Dichiarazione IVA 2013 relativa all’anno 2012: aspetti e novità

di Vincenzo D'Andò

Pubblicato il 4 febbraio 2013



chi vuole evitare di presentare anche la comunicazione annuale dei dati Iva del 2013 deve presentare entro il 28 febbraio 2013 la dichiarazione Iva 2013 (in via autonoma rispetto ad Unico 2013): ecco tutte le novità del nuovo modello

Chi vorrà evitare di presentare anche la comunicazione annuale dei dati Iva del 2013 dovrà presentare entro il 28 febbraio 2013 la dichiarazione Iva 2013 (in via autonoma da Unico 2013).

E’ presumibile che ormai pochi contribuenti continuano a presentare entrambi tali dichiarazioni (tranne i casi in cui vi sia comunque l’esonero da tale comunicazione annuale Iva, ad es. perché il volume d’affari nel 2012 non ha superato € 25.000,00).

Considerato poi che il modello 770/2013 si presenta pure in via autonoma entro il mese di luglio, ormai il Modello Unico, di fatto, è divenuto solo una dichiarazione dei redditi (da ricordare, inoltre, che, parimenti, la  dichiarazione Irap si presenta in via autonoma).

Insomma, le tanto decantate semplificazioni contabili e fiscali, durano al massimo pochi anni e poi si ritorna tutto come prima o forse peggio.

 

 

Soggetti che presentano la dichiarazione Iva in via autonoma

Avvertano le istruzioni ministeriali che la presentazione “in via autonoma” (cioè in forma non unificata) del modello di dichiarazione IVA relativa all’anno 2012 (modello IVA/2013) è prevista per le seguenti categorie di contribuenti:

- Le società di capitali e gli enti soggetti ad IRES con periodo d’imposta non coincidente con l’anno solare nonché i soggetti, diversi dalle persone fisiche, con periodo d’imposta chiuso in data anteriore al 31 dicembre 2012;

- le società controllanti e controllate, che partecipano alla liquidazione dell’IVA di gruppo ai sensi dell’art. 73, anche per periodi inferiori all’anno;

- i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o da altre trasformazioni sostanziali soggettive tenuti a comprendere nella propria dichiarazione annuale il modulo relativo alle operazioni dei soggetti fusi, incorporati, trasformati, ecc., qualora quest’ultimi abbiano partecipato durante l’anno alla procedura della liquidazione dell’IVA di gruppo;

- i curatori fallimentari e i commissari liquidatori, per le dichiarazioni da questi presentate per conto dei soggetti falliti o sottoposti a procedura di liquidazione coatta amministrativa, per ogni periodo d’imposta fino alla chiusura delle rispettive procedure concorsuali;

- i soggetti non residenti che si avvalgono di un rappresentante fiscale tenuto a presentare la dichiarazione IVA per loro conto;

- i soggetti non residenti identificati direttamente ai sensi dell’art. 35-ter;

- particolari soggetti (ad es., i venditori “porta a porta”), qualora non siano tenuti alla presentazione della dichiarazione unificata, in quanto titolari di redditi per i quali non sussiste l’obbligo di presentazione della dichiarazione dei redditi;

- i soggetti risultanti da operazioni straordinarie o da altre trasformazioni sostanziali soggettive, avvenute nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2013 e la data di presentazione della dichiarazione relativa al 2012, tenuti a presentare tale dichiarazione annuale per conto dei soggetti estinti a seguito della operazione intervenuta (fusione, scissione, ecc.).

Inoltre, possono presentare la dichiarazione in via autonoma:

- I soggetti che intendono utilizzare in compensazione ovvero chiedere a rimborso il credito d’imposta risultante dalla dichiarazione annuale (art. 3, comma 1, del D.P.R. n. 322 del 1998, come modificato dall’art. 10 del D.L. 1° luglio 2009, n. 78);

- infine, appunto, i soggetti che presentano la dichiarazione entro il mese di febbraio al fine di poter usufruire dell’esonero dalla presentazione della comunicazione annuale dati Iva.

 

 

Termini di presentazione

Come è noto, la presentazione della dichiarazione annuale Iva da parte dei soggetti tenuti a tale adempimento deve essere effettuata esclusivamente per via telematica.

