Novità fiscali del 20 febbraio 2013: tutti gli agenti di commercio devono presentare la SCIA entro il 12 maggio 2013!

 

 

Indice:

 

1) Leasing finanziario: risoluzione del contratto a seguito della riforma della Legge fallimentare

 

2) Riduzione contributiva settore edilizia

 

3) Tutti gli agenti di commercio devono presentare la SCIA entro il 12 maggio 2013, chi non provvede sarà inibito dall’attività

 

4) Fisco e tributaristi insieme per la mediazione firmata l’intesa con l’Agenzia delle Entrate

 

5) Potenziata la collaborazione tra il dipartimento per l’informazione e l’editoria e la Guardia di Finanza: firmato il nuovo protocollo d’intesa

 

6) Aggiornato il software di compilazione dell’istanza per l’attribuzione del credito d’imposta per investimenti nel Mezzogiorno

 

7) Eventi sismici 2012: sospensione del pagamento del canone Rai (dichiarazione di inagibilità)

 

8) Inizio attività ai fini Iva: modificati i vari software delle Entrate

 

9) Rimborso Iva: non era stato presentato il Mod. VR, va bene anche il quadro RX

 

10) Modelli 730/2013: approvate le specifiche tecniche per la trasmissione telematica dei dati contenuti nelle dichiarazioni

 

 

1) Leasing finanziario: risoluzione del contratto a seguito della riforma della Legge fallimentare

Permangono ancora questioni irrisolte, ciò anche dopo l’introduzione di una specifica disciplina dello scioglimento del contratto di locazione finanziaria nell’ambito del diritto fallimentare.

Lo rileva l’Unione Nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili  (UNGDCEC) nella circolare n. 11/2013, pubblicata il 19 febbraio 2013 sul proprio sito internet, che verte sul leasing finanziario: regolamentazione della risoluzione del contratto a seguito della riforma della Legge fallimentare.

Peraltro, l’introduzione di una normativa sullo scioglimento del contratto di leasing nel diritto fallimentare viene vista come una novità degna di nota per il nostro ordinamento (art. 72-quater L.F che regolamenta la risoluzione del contratto soltanto qualora nel seguito l’utilizzatore venga dichiarato fallito).

In particolare, sono sorte incertezze in merito al corretto significato da attribuire ai vari termini indicati, poi in gran parte superate, grazie agli interventi giurisprudenziali.

Persiste poi la mancanza di una regolamentazione espressa dei casi extrafallimentari di risoluzione dei contratti di leasing e ciò ha aggiunto elementi di confusione tra gli operatori, non essendo chiaro a quale interpretazione si debba aderire.

A tal proposito, l’UNGDCEC propende per la non applicabilità dell’art. 72-quater L.F. alle ipotesi di scioglimento verificatesi fuori dal contesto fallimentare – che resterebbero pertanto disciplinate in conformità ai principi sanciti dall’art. 1526 c.c. – ma rimane, in ogni caso, la perplessità nel riscontrare come il Legislatore non abbia colto l’occasione per regolamentare compiutamente la materia, lasciando, nuovamente, alla giurisprudenza il compito di individuarne i vari aspetti e, di conseguenza, di determinarne la corretta disciplina.

 

2) Riduzione contributiva settore edilizia

Entro il 16 maggio 2013 le aziende del settore edile potranno chiedere la riduzione contributiva dell’11,50% per l’anno 2012.

L’Inps, con la circolare n. 28 del 18 febbraio 2013, ha riepilogato la normativa relativa alla riduzione contributiva a favore delle imprese edili introdotta dal D.L. n. 244/1995, convertito dalla Legge 341/1995, e fornisce indicazioni operative per le aziende che non hanno presentato l’istanza di riduzione nel 2012.

Si tratta del beneficio che consiste in una riduzione, nella misura dell’11,50%, sui contributi dovuti per le assicurazioni sociali diverse da quella pensionistica e si applica ai soli operai occupati con un orario di lavoro di 40 ore settimanali.

Non spetta, quindi, per i lavoratori a tempo parziale.

La citata circolare fornisce poi informazioni sulle condizioni di accesso al beneficio e sulle modalità operative per le aziende che, pur non avendo presentato l’istanza nel 2012, possono farlo entro i…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it