Immobili di interesse storico artistico: agevolazioni fiscali

di Sandro Cerato - Il Caso del Giorno

Pubblicato il 20 novembre 2012

un panorama delle agevolazioni ai fini delle imposte dei redditi che spettano ai contribuenti proprietari di immobili di interesse storico ed artistico

Gli immobili di interesse storico o artistico disciplinati dal D.Lgs. 22.01.2004 n. 42 sono riconosciuti di interesse rilevante per motivi storici, artistici, archeologici e culturali mediante apposita notificazione amministrativa effettuata ai privati proprietari, possessori o detentori a qualsiasi titolo. L’apposizione del predetto vincolo determina l’insorgere di determinati obblighi quali, ad esempio, l’impossibilità di stipulare atti a titolo oneroso o gratuito - senza preventiva denuncia al Ministero competente (al quale spetta la prelazione) - che determinino (in tutto o in parte) il trasferimento della proprietà dell’immobile, oppure l’impegno del proprietario a consentire l’eventuale accesso al pubblico.

A fronte di tali obblighi, che comportano un restringimento dei poteri in cui si estrinseca l’esercizio della proprietà, era riconosciuto, fino al periodo d’imposta 2011, un trattamento fiscale agevolato secondo cui "in ogni caso, il reddito degli immobili riconosciuti di interesse storico o artistico … è determinato mediante l'applicazione della minore tra le tariffe d'estimo previste per le abitaz