La confisca per equivalente non è applicabile retroattivamente

La confisca per equivalente assolve ad una funzione sostanzialmente ripristinatoria della situazione economica modificata in favore del reo dalla commissione del fatto illecito, mediante l’imposizione di un sacrificio patrimoniale di corrispondente valore a carico del responsabile.
Tale misura ablatoria si connota per il carattere afflittivo e la consequenzialità con l’illecito proprie della sanzione penale, mentre esula dalla stessa qualsiasi funzione di prevenzione, che costituisce la principale finalità delle misure di sicurezza.
Pertanto, è stato conseguentemente affermato dalla giurisprudenza ormai consolidata di questa Corte che l’Istituto della confisca per equivalente non è applicabile retroattivamente.
 
INAPPLICABILITA’ DELLA CONFISCA PER EQUIVALENTE NEI CONFRONTI DI UN SOGGETTO DIVERSO DALL’AUTORE DEL REATO. REATI FISCALI …

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in alto a destra. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it