Le assenze retribuite: modalità operative, contrattazione collettiva, per svolgimento di operazioni elettorali, per motivi di studio e formazione professionale, per l'espletamento di cariche sindacali

I PERMESSI PER MOTIVI PERSONALI E FAMILIARI
La legge n. 53/2000 ha introdotto, con l’articolo 4 comma 1, il permesso retribuito per documentata grave infermità o decesso del coniuge o parente stretto. L’articolo in parola, stabilisce infatti che “i lavoratori hanno diritto ad un permesso retribuito di tre giorni lavorativi all’anno in caso di decesso o di documentata grave infermità del coniuge o di un parente entro il secondo grado o del convivente”. Questa legge ha, pertanto, equiparato il coniuge al convivente almeno per quanto riguarda la possibilità di usufruire di questa tipologia di permesso retribuito. Tuttavia, in caso di convivenza, la stessa deve essere comprovata da idonea certificazione anagrafica…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it