Sanatoria immigrati: le ultime novità a pochi giorni dalla scadenza delle domande


La nuova procedura per la regolarizzazione degli stranieri, in scadenza al 15 ottobre 2012, si arricchisce di ulteriori novità legislative a pochi giorni dalla scadenza (salvo proroga dell’ultima ora). Il Ministero dell’Interno con la circolare n. 6121 del 4 ottobre 2012, ha chiarito la tipologia di documentazione utile ai fini dell’attestazione della presenza del lavoratore straniero sul territorio nazionale alla data del 31 dicembre 2011. Oltre al canonico passaporto si ritengono validi ad attestare la presenza sul territorio nazionale i seguenti documenti:

  • la certificazione medica proveniente da struttura pubblica;

  • il certificato di iscrizione scolastica dei figli del lavoratore;

  • le tessere nominative dei mezzi pubblici;

  • le certificazioni provenienti dalle forze pubbliche emesse a fronte di sanzioni stradali e amministrative;

  • le multe di ogni tipo;

  • la titolarità di schede telefoniche di operatori italiani (TIM, Vodafone, Wind, Tre…);

  • le ricevute rilasciate da centri di accoglienza o di ricovero autorizzati;

  • la documentazione rilasciata dalle rappresentanze diplomatiche o consolari in Italia recanti una data antecedente al 31 dicembre 2011.

 

Anche l’Inail con la circolare n. 48 del 2 ottobre 2012 è intervenuto in materia di regolarizzazione degli stranieri stabilendo che il datore di lavoro interessato deve provvedere all’apertura di apposita posizione assicurativa territoriale per ciascun lavoratore extracomunitario (non è interessata la procedura di emersione domestica). Il datore di lavoro già titolare di codice ditta deve presentare una denuncia di variazione mentre il datore di lavoro che non sia già titolare di un codice ditta deve inoltrare una denuncia di esercizio; l’istituto ha chiarito che in entrambi i casi il datore di lavoro deve indicare nella denuncia , quale data di inizio attività”, la data di assunzione irregolare già comunicata all’Inps ed eventualmente alla Cassa edile (in caso di trasmissione del modello telematico “EM-SUB” senza indicazione del codice ditta Inail occorre presentare una comunicazione integrativa allo sportello Unico per l’immigrazione al fine di completare la domanda). Infine, a seguito della denuncia ,l’Istituto provvederà ad inviare al datore di lavoro l’importo del premio da versare tramite F24 senza aggravio di somme aggiuntive.

 

11 ottobre 2012

Celeste Vivenzi


Partecipa alla discussione sul forum.