Novità fiscali del 29 novembre 2012 fatturazione operazioni intraUE: termini lunghi

 

Indice:

1) Fatturazione operazioni intra Ue: termini lunghi

2) Basta con la riproposizione della mediazione obbligatoria

3) Ifac, on line il 5° sondaggio internazionale sugli studi professionali

4) Agenzia delle Dogane: precisazione

5) Territorio: trasferimento Reparto PSI Castiglione delle Stiviere

6) MEF: pubblicato il rapporto sulle entrate – Settembre 2012

7) Le modifiche al Disegno Di Legge di stabilità per il 2013

8) Google: verifiche Gdf su redditi e Iva in Italia

9) Valida la notifica fuori residenza nelle mani della moglie convivente

10) Dal CNDCEC  le indicazioni in materia di liquidazione compensi a consulenti tecnici e periti

 

 

1) Fatturazione operazioni intra Ue: termini lunghi

Con il Decreto salva-infrazioni (Provvedimento atteso in Consiglio dei ministri)  in arrivo termini più ampi per la fatturazione delle operazioni intracomunitarie.

Fattura cumulativa e differita anche per le prestazioni di servizi

Possibilità di emettere la fattura con il registratore di cassa.

Si profila anche l’applicazione dell’Iva mediante integrazione della fattura del fornitore comunitario per tutti gli acquisti di beni e servizi. Ma anche estensione dell’obbligo di fatturazione alle operazioni “fuori campo” Iva per difetto di territorialità.

Sono queste solo talune delle tante novità in materia di Iva previste dallo schema di Decreto Legge c.d. “salva-infrazioni” che sarà approvato dal prossimo Consiglio dei ministri, che mira a recepire numerose direttive comunitarie in scadenza.

Tra queste, la direttiva 2010/45/Ue, concernente modifiche alla direttiva Iva, le cui disposizioni dovranno entrare in vigore il 1° gennaio 2013.

Termini di fatturazione

Le fatture relative alle operazioni intracomunitarie (cessioni di beni intra Ue e prestazioni di servizi generiche verso soggetti passivi Ue) potranno essere emesse entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione dell’operazione.

In tal modo si viene a superare l’obbligo di fatturazione istantanea delle prestazioni di servizi il cui momento di effettuazione, in base alle modifiche apportate dalla legge 217/11, si identifica con l’ultimazione del servizio.

In relazione a questa tipologia di prestazioni, il problema viene risolto anche nei rapporti con soggetti extracomunitari, prevedendo anche in tale ipotesi che la fattura o l’autofattura deve essere emessa nel suddetto termine.

Inversione contabile con fornitori Ue

Il sistema dell’integrazione della fattura del fornitore (in luogo dell’emissione dell’autofattura), ai fini dell’applicazione dell’imposta con il meccanismo dell’inversione contabile da parte del soggetto passivo nazionale, sarà esteso a tutte le operazioni ricevute da soggetti Ue (cessioni di beni e prestazioni di servizi).

Nei rapporti con fornitori Ue, quindi, i soggetti passivi nazionali osserveranno in ogni caso il procedimento delineato dalle disposizioni degli artt. 46 e 47 del D.L. n. 331/93.

Fatturazione differita delle prestazioni

Sarà possibile emettere la fattura differita anche per le prestazioni di servizi, purché individuabili attraverso idonea documentazione (es. il contratto, la nota di lavorazione, il documento di trasporto ecc.), effettuate nello stesso mese solare nei confronti del medesimo soggetto.

A queste condizioni potrà infatti essere emessa una sola fattura cumulativa, recante il dettaglio delle operazioni, entro il giorno 15 del mese successivo a quello di effettuazione delle prestazioni.

La disposizione permetterà, ad es., di incassare il corrispettivo e rinviare la fatturazione al 15 del mese successivo, purché vi sia traccia documentale del servizio.

Estensione dell’obbligo di fatturazione e volume d’affari

Uno degli aspetti negativi delle prossime novità legislative è legato all’estensione dell’obbligo di fatturazione alla quasi totalità delle operazioni non territoriali, tecnicamente “non soggette” ad imposta ai sensi degli artt. da 7-bis a 7-septies.

Infatti, queste…

Contenuto disponibile esclusivamente agli utenti abbonati
Per continuare a leggere il contenuto di questo articolo è necessario essere abbonati. Se sei già un nostro abbonato, effettua il login attraverso il modulo di autenticazione posto in cima alla pagina. Se non sei abbonato o ti è scaduto l'abbonamento, che aspetti?
Condividi:
Maggioli ADV
Gruppo Maggioli
www.maggioli.it
Per la tua pubblicità sui nostri Media:
maggioliadv@maggioli.it www.maggioliadv.it