In particolare, l’art. 8 del D.P.R. n. 322 del 1998, prevede che la dichiarazione IVA, relativa all’anno 2012 deve essere presentata nel periodo compreso tra il 1° febbraio e il 30 settembre 2013 nel caso in cui il contribuente sia tenuto alla presentazione in via autonoma ovvero entro il 30 settembre 2013 nel caso in cui il contribuente sia tenuto a comprendere la dichiarazione IVA nella dichiarazione unificata. Tuttavia, la stessa deve essere presentata entro il 28 febbraio 2013 al fine di evitare di dovere presentare, entro tale data, la comunicazione annuale dei dati Iva del 2012.

 

 

Principali modifiche ai modelli

Queste di seguito le principali modifiche introdotte nei modelli di dichiarazione IVA 2013.

Modello di dichiarazione IVA annuale

QUADRO VA

Il rigo VA14 deve essere compilato dai contribuenti che a partire dal periodo d’imposta successivo (2013) a quello cui si riferisce la presente dichiarazione (2012) intendono avvalersi del particolare regime disciplinato dall’art. 27, commi 1 e 2, del D.L. 6 luglio 2011, n. 98, le cui modalità di attuazione sono state stabilite con il provvedimento del 22 dicembre 2011.

In particolare, la casella 1 deve essere barrata per comunicare che si tratta dell’ultima dichiarazione annuale IVA precedente all’applicazione del regime.

Nel campo 2 deve essere indicato l’ammontare complessivo della rettifica dell’IVA già detratta, operata ai sensi dell’art. 19-bis2 in relazione al mutato regime fiscale.

Peraltro, ai sensi del comma 101 dell’art. 1, della legge n. 244 del 2007, l’imposta dovuta per effetto della rettifica è versata in un’unica soluzione ovvero in cinque rate annuali di pari importo, utilizzando il codice tributo 6497. L’unica o prima rata deve essere corrisposta entro il termine per il versamento del saldo annuale IVA e le successive rate entro il termine previsto per il versamento a saldo dell’imposta sostitutiva.

L’importo della rettifica indicata nel campo 2 non deve essere compreso nel rigo VF56.

È stato introdotto il nuovo rigo VA 15 per le società in perdita sistemica nel triennio e che dunque sono considerate presuntivamente non operative dal 2012, ai sensi dell’art. 2 commi 36-decies e undicies del D.L. n. 138/2011).

Come chiarito con la circolare n. 23 dell’11 giugno 2012, infatti, la disciplina delle società di comodo opera nei confronti dei soggetti in perdita sistematica a partire dal periodo d’imposta successivo al triennio in cui è stata evidenziata, in sede di presentazione della dichiarazione dei redditi, una situazione di perdita fiscale ovvero una situazione di perdita fiscale per un biennio e per un anno un reddito imponibile inferiore a quello minimo presunto.

Nella casella deve essere indicato il codice corrispondente alle seguenti situazioni:

- “1” società non operativa per l’anno oggetto della dichiarazione;

- “2” società non operativa per l’anno oggetto della dichiarazione e per quello precedente;

- “3” società non operativa per l’anno oggetto della dichiarazione e per i due precedenti;

- “4” società non operativa per l’anno oggetto della dichiarazione e per i due precedenti e che non ha effettuato nel triennio operazioni rilevanti ai fini dell’Iva non inferiori all’importo che risulta dall’applicazione delle percentuali di cui all’art. 30, comma 1, della legge n. 724 del 1994.

Peraltro, per le società e gli enti non operativi il credito Iva emergente dalla dichiarazione annuale non può essere utilizzato in compensazione nel Modello F24 (ipotesi evidenziate con i codici 1, 2 e 3).

QUADRO VE

Nella sezione 2 è stato soppresso il rigo riservato all’indicazione delle operazioni con aliquota al 20%.

Nella sezione 4, rigo VE34, il campo 5 è stato ridenominato “Cessioni di fabbricati” a seguito delle modifiche introdotte negli artt. 10, n. 8-bis) e 8 ter) e 17, comma 6, lettera a-bis), dall’art. 9 del D.L. n. 83 del 2012.

Nel rigo VE36, riservato all’esposizione delle operazioni con imposta esigibile in anni successivi, è stato introdotto il campo 3 per le operazioni effettuate ai sensi dell’art. 32-bis del D.L. n. 83 del 2012, in vigore dal 1° dicembre 2012.

