Breve riassunto delle norme giuslavoristiche nella Legge di Stabilità 2013


La Legge di Stabilità 2013 (24 dicembre 2012 n. 228) contiene un solo articolo e 561 commi.Vediamo elencate sommariamente le novità introdotte in materia di lavoro seguendo la numerazione dei commi.

 

Comma 15 – Fondo per l’occupazione

Viene incrementato di 970 milioni di euro, con un taglio di 30 milioni rispetto a quanto veniva previsto dalla legge 92/12.

Comma 98 – Trattamento di fine servizio per i dipendenti pubblici

Viene decisa l’abrogazione, a partire dal 1° gennaio 2011, dell’articolo 12, comma 10, della legge n. 122/2010, (sulla base della sentenza n. 223/2012 della Corte Costituzionale). Le somme erogate a titolo di trattamento di fine servizio liquidate sulla base di tale disposizione sono riliquidate d’ufficio entro un anno dalla data di entrata in vigore del D.L. n. 185/2012, senza alcun recupero delle somme precedentemente erogate.

Comma 99 – Estinzione d’ufficio dei processi pendenti

Si tratta dei processi relativi alla restituzione del contributo previdenziale obbligatorio del 2,5%. Le sentenze emesse, se non passate in giudicato, sono da ritenersi prive di effetti.

Comma 115 – Funzioni delle Province

Viene prevista la sospensione per tutto il 2013 delle misure che riguardano la modifica delle funzioni delle Province: il Legislatore, evidentemente, si vuole riservare uno spazio per una ridiscussione complessiva di tutta la materia. 

Comma 229 – Pesca

Vengono stanziati 30 milioni di euro per il finanziamento degli ammortizzatori sociali destinati al sostegno del settore della pesca, recuperandoli dal Fondo per l’occupazione.

Commi da 231 a 235 – Modifiche apportate alla legge 214/11 sui cosiddetti “esodati”

Viene ampliata la platea dei lavoratori cui si applicano le regole “ante riforma Fornero”.I commi in questione saranno oggetto di un successivo articolo di approfondimento.

Comma 236 – Rivalutazione automatica delle pensioni

Si interviene sulla rivalutazione degli importi pensionistici, stabilendo che per il 2014 ciò non avverrà per le fasce di trattamento il cui importo è superiore a sei volte il trattamento minimo INPS.

Commi da 238 a 249 – Ricongiunzione e cumulo dei periodi assicurativi

Vengono affrontati i temi delle ricongiunzioni e dei periodi assicurativi.

Comma 250 – modifiche alla legge 92/12

Si tratta di interventi volti a modificare, e, in alcuni casi integrare, l’articolo 2 della Legge 92/2012 (si tratta della cosiddetta “Riforma Fornero”), in particolare per quanto riguarda le lettere a) e b) del comma 11 dell’articolo 2, che disciplina il trattamento di sostegno AspI; al comma 21 in riferimento alla mini AspI ed al comma 22, sempre dell’articolo 2 Legge 92/2012. Viene poi introdotto un nuovo comma il 24 – bis. Modifiche ulteriori vengono poi apportate al comma 31, al comma 39, e al comma 71.

Comma 251 – Fondi di solidarietà bilaterali

Viene spostato (attraverso la modifica del comma 4 dell’articolo 3 della Legge 92/2012) al 17 luglio 2013 il termine ultimo per la costituzione dei Fondi di solidarietà bilaterali, per tutti i settori che non sono coperti dall’integrazione salariale. Modifiche sono apportate anche ai commi 31 e 32 (sempre della legge 92/12) sulle prestazioni di CIG e CIGS che detti fondi debbono garantire.

Comma 252 – Incentivi all’occupazione

Viene inserito di un nuovo comma (12 bis) dopo il comma 12 dell’articolo 4 della legge 92/12.

Comma 253 – Programmi cofinanziati dai Fondi Strutturali 2007 – 2013

Viene introdotta una riprogrammazione dei Fondi strutturali UE che porteranno alle sole Regioni Convergenza 530 milioni di euro.

Comma 254 – Ammortizzatori sociali in deroga

Vengono stanziati 200 milioni di € per incrementare la dotazione per gli ammortizzatori in deroga: si tratta di risorse aggiuntivea quelle di cui al comma 15 (che ammontano a 970 milioni di euro).

Comma 255 – Monitoraggio sugli Ammortizzatori sociali in deroga

Viene previsto che entro il 30 aprile 2013 si provveda alla convocazione delle OO. SS. qualora le risorse destinate agli ammortizzatori in deroga si rivelassero insufficienti a coprire le richieste.

Comma 256 – Contratti di solidarietà

Vengono stanziati 60 milioni di euro in favore del contributo integrativo all’80% per i contratti di solidarietà.

Comma 265 – Lavori socialmente utili

Viene previsto un ulteriore stanziamento per il 2013 pari alla somma di 110 milioni di euro.

commi 336 e 337 – tutela della maternità e della paternità delle pescatrici autonome

Sono modificati l’articolo 66, comma 1 e l’articolo 68, D.Lgs. n. 151/2001 con l’introduzione di un comma 2-bis.

