Auto aziendali: i vantaggi del noleggio a lungo termine


Il noleggio a lungo termine di autoveicoli è una forma contrattuale sempre più apprezzata ed utilizzata da parte delle aziende per la gestione delle flotte aziendali.

Tale favore deriva dal fatto che la gestione delle flotte aziendali tramite contratti di noleggio a lungo termine ha dei vantaggi economici ed amministrativi per l’impresa che deve utilizzare gli autoveicoli rispetto alla scelta di “comprare” (anche attraverso contratti di leasing) la flotta di auto aziendali.

In effetti, il primo vantaggio del noleggio a lungo termine è che l’impresa può evitare di dover investire o doversi indebitare (la prassi attuale del sistema è di acquistare autovetture con apertura di finanziamenti bancari o in leasing) col sistema bancario-finanziario per l’utilizzo degli autoveicoli. Il vantaggio economico finanziario che si ottiene è di pagare un canone mensile che è un canone di noleggio e non una rata di finanziamento, senza appesantire il rating creditizio aziendale.

Il secondo vantaggio è di tipo amministrativo ed è molto importante per le imprese che devono gestire flotte di autoveicoli numerose. Infatti, a differenza dei contratti di leasing, il contratto di noleggio a lungo termine esternalizza gli adempimenti di gestione della flotta ed i relativi costi vengono assorbiti nel canone mensile di noleggio dei mezzi.

Ad esempio, è la società che noleggia gli autoveicoli a gestire gli adempimenti amministrativi obbligatori, tra cui l’immatricolazione, la copertura assicurativa, l’assistenza, la manutenzione o le pratiche di cessione di veicoli commerciali usati

 

Fiscalità delle auto: cosa cambia dal 2013

Vediamo in breve anche quali sono le norme fiscali che interessano le auto “aziendali”. Ricordiamo che la Riforma Fornero, per finanziare i maggiori costi previdenziali, ha ridotto le possibilità di deduzione dei costi relativi agli autoveicoli a far data dall’1 gennaio 2013.

In articolare, con l’art. 72 della Legge 92/2012, che modifica l’art.164, comma 1, del TUIR, per gli autoveicoli non utilizzati esclusivamente come beni strumentali da imprese e professionisti, la percentuale di deducibilità del costo scende dall’attuale 40% al 27,50% (costo massimo riconosciuto fiscalmente in caso di acquisto: € 18.075,99 per 27,50%); la nuova misura della deducibilità interessa anche i noleggi a lungo termine con un massimale pari a € 994,18 annui (costo massimo riconosciuto fiscalmente del noleggio: € 3.615,20 per 27,5%).

E’ stata modificata anche la lettera b-bis del comma 1 dell’art. 164 TUIR, che prevede la deduzione per le auto assegnate in “uso promiscuo” al dipendente. Se risulta che l’auto è concessa in uso promiscuo ai dipendenti per la maggior parte del periodo d’imposta, è previsto che dall’1 gennaio 2013 la deduzione scenda dall’attuale 90% al 70%.

Nulla cambia per agenti e rappresentanti, per i quali la deducibilità rimane all’80%, e per coloro che utilizzano l’autoveicolo quale bene strumentale esclusivo per la propria attività (i.e. taxisti, autoscuole…), per i quali la deducibilità rimane al 100%.

 

12 ottobre 2012

G.C.


Partecipa alla discussione sul forum.