvato il 05 marzo 2013 all’unanimità gli indicatori generali applicabili ai circa 70 studi revisionati nel dicembre scorso, più alcuni indicatori specifici utilizzabili per particolari studi (autoscuole, servizi linguistici, riparazione elettrodomestici, noleggio auto, discoteche, servizi di catering e mensa).

Come già anticipato, i nuovi indicatori di coerenza economica riguardano il margine per addetto non dipendente, il margine di copertura del costo per il godimento di beni di terzi e degli ammortamenti, nonché il rendimento del capitale rispetto al valore aggiunto lordo. Oltre ai nuovi indicatori di carattere generale, la commissione degli esperti ha varato anche misure specifiche. A cominciare dalle attività professionali, con riguardo alle stabili collaborazioni. Per i giovani che iniziano a lavorare in uno studio, nei primi sei anni la determinazione del compenso seguirà logiche diverse dalla tariffazione oraria. Come anticipato dalle Entrate, poi, al via i correttivi relativi al credito d’imposta carburante e al collaboratore familiare (da applicare allo studio di settore VG68U).

Dal 2013, infine, sarà aggiornata la territorialità dei factory outlet…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it