Comma 338 – Parità uomo – donna

Il divieto di qualsiasi discriminazione in materia di accesso al lavoro riguarda anche l’ampliamento di un’impresa o l’avvio e l’ampliamento di ogni altra forma di attività autonoma.

Comma 339 – Congedi parentali

All’articolo 32, del D.Lgs n. 151/2001 viene aggiunto un nuovo comma 1-bis che affida alla contrattazione collettiva l’incombenza di stabilire le modalità di fruizione del congedo parentale anche su base oraria, con l’equiparazione di un determinato monte ore alla singola giornata lavorativa. Particolare riguardo, circa le modalità di fruizione, per il personale del comparto sicurezza e difesa, di quello dei vigili del fuoco e del soccorso pubblico.

Vengono apportate modifiche al comma 3 e viene aggiunto un comma 4-bis

Comma 400 – Contratti a tempo determinato nelle Amministrazioni Pubbliche

A tutte le Pubbliche Amministrazioni (articolo 2, comma 1, del D.Lgs n. 165/2001) viene concessa la facoltà di prorogare i contratti a termine in essere al 30 novembre 2012 che superano il limite massimo dei 36 mesi o il diverso limite fissato dalla contrattazione collettiva di comparto, fino al 31 luglio 2013, previo accordo decentrato con le OOSS di settore, secondo quanto viene previsto dall’articolo 5, comma 4-bis, del D.Lgs n. 368/2001.

Comma 401 – Concorsi pubblici

Dopo il comma 3 dell’articolo 35 del D.Lgs n. 165/2001, sono inseriti i commi 3-bis e 3-ter. Il primo prevede la modifica della normativa sui concorsi pubblici per la riserva dei posti, e per titoli e esami. Il secondo prevede che le modalità ed i criteri applicativi, del comma 3-bis, che costituiscono comunque principi generali a cui devono conformarsi tutte le amministrazioni pubbliche, saranno forniti con DPCM da adottarsi entro il 31 gennaio 2013.

Comma 405 -Proroga di alcuni ammortizzatori

Viene prorogato, a tutto il 2013, il finanziamento degli ammortizzatori individuati ai commi 14, (35 mln € per la stipula dei Contratti di Solidarietà “poveri” ex comma 5, articolo 5, legge 236/93), 15, (le Cigs per cessazione di attività) e 16 (taglio del 10% del contributo istituzionale del Ministero del Lavoro a Italia Lavoro) dell’articolo 19 della legge n. 2/2009. 

Comma 406 – Regolamenti organizzativi dei Ministeri

Viene prorogato sino al 28 febbraio 2013 il termine ultimo per le Amministrazioni centrali dello Stato, per definire i propri assetti organizzativi.

Comma 410 – Personale degli Sportelli Unici per l’Immigrazione e delle Questure

Viene stabilita la proroga dei contratti in scadenza fino al 30 giugno 2013.

Comma 522 – Sciopero nei servizi pubblici essenziali

Vengono dimezzate le sanzioni a carico di chi non rispetta l’obbligo di erogazione dei servizi essenziali.

 

Brevi cenni ulteriori.

Nei primi commi si indicano i tagli di tutti i ministeri. Merita di soffermarcisi quello riferito al ministero del lavoro.

Comma 9 – Riduzione dello stanziamento a favore del Ministero del Lavoro

A partire dal 2014, i fondi per il funzionamento del Ministero del Lavoro, sono ridotti di 30 milioni di euro annui: il tutto, nella logica del contenimento della spesa pubblica postulato dall’art. 7 della legge n. 135/2012.

Comma 108 – Previdenza pubblica ed Istituti previdenziali

Previsione dell’obbligo per gli Enti di previdenza pubblica di conseguire risparmi aggiuntivi per almeno 300 milioni di euro all’anno. La riduzione appena citata sarà ripartita (comma 112) attraverso un DM del Ministro del Lavoro da adottare entro il 1° marzo 2013.

Comma 109 – Risparmi e Fondo per la non – autosufficienza

Il comma 109 prevede, nel triennio 2013 – 2015, un piano di verifiche nei confronti dei titolari di benefici scaturenti da invalidità civile, handicap, cecità, ecc., pari ad almeno 150.000. Le eventuali economie, susseguenti a tali accertamenti, andranno a finanziare il Fondo per le non autosufficienze fino alla concorrenza di 40 milioni di euro annui.

Comma 111 – Organici INAIL

Se ne prevede una riduzione degli organici, con esclusione delle professionalità sanitarie.

Comma 388 – Autocertificazione della valutazione dei rischi per le piccole imprese

Proroga fino al 30 giugno 2013 della possibilità di “Autocertificazione” degli obblighi del DVR di cui all’art. 29, c. 5, del D.Lgs. 81/2008 per le PMI, fino a 10 lavoratori.

 

2 febbraio 2013

Massimo Pipino


Partecipa alla discussione sul forum.