QUADRO VF

Nella sezione 1 è stato soppresso il rigo riservato all’indicazione delle operazioni con aliquota al 20%.

E’ stato introdotto il campo 3, nel rigo VF19, per gli acquisti effettuati dai contribuenti che hanno optato per il neo regime dell’Iva per cassa (art. 32 bis del D.L. n. 83/2012).

In particolare, nel rigo VF19, riservato all’esposizione degli acquisti registrati nell’anno ma con imposta differita ad anni successivi, è stato introdotto il campo 3 per gli acquisti effettuati dai soggetti che si avvalgono del regime dell’IVA per cassa di cui all’art. 32-bis del D.L. n. 83 del 2012, in vigore dal 1° dicembre 2012.

QUADRO VJ

Il rigo VJ14 è stato ridenominato “Acquisti di fabbricati (art. 17, comma 6, lett. a-bis)” a seguito delle modifiche introdotte dall’art. 9 del D.L. n. 83 del 2012.

QUADRO VL

Nella sezione 3, rigo VL29, è stato introdotto il nuovo campo 3 per l’esposizione dei versamenti sospesi a seguito di eventi eccezionali.

Il rigo VL40 è stato ridenominato “ Versamenti effettuati a seguito di utilizzo in eccesso del credito”.

QUADRO VR

Il quadro VR è stato soppresso. Da quest’anno la richiesta di rimborso del credito emergente dalla dichiarazione annuale è effettuata mediante la compilazione del quadro VX.

QUADRO VX

A seguito della soppressione del quadro VR, il rigo VX4 “Importo di cui si richiede il rimborso”, è stato implementato con la previsione di nuovi campi per consentire ai contribuenti interessati di chiedere il rimborso del credito emergente dalla dichiarazione annuale e di fornire le informazioni necessarie per l’erogazione del rimborso.

In particolare sono stati introdotti i campi da 2 a 8 riguardanti l’importo da liquidare mediante procedura semplificata, la causale del rimborso, il possesso dei requisiti richiesti per l’erogazione prioritaria del rimborso, la condizione di subappaltatore nel settore edile, l’attestazione di operatività e di affidabilità e solvibilità per l’esonero dalla prestazione della garanzia.

QUADRO VO

La sezione 1 è stata implementata con l’introduzione del rigo VO15 riservato ai contribuenti tenuti a comunicare l’opzione per il regime dell’IVA per cassa di cui all’art. 32-bis del D.L. n. 83 del 2012, in vigore dal 1° dicembre 2012.

Nella sezione 3 sono stati previsti i righi VO33 e VO34 riguardanti la comunicazione dell’opzione esercitata dai soggetti che hanno ritenuto di non avvalersi del regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità e del regime contabile agevolato, previsti entrambi dall’art. 27 del D.L. n. 98 del 2011.

Inoltre è stato previsto il rigo VO35 riservato ai soggetti che non si sono avvalsi del regime previsto dall’art. 1, commi da 96 a 117, della Legge n. 244 del 2007 e che intendono revocare l’opzione per il regime ordinario al fine di potersi avvalere dei regimi disciplinati dall’art. 27, commi 1, 2 e 3, del D.L. n. 98 del 2011.

Per i particolari, si veda di seguito:

Contribuenti minimi - art. 1, commi da 96 a 117, Legge n. 244 del 2007

Rigo VO35, la casella 1 deve essere barrata dai contribuenti che hanno iniziato l’attività dopo il 31 dicembre 2007 e che hanno applicato, a partire dall’anno 2012, il regime fiscale di vantaggio per l’imprenditoria giovanile e lavoratori in mobilità di cui all’art. 27, commi 1 e 2, del D.L. n. 98 del 2011.

Si tratta, come chiarito dalla circolare n. 17 del 30 maggio 2012, di coloro che pur essendo in possesso dei requisiti richiesti non si sono avvalsi del regime previsto dall’art. 1, commi da 96 a 117, della legge n. 244 del 2007 e che hanno concluso il periodo triennale di permanenza obbligatoria nel regime ordinario.

La casella 2 deve essere barrata dai soggetti che hanno iniziato l’attività successivamente al 31 dicembre 2007 e pur essendo in possesso dei requisiti richiesti non si sono avvalsi del regime previsto dall’art. 1, commi da 96 a 117, della Legge n. 244 del 2007.

Concluso il periodo triennale di permanenza obbligatoria nel regime ordinario optano a partire dall’anno 2012 per il regime contabile agevolato di cui all’art. 27, comma 3, del D.L. n. 98 del 2011

Prospetto IVA 26PR

QUADRO VW

Il rigo VW40 è stato ridenominato “ Versamenti effettuati a seguito di utilizzo in eccesso del credito”.

IVA per cassa: L’opzione nella dichiarazione IVA 2013

L’Agenzia delle Entrate ha individuato le modalità di esercizio dell’opzione per il nuovo regime  dell’IVA per cassa, introdotto dall’art. 32 bis del D.L. 22 giugno 2012, n. 83, convertito, con modificazioni, dalla Legge 7 agosto 2012, n. 134, che è entrato in vigore per le operazioni effettuate dal 1° dicembre 2012.

Il contribuente dovrà barrare la casella relativa nel quadro VO della dichiarazione IVA 2013 (anno 2012), oltre ad assumere un comportamento concludente già a partire dalle operazioni effettuate dal 1° dicembre 2012.

I soggetti che rispettano i requisiti per aderire al nuovo regime dell’IVA per cassa, ossia che:

- siano soggetti passivi IVA (imprese e professionisti);

- nell’anno solare precedente hanno realizzato o, in caso di inizio di attività, prevedono di realizzare un volume d’affari non superiore a due milioni di euro;

possono optare per la liquidazione dell’Iva per cassa assumendo, innanzitutto, un comportamento concludente (riportando sulle fatture emesse l’annotazione e l’indicazione dell’articolo 32-bis del D.L. 22 giugno 2012, n. 83) e comunicando la scelta nella prima dichiarazione IVA annuale, da presentare successivamente alla scelta effettuata (art. 2 del D.P.R. n. 442/1997), barrando nel quadro VO del modello di dichiarazione IVA, l’opzione o la revoca per la liquidazione dell’IVA secondo la contabilità di cassa.

L’omessa indicazione sulle fatture emesse dell’annotazione costituisce, ai fini sanzionatori, una violazione formale, ma non fa venir meno l’efficacia dell’opzione.

Efficacia dell’opzione

L’opzione ha effetto in generale a partire:

- dal 1° gennaio dell’anno in cui è esercitata;

- o, in caso di inizio dell’attività nel corso dell’anno, dalla data di inizio dell’attività. In via transitoria, limitatamente all’anno 2012, primo anno di applicazione del nuovo regime, l’opzione, comunicata con la dichiarazione annuale IVA 2013 (anno 2012), ha effetto retroattivo per le operazioni effettuate a partire dal 1° dicembre 2012.

Ferma restando l’applicazione delle sanzioni amministrative per il ritardo, sono considerate valide le comunicazioni effettuate con la dichiarazione annuale IVA tardiva (presentata entro 90 giorni, cioè entro il termine previsto dall’articolo 2, comma 7, p. 1 del D.P.R. 22 luglio 1998, n. 322).

L’opzione vincola per un triennio

L’opzione esercitata vincola il contribuente all’applicazione dell’IVA per cassa almeno per un triennio, salvi i casi di superamento della soglia dei due milioni di euro di volume d’affari, che comportano la cessazione del regime.

Trascorso il periodo minimo di permanenza nel regime prescelto, l’opzione resta valida per ciascun anno successivo, salva la possibilità di revoca espressa, da esercitarsi, con le stesse modalità di esercizio dell’opzione, mediante comunicazione nella prima dichiarazione annuale IVA presentata successivamente alla scelta effettuata.

Ai fini del computo del triennio, se l’opzione è esercitata a partire dal 1° dicembre 2012, l’anno 2012 è considerato primo anno di applicazione del regime.

Riflessione prima di optare

Attenzione alla circostanza, che il contribuente che opta per tale nuovo regime, oltre a potere pagare l’Iva solo quando (vantaggio) viene incassata la fattura emessa al cliente (e comunque entro un anno dall’emissione della fattura), non potrà detrarre l’Iva sugli acquisti fino a quando non avrà pagato le fatture ai propri fornitori (svantaggio).

 

Vincenzo D’Andò

4 febbraio 2013