Regione Puglia: al via il bando per i piani formativi


Al fine di fornire sia alle grandi che alle piccole e medie imprese (PMI) sostegni finanziari per rafforzare la competitività del sistema economico e produttivo attraverso l’adeguamento e lo sviluppo delle competenze organizzative e della professionalità dei dipendenti, la Regione Puglia promuove la presentazione di piani formativi aziendali e pluriaziendali, rivolti allaformazione degli occupati di una o più imprese.

 

Soggetti attuatori

  • singole imprese solo ed esclusivamente per i propri dipendenti;

  • Raggruppamenti Temporanei di Imprese (RTI) o loro consorzi e/o Raggruppamenti Temporanei di Scopo (RTS);

  • organismi di formazione accreditati per la macrotipologia “formazione continua”, a cui l’azienda/e affidi/no l’incarico di realizzare l’attività formativa.

 

Imprese beneficiarie

Le imprese con le seguenti caratteristiche:

– di diritto privato;

– assoggettate al contributo dello 0,30% sul monte salari, di cui all’art. 12 della legge n. 160/1975, così come modificato dall’art. 25 della Legge 21/12/1978 n.845 e successive modificazioni;

– relativamente all’unità produttiva ubicata nel territorio regionale.

 

Lavoratori beneficiari

a) Lavoratori occupati che prestino la loro attività lavorativa presso un’unità produttiva ubicata nel territorio regionale;

b) lavoratori dipendenti in CIG/ CIGS;

c) lavoratori con contratto a progetto;

d) apprendisti, se l’intervento formativo è aggiuntivo rispetto a quello previsto dal contratto e dalla normativa vigente.

 

Interventi finanziabili

  • interventi di formazione tecnica o tecnologica o produttiva, finalizzati allo sviluppo delle tecniche e delle tecnologie produttive in senso lato ed alla conduzione di impianti, attrezzature o macchinari, nonché alla sperimentazione di materiali o prodotti innovativi;

  • interventi di formazione finalizzati al miglioramento della qualità del prodotto e all’ottimizzazione del ciclo produttivo;

  • interventi di formazione organizzativo – gestionale, finalizzati allo sviluppo delle tecniche di gestione e/o organizzazione aziendale e delle procedure interne;

  • formazione connessa allo sviluppo delle nuove tecnologie di comunicazione, di marketing, di informazione, di sviluppo commerciale;

  • formazione di personale dedicato ai processi di commercio con l’estero e di internazionalizzazione d’impresa;

  • percorsi di sostegno ai processi di sviluppo delle PMI e dei sistemi locali;

  • percorsi di sostegno ai processi di sviluppo dell’artigianato;

  • percorsi di sostegno ai sistemi di gestione ambientale, con attenzione alla gestione dei rifiuti e al risparmio di risorse idriche ed energetiche;

 

Contributo

Il contributo pubblico concesso per ogni singolo piano formativo aziendale e pluriaziendale è pari all’80% del costo complessivo e non può superare € 100.000,00.

Le attività formative di aggiornamento e/o riqualificazione non potranno avere una durata superiore a 80 ore pro capite.

Il numero di soggetti da porre in formazione, per ciascun piano formativo, non potrà essere inferiore a 4 unità.

Gli interventi approvati dovranno essere avviati entro e non oltre 60 giorni dalla firma dell’atto unilaterale e dovranno concludersi entro 12 mesi dalla data di avvio dell’attività didattica.

 

Modalità di erogazione del contributo

– acconto del 50% dell’importo assegnato ad ogni singolo piano, ad avvenuta comunicazione di avvio dell’attività;

– un pagamento intermedio, da richiedere entro i 2/3 di durata dell’arco temporale di realizzazione del piano, pari all’ulteriore 45%;

– saldo nella misura del 5%, a chiusura delle attività

 

Modalità e termini di presentazione delle domande

I soggetti attuatori dovranno presentare due diverse buste chiuse e sigillate:

1. Una busta contraddistinta dalla dicitura “Ragione sociale soggetto attuatore … – Documentazione di ammissibilità – “L .236/93 – Avviso n. Fc/2013 – Piani formativi aziendali e pluriaziendali” contenente:

  • la domanda di partecipazione sottoscritta dal legale rappresentante;

  • la documentazione di ammissibilità;

  • l’elenco di tutti i piani contenuti nella domanda con le relative indicazioni e l’elenco delle aziende partecipanti con le relative indicazioni;

  • accordo sottoscritto dalle parti sociali.

2. Una busta contraddistinta dalla dicitura “Ragione sociale soggetto attuatore … – Documentazione per la valutazione di merito – “L.236/93 – Avviso n. Fc/2013 – Piani formativi aziendali e pluriaziendali” contenente un formulario per ogni piano presentato.

Il plico dovrà essere consegnato esclusivamente a mano o tramite servizio di corriere espresso a:

REGIONE PUGLIA

Servizio Formazione Professionale

Via Corigliano 1 – Zona Industriale

70132 – B A R I

Entro i seguenti termini:

– 1° scadenza: entro le ore 13.00 del giorno 31/03/2012

– 2° scadenza: entro le ore 13.00 del giorno 30/06/2012

 

12 gennaio 2013

Anna Maria Pia Chionna


Partecipa alla discussione sul forum.