Novità fiscali del 13 dicembre 2012: gli aggiornamenti IVA per il 2013

 

 

Indice:

1) Decreto cd. salva infrazioni in G.U.: tante le novità Iva nel 2013

2) Professionisti e studi di settore: le ultime dalla Cassazione

3) Lavoro subordinato: attività che non possono essere svolte sotto forma di collaborazione

4) Invio del DURC tramite PEC

5) Timbro digitale per estratto conto

6) Elezioni dei vertici nazionali: minata la credibilità dei Commercialisti?

7) Revisori Enti Locali: comunicato stampa UNGDCEC

8) Consiglio Nazionale dei Commercialisti commissariato

9) Novità in materia di incentivi all’assunzione

10) Eventi sismici del 20 e 29 maggio 2012: differimento del termine per il versamento dei contributi sospesi

 

 

1) Decreto cd. salva infrazioni in G.U.: tante le novità Iva nel 2013

Il Decreto cd. salva infrazioni (D.L. n. 216 del 11 dicembre 2012), contenente le disposizioni urgenti volte a evitare l’applicazione di sanzioni dell’Unione europea, è stato pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale n. 288 del 11 dicembre 2012. Considerata l’attuale situazione politica che caratterizza il nostro paese, è in atto incerta la sua conversione in legge, ma sembrerebbe che il contenuto possa confluire, con eventuali modifiche, nella Legge di Stabilità.

Di particolare rilievo l’art. 1 che contiene numerose novità nel campo Iva per l’anno 2013.

Tra di esse, si dispone che i soggetti passivi Iva stabiliti in Italia dovranno emettere la fattura anche per le seguenti tipologie di operazioni (quando non sono soggette all’imposta ai sensi degli articoli da 7 a 7-septies e indicano, in luogo dell’ammontare dell’imposta, le seguenti annotazioni con l’eventuale specificazione della relativa norma comunitaria o nazionale):

a) cessioni di beni e prestazioni di servizi, diverse da quelle di cui all’articolo 10, nn. da 1) a 4) e 9), effettuate nei confronti di un soggetto passivo che é debitore dell’imposta in un altro Stato membro dell’Unione europea, con l’annotazione “inversione contabile”;

b) cessioni di beni e prestazioni di servizi che si considerano effettuate fuori dell’Unione europea, con l’annotazione “operazione non soggetta”.

Le fatture emesse dal cessionario di un bene o dal committente di un servizio in virtù di un obbligo proprio recano l’annotazione “autofatturazione”.

Fattura semplificata

La fattura di ammontare complessivo non superiore a cento euro, nonché la fattura rettificativa di cui all’art. 26 del DPR 633/72, potrà essere emessa in modalità semplificata.

Altre novità

Per tutte le altre novità in materia di Iva, si rimanda agli articoli (sulle novità fiscali del giorno, ovvero Rubrica “Diario fiscale giornaliero”, ad es. si veda sulle novità fiscali del 11 dicembre 2012) pubblicati nei giorni scorsi sul Commercialista Telematico.

 

2) Professionisti e studi di settore: le ultime dalla Cassazione

Secondo la Corte di Cassazione (sentenza n. 22579 del 11 dicembre 2012), sono operazioni antieconomiche che giustificano il recupero del gettito i costi eccessivi del professionista rispetto al fatturato.

La Suprema Corte ha, così, respinto il ricorso di un legale che aveva dedotto i canoni di locazione dello studio pagati anticipatamente e poi era andato in pensione.

Il professionista aveva versato 150mila euro, pari a cinque anni di locazione dello studio quando il contratto prevedeva un versamento trimestrale. Il fisco aveva recuperato a tassazione le maggiori imposte disconoscendo le spese nell’anno in cui erano state dichiarate.

Studi di settore, si applica sempre il più recente se più favorevole al contribuente

Sempre a parere della Corte di Cassazione (sentenza n. 22599 del 11 dicembre 2012), si applica sempre lo strumento più recente più favorevole al contribuente altrimenti l’accertamento induttivo è nullo.

Nel caso di specie, i giudici supremi hanno accolto il ricorso degli eredi di un professionista che aveva eccepito la nullità dell’atto impositivo poiché basato su parametri  vecchi anziché su strumenti più aggiornati.

Per la Corte Suprema, la